Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Green Color

Un grande risultato per i giovani atleti della Lega Navale Italiana ai Campionati Mondiali di Vela Giovanile 2022 dell’Aia (Paesi Bassi). Le veliste della Sezione LNI di Mandello del Lario Camilla Michelini e Margherita Bonifaccio hanno conquistato la medaglia di bronzo nella classe 420. 

Il Presidente Nazionale LNI, Amm. Donato Marzano ha così commentato il successo ottenuto: "Il brillante risultato di Camilla e Margherita conferma la professionalità e la passione dei nostri dirigenti e dei nostri istruttori che da 125 anni avvicinano i ragazzi al mondo degli sport nautici. Congratulazioni da tutti i soci della Lega Navale Italiana alle nostre veliste, alle loro famiglie, al Presidente e a tutta la Sezione di Mandello del Lario che non è nuova a simili brillanti risultati sportivi."

Per quanto riguarda il Nations Trophy, assegnato sommando le prestazioni di tutti gli atleti in gara, l’Italia si è collocata al terzo posto, ottenendo il bronzo.

 

Crediti foto: FIV

 

Ecco il comunicato della FIV: 

 

Un argento nel KiteFoil, ottenuto da Riccardo Pianosi, un bronzo nel 420 femminile, conseguito da Camilla Michelini e Margherita Bonifaccio, ed il 3° posto con 80 punti nel Nations Trophy, sono il super bottino del team italiano allo Youth Sailing World Championships 2022 svoltosi nelle acque di The Hague in Olanda. Poco vento e corrente molto forte hanno caratterizzato tutta la settimana di gare.

 Alessandra Sensini, Direttore Tecnico Giovanile:  "Siamo contenti ed orgogliosi delle due medaglie conquistate: l’argento e il bronzo ottenuti dal team italiano rispettivamente nel KiteFoil da Riccardo Pianosi e nel 420 femminile da Camilla Michelini e Margherita Bonifaccio. Pianosi è andato vicinissimo all’oro, come lo scorso anno se l’è giocata con il singaporese, come lui tra i migliori al mondo della disciplina. E’ stata determinante la rottura della vela grande il terzo giorno di regata, proprio mentre era in testa al campionato, che ha dovuto sostituire con una vela più piccola non adatta al vento che c’era. Nel 420 femminile, Camilla e Margherita hanno fatto tesoro dell’esperienza al mondiale giovanile dello scorso anno e questa volta non si sono fatte scappare il podio con il bronzo. Per tutta la settimana abbiamo avuto una corrente molto forte, spesso troppo rispetto all’intensità del vento e questo ha generato lunghe attese a terra e in mare e ritardi importanti nel programma e numero di regate disputate. La classe più penalizzata è stata l’IQFOIL che ha regatato solo due giorni su cinque di campionato. Solo 10 prove disputate per le donne e 11 per gli uomini su 18 in programma, delle quali solo una di course e 9 di slalom dove le batterie sono state rimescolate solo due volte. Sono contenta di tornare sul podio del Nations Trophy, quest’anno 66 le nazioni presenti, una forte motivazione a fare ancora meglio”.

Classe 420

MASCHILE:

1° Freddie Parkin-Asher Beck (USA)

2° Roi Levy-Ariel Gal (ISR)

3° Ema Samarzija-Leon Scheidl (CRO)

FEMMINILE:

1° Maria Perello Mora-Marta Cardona Alcantara (ESP)

2° Amelie Wehrle-Amelie Rinn (GER)

3° Camilla Michelini-Margherita Bonifaccio (ITA)

Gli italiani in gara:

MASCHILE

11° Flavio Fabbrini-Matteo Maione

FEMMINILE

3° Camilla Michelini-Margherita Bonifaccio

Le dichiarazioni dei protagonisti:

Camilla Michielini: “Abbiamo conquistato la medaglia di bronzo e siamo soddisfatte del risultato anche se con l’ultima prova saremo potute salire sul gradino più alto. E’ stato un campionato difficile soprattutto per le condizioni: la corrente, il poco vento e l’organizzazione che non è stata il massimo. Ora siamo pronte per i prossimi Campionati, abbiamo l’Europeo tra una settimana ed il mondiale ad agosto. Siamo molto cariche per tutto”.

Margherita Bonifaccio, prodiera dell’equipaggio: “Siamo contente del terzo posto conquistato ma consapevoli che avremmo potuto fare di più, infatti fino all’ultima prova eravamo al vertice della classifica. Sfortunatamente le condizioni non erano delle migliori e abbiamo fatto il nostro scarto, ma siamo comunque felici di quanto siamo riuscite ad ottenere e carichissime per i prossimi Campionati”.

Classe 29er

MASCHILE:

1° Maximo Videla-Tadeo Funes de Rioja (ARG)

2° Santiago Sesto Cosby-Leo Wilkinson (GBR)

3° George Lee Rush-Seb Menzies (NZL)

FEMMINILE:

1° Amparo Stupenengo Pefaur-Julia Pantin (ARG)

2° Lucie Gout-Fleur Babin (FRA)

3° Emily Polson-Maddalena di Salvo (HKG)

Gli italiani in gara:

MASCHILE

9° Zeno Marchesini (FV Malcesine)-Carlo Vittoli (CV Bari)

FEMMINILE

11° Malika Bellomi (CV Arco)-Beatrice Conti (CV Arco)

Classe NACRA 15

1°Axel Grandjean-Noemie Fehlmann (SUI)

2° Daniel Garcia de la Casa-Nora Garcia de la Casa (ESP)

3° Tiphaine Rideau-Titoun Moreau (FRA)

Gli italiani in gara:

6° Giorgio Bona (LNI Riva del Garda) – Isotta Poggi (Circolo Nautico Brenzone)

Classe KiteFoil

 MASCHILE:

1° Maximilian Maeder (SGP)

2° Riccardo Pianosi (ITA)

3° Jakub Jurkowski (POL)

FEMMINILE:

1°Julia Damasiewicz (POL)
2° Héloïse Pegourie (FRA)

3° DerIn Atakan

Gli italiani in gara:

MASCHILE

2° Riccardo Pianosi (CV Portocivitanova)

FEMMINILE

8°Maddalena Spanu (WC Cagliari)

Le dichiarazioni dei protagonisti:

Riccardo Pianosi: “E’ stato un bel campionato, molto combattuto. Ci siamo fatti un bel match race tutta la regata io ed il singaporese Maximilian Maeder. E’ stata dura, soprattutto psicologicamente, stare tutto il tempo attaccati. Anche fisicamente e mentalmente siamo distrutti. Sono molto contento del risultato anche se avrei potuto giocarmela meglio per il primo posto. Purtroppo la giornata di ieri non è andata bene e ho perso due punti per pochissimo. Per pochi punti non ho preso il primo posto”.

Classe iQFOiL

MASCHILE:

1° Charlie Dixon (GBR)

2° Hidde van der MEER (NED)

3° Nacho Baltasar Summers (ESP)

FEMMINILE:

1° Tamar Steinberg(ISR)

2° Merve Vatan (TUR)

3° Lina Erzen (SLO)

Gli italiani in gara:

MASCHILE

9° Jacopo Gavioli (CS Torbole)

FEMMINILE

4° Sofia Renna (CS Torbole)

 

Classe ILCA 6

MASCHILE:

1° Rocco Wright (IRL)

2° Sebastian Kempè (BER)

3° Ole Schweckendiek (GER)

FEMMINILE:

1° Eve McMahon (IRL)

2° Evie Saunders (AUS)

3° Roos Wind (NED) 

Gli italiani in gara:

MASCHILE

6° Mattia Cesana (FV Riva)

FEMMINILE

8° Carlotta Rizzardi (CV Torbole)

Le dichiarazioni dei protagonisti:

Mattia Cesana: “Condizioni molto difficili ed impegnative nell’ultima giornata che è stata molto bella perché siamo riusciti a chiudere in bellezza questo Campionato, dopo le varie difficoltà. Squadra molto compatta ed unita dove gli atleti si sostenevano l’un l’altro per arrivare a vincere questo trofeo di squadra, obiettivo che purtroppo abbiamo mancato. Non ci demoralizziamo ma cerchiamo di tornare sempre più carichi e forti di prima. Speriamo di continuare così e di migliorarci”.

Le dichiarazioni dei Tecnico:

Gigi Picciau, tecnico FIV: “La regata del 420 femminile è stata abbastanza brutta dalla fine del primo giro in avanti. Le ragazze hanno così perso il contatto con le avversarie finendo col fare la peggior regata della settimana e del campionato. Fortunatamente avevano regatato bene prima e il risultato di scarto era ancora abbastanza buono. Questo ha consentito loro di aggiudicarsi la medaglia di bronzo che è un ottimo risultato. Vincere una medaglia è complesso dato che gli equipaggi sono super selezionati e tutti molto bravi. Siamo tutti soddisfatti di questo traguardo. Ringrazio per l'ottimo lavoro il tecnico delle ragazze del 420, Antonio Tamburin, allenatore della lega Navale di Mandello del Lario”.

 

L’elenco completo degli atleti italiani in gara:

Classe 420

- Flavio Fabbrini (CRV Italia) – Matteo Maione (CRV Italia)

- Camilla Michelini (LNI Mandello del Lario) – Bianca Bonifaccio (LNI Mandello del Lario)

Classe 29er

- Zeno Marchesini (FV Malcesine) - Carlo Vittoli (CV Bari)

- Malika Bellomi (CV Arco) - Beatrice Conti (CV Arco)

Classe NACRA 15

- Giorgio Bona (LNI Riva del Garda) – Isotta Poggi (LNI Riva del Garda)

Classe KiteFoil

- Riccardo Pianosi (CV Portocivitanova)

- Maddalena Spanu (WC Cagliari)

Classe iQFOiL

- Jacopo Gavioli (CS Torbole)

- Sofia Renna (CS Torbole)

Classe ILCA 6

- Mattia Cesana (FV Riva)

- Carlotta Rizzardi (CV Torbole)


Tecnici accompagnatori:
Direttore Tecnico Giovanile Alessandra Sensini
Gigi Picciau

Fabio Zeni

Giovanissime e talentuose le due atlete della Lega Navale di Mandello del Lario, Camilla Michelini (classe 2004) e Margherita Bonifacio (classe 2005) che oggi, domenica 10 luglio, indosseranno le divise azzurre e cercheranno di portare l’Italia sul gradino più alto del podio durante il mondiale giovanile di World Sailing, disputato in Olanda.

A sperare in un successo anche Michele Belingheri, presidente della Sezione LNI di Mandello del Lario: “È già il secondo anno di fila che Margherita e Camilla rappresentano il tricolore: alla prima partecipazione sono arrivate quarte, quindi siamo fiduciosi possano conseguire risultati ancora più importanti. I presupposti ci sono tutti, e anche la qualità: hanno infatti vinto il ranking femminile della loro classe, la 420″.

Dal 6 al 10 Luglio si è svolto nelle acque del Golfo di Manfredonia il Campionato Italiano Platu 25. L’evento velico, originariamente previsto a Bari, nasce dalla collaborazione tra Circolo Nautico Bari, Lega Navale Italiana - Sezione di Manfredonia, Yachting Club Marina del Gargano e dal supporto logistico del Porto Turistico di Manfredonia. Momenti di grande sport lungo la costa garganica, con ben otto prove complessivamente disputate su percorsi a bastone “bolina/poppa” nelle quattro giornate di gara in programma. Vince il titolo di campione italiano Open Platu25 la pluridecorata barca di Francesco Lanera, EUZ II. 
 
Nella prima giornata gli equipaggi hanno affrontato condizioni estive con mare piatto e vento fino a 10 nodi, ma i giorni seguenti le cose si sono fatte più complicate con una seconda giornata talmente burrascosa da costringere regatanti e organizzatori a rientrare in porto, sferzati dalla pioggia e dalle raffiche fino a 40 nodi con onde considerevolmente alte. Poi una terza giornata scoppiettante con vento fino a 18 nodi da terra e direzione molto variabile, e infine l'ultima giornata ancora con vento fortemente oscillante. 
 
La Lega Navale di Manfredonia è onorata di aver collaborato con successo all’organizzazione di questo importante evento in partnership con lo Yachting Club e con il Marina del Gargano, frutto di promettenti sinergie sul territorio, con l'auspicio di continuare ad organizzare eventi sportivi di livello sempre più alto al fine di diventare punto di riferimento per la vela sportiva in Italia. Un doveroso ringraziamento ai soci della Sezione di Manfredonia che hanno collaborato attivamente, garantendo il supporto alle attività di Segreteria, coadiuvando il Comitato di Regata FIV a terra e a mare, fornendo l'assistenza con gommoni, barche appoggio e driver posaboe nella preparazione dei campi di regata e, dulcis in fundo, sostenendo le iniziative collaterali all'evento sportivo.
 
 

Grande risultato per la vela italiana. Il giovanissimo velista Francesco Carrieri (13 anni), alla sua prima esperienza internazionale, ha ottenuto la medaglia di bronzo ai campionati mondiali Optimist di Bodrum (Turchia) dopo dodici eccellenti prove. Carrieri ha iniziato la sua carriera sportiva con un corso di vela alla Sezione della Lega Navale Italiana di Trani, per poi passare alla LNI di Bari e infine da Juniores è approdato al Circolo Vela Bari. 

 

“Ho fatto bene – ha dichiarato a caldo – sono contento soprattutto perché sono sul podio pur avendo sbagliato molto, ma va bene così, va davvero bene: è stato un campionato molto difficile”.

 

Tutta la Nazionale ha regatato al meglio. Il team italiano ha conquistato la Nations Cup per il secondo anno consecutivo con la miglior somma dei piazzamenti dei cinque atleti, tutti esordienti in un campionato iridato.

 

Foto Credit: Matias Capizzano / Farevela.net

 

 

La Regata del Grande Salento "Brindisi–Valona" (7-10 luglio 2022), in aderenza agli scopi istituzionali della Lega Navale Italiana, rientra nell’ottica della valorizzazione della cultura del mare e dello sport della vela. Una regata sportiva nel senso più antico e nobile del termine, improntata al piacere del mare e della vela, alla riscoperta del legame “uomo-barca-vento” e della terra al di là del mare. Questa Regata nasce con la sua prima edizione nel 2011, a venti anni dallo sbarco a Brindisi dei profughi albanesi, con il nobile scopo di ricordare e ripercorrere quella rotta con altri intenti e significati.

All’imbarcazione prima classificata in tempo reale viene assegnato il “Trofeo dell’Accoglienza”, a simboleggiare, con un premio, la generosità che la città dimostrò in quegli anni, confermando una antica vocazione, tipica delle città di mare e della città di Brindisi in particolare. Al “Trofeo dell’Accoglienza”, si aggiunge il Trofeo “Mirko Gallone”, dedicato al sottufficiale della Marina Militare e socio LNI prematuramente scomparso nel 2017 che aveva disputato tutte le edizioni della regata.

La barese «Buena Vista» è la dominatrice dell’undicesima edizione della regata Brindisi-Valona. L’imbarcazione del Cus Bari, che aveva tagliato prima di tutti il traguardo di Valona, si è imposta anche nella classifica over all (tempo compensato) e nella classe ORC A-B. Nelle tre graduatorie, la barca di Luigi Pannarale ha preceduto la brindisina «Aria» (Lega Navale Italiana) di Guido Bianco e Giovanni Cavallo; terza all’arrivo in tempo reale «Shamadi» della LNI Taranto. «Buena Vista» ha conquistato sia il Trofeo dell’Accoglienza che il Trofeo «Mirko Gallone».

Ecco tutte le classifiche della regata.

 

CLASSE LIBERA

1) Divina 2 – LNI Brindisi

2) Mattone – Lni Brindisi

3) X-Bac – LNI Brindisi

CLASS ORC Gran Crociera

1) Talitha – LNI Brindisi

2) No Problem – LNI Brindisi

3) Ali Naturali – LNI Brindisi

CLASSE ORC C

1) Lea – Circolo della Vela Brindisi

2) Excellent – LNI Brindisi

3) Ariel – Lni Taranto

CLASSE ORC A – ORC B

1) Buena Vista – Cus Bari

2) Aria – Lni Brindisi

3) Shamadi – LNI Taranto

CLASSIFICA IN TEMPO REALE – TROFEO DELL’ACCOGLIENZA

1) Buena Vista – Cus Bari – Luigi Pannarale

CLASSIFICA OVER ALL – TROFEO «MIRKO GALLONE»

1) Buena Vista – Cus Bari – Luigi Pannarale

 

 

  

 

 

Si è concluso il 26 giugno il 'Trofeo città di Venezia - La vela senza barriere', la regata interzonale di classe Hansa organizzata dalla Lega Navale Italiana sezione di Venezia, il Circolo della vela di Mestre e la onlus "Vela Mestre per tutti" nello specchio d’acqua compreso tra il Lido e Malamocco.

In gara 20 imbarcazioni Hansa 303 provenienti da varie regioni d'Italia si sono sfidate nel corso di due giornate portando a casa cinque prove disputate nonostante i venti leggeri da sud est e i continui salti e rotazioni. Gli equipaggi composti per la maggior parte da atleti disabili misti ad atleti normodotati.

Dopo una serie di imprevisti nel primo giorno di regate, il palermitano Carmelo Forastieri, ha trovato il suo “passo” nella seconda giornata di regate del 1’ Trofeo città di Venezia e concluso la trasferta veneta sul gradino più alto del podio. Mentre Giuseppe Di Salvo, anche lui rappresentante della Lega navale Italiana Palermo, dopo uno strepitoso sabato di regate piazzatosi primo nella classifica provvisoria della giornata, domenica alla fine ha chiuso al quarto posto. Sempre nella categoria singolo, la medaglia d’argento è andata a Gino Bigai della LNI Brescia Desenzano ASD e il terzo posto a Stefano Maurizio, Compagnia della Vela Venezia.

Ancora medaglie per i soci LNI anche in doppio: al primo posto Alex Ferjani e Silvia Ranini della LNI Trieste, seguiti da Gianni Garulli e Elena Gallina della LNI Brescia Desenzano ASD e terzo posto per Paolo Bianchin e Carlo Vianello del Circolo della Vela Mestre.

Da segnalare anche Serena Zampardi che ha esordito come timoniera, insieme al prodiere Fabio Aiovalasit, entrambi della LNI Palermo, piazzandosi primi tra gli equipaggi dei siciliani e settimi nella classifica generale nella regata di Venezia.

I più letti