Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Inaugurata presso la sede della Lega Navale di Matera-Castellaneta, nei Sassi d Matera, la mostra “Pesca miracolosa” dell’artista Gianni Maran dedicata all’ecosistema marino. Al vernissage hanno partecipato l’artista Gianni Maran, il segretario generale dell’Università Popolare di Trieste, Fabrizio Somma, il pro rettore all’internazionalizzazione dell’Università degli studi della Basilicata, Michele Greco, l’assessore comunale all’ambiente Giuseppe Digilio, i consiglieri provinciali Carmine Alba e Francesco Mancini, il consigliere regionale Roberto Cifarelli, il presidente della Fondazione Sassi, Enzo Santochirico e la consigliera comunale Cinzia Scarciolla mentre ha fatto gli onori di casa Marco Pagano in rappresentanza della Lega Navale di Matera-Castellaneta.

Una mostra che parla al cuore dei visitatori toccando i temi della sostenibilità ambientale, dell’importanza della risorsa idrica e soprattutto dell’importanza della biodiversità e dell’inclusione sociale. 20 i dipinti esposti. Nel corso del vernissage sono stati realizzati laboratori didattici per la costruzione di strumenti ad acqua ed è stata proiettato un video tridimensionale sul rapporto tra Matera, il territorio e l’Acqua dalle sue origini ai giorni di oggi.

Alla mostra e al video si sono aggiunte poesie del mare, del rapporto originario e originale con esso dell’autore Biagio Marin, poeta di frontiera, e della sua poesia, poesia di mare, ma soprattutto le acque delle coste Italiane – tra storia, fiaba e ricordo.

La mostra è un’iniziativa culturale organizzata ina collaborazione con l’associazione MaterAcqua, l’Università di Basilicata e soprattutto con l’Università Popolare di Trieste ed ė stata patrocinata dal Comune di Matera, dalla Provincia di Matera, dal Consiglio regionale di Basilicata, dall’Assessorato Ambiente della Regione Basilicata, dalla Regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia, dal Flag Basilicata, dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019 e dalla Camera di Commercio di Basilicata.

Il percorso espositivo dell’Artista Gianni Maran parla e racconta di una sua dimensione dove l’anima si muove parallela al pensiero e la materia sembra fluttuare come se si trovasse in fondo al mare: è l’apnea dell’anima, è il sogno che si avvera, trasformando in luce, ogni goccia di questo immenso oceano.

La mostra rimarrà aperta dal 29 giugno al 30 luglio 2022 e sarà visitabile dal martedì alla domenica, dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 19,00. Ingresso libero.

La fotogallery della mostra “Pesca miracolosa” dell’artista Gianni Maran (foto e fonte www.SassiLive.it)

Nell’ambito della manifestazione del Palio del Golfo, si è svolta la quarta Prepalio della stagione, organizzata dalla Borgata La Spezia Centro in collaborazione con  la Sezione LNI de La Spezia, che ha recentemente stretto un accordo di collaborazione con la Borgata stessa. Proprio per questo evento è stato istituito un prestigioso premio realizzato dal Maestro Giuliano Tomaino, premio denominato 1° trofeo LNI Sp – Telethon, in virtù anche della collaborazione, ormai, con il Telethon territoriale.

La scultura, una mano aperta, oltre a portare  i colori della Borgata, rosso e blu, rappresenta iconicamente la solidarietà, l’accoglienza e la collaborazione, valori condivisi dalle tre associazioni impegnate congiuntamente in importanti progetti sociali ed ambientali che coinvolgono i giovani e i ragazzi diversamente abili.

Il Trofeo, assegnato al primo armo classificato nella categoria senior, è stato assegnato alla  Borgata Fossamastra.

Con una duplice manifestazione (concerto per la cittadinanza, con la banda del Comune di Canegrate e un’iniziativa di solidarietà) la sezione di Arona ha festeggiato il 125° anniversario della Lega Navale Italiana.

In coerenza con i valori promossi dalla LNI (Sport, Solidarietà, Cultura, Ambiente) è stata organizzata una cena di solidarietà e una raccolta fondi “Acquista 2kg di Hansa 303”, diretta ad acquistare una nuova imbarcazione Hansa 303, da destinare alle attività velistiche delle persone con disabilità.

Il sogno è di riuscire ad avere una piccola flotta di queste imbarcazioni per poter organizzare attività ludiche, formative e agonistiche per le persone con disabilità. Il concerto ha visto la partecipazione (e l’apprezzamento) di molti aronesi e turisti; invitate anche le autorità cittadine.

Alla cena hanno partecipato un centinaio fra Soci e ospiti. La raccolta fondi (Acquista 2kg di Hansa 303), insieme al ricavato netto della cena ci permetterà di acquistare presto la nuova Hansa 303!

Durante la serata sono stati festeggiati anche i recenti risultati agonistici degli atleti della LNI di Arona:

  • Secondo posto alla 151 miglia – Classe ORC Gran Crociera: Oscar Bonetti, Alice Segala, Andrea Pirazzoli, Damiano Zilio, Giovanna Sora
  • Terzo posto alla 151 miglia – Classe ORCX2: Beppe Agliardi e Pasquale Volpe
  • Partecipazione al Campionato Nazionale Hansa 303 di Oristano: Antonella Rizzuto e Daniele Gualchi

 

C'è ancora tempo per partecipare alla raccolta fondi per l'acquisto di nuove imbarcazioni Hansa 303 per velisti con disabilità. Si può effettuare un bonifico su:

 

IBAN: IT201 08327 03231 00000000 5436

 

Intestato a: Lega Navale Italiana Sezione Lido di Ostia

La Sezione LNI di Siena e Val d’Elsa, nella ricerca dell'adempimento alle attività istituzionali e promozionali, nel mese di maggio ha avuto il piacere di poter ospitare per i corsi di vela alcune classi delle scuole presenti in zona.

Sono salite a bordo la I classe del Liceo Scientifico Sportivo e la III del Liceo Scientifico Alessandro Volta di Colle Val d'Elsa, oltre alla III e alla V dell'IIS Roncalli di Poggibonsi. Una classe del liceo Linguistico di Colle Val D’Elsa, invece, farà questa esperienza a settembre, alla ripresa dell'anno scolastico.

Tutto si è svolto in sei stupende giornate di vela a Castiglione del Lago, sul Trasimeno, con 30/35 ragazzi e ragazze per giornata, saliti a bordo delle 2 imbarcazioni LNI e di altre 5 del Club Velico, con condizioni di tempo e di vento ottimali per affrontare la prima esperienza di vela.

La Sezione LNI di Torre Colimena, grazie ad un’intesa con la ASL di Taranto, ha attivato un presidio estivo del servizio di pronto intervento del 118, dedicando un’area dello spazio in concessione.

Per il conseguimento di questo importante risultato è stato determinante l’interesse da parte del Tesoriere di Sezione, il dott. Luca Ciccarese, che conducendo uno studio minuzioso quanto efficace è riuscito a trovare il consenso da parte dell’ente sanitario già nel 2021 ,anno però in cui purtroppo le ancora stringenti condizioni pandemiche non avevano permesso l’attivazione del servizio.

L’impegno si è profuso pertanto in tutti i Consiglieri che si sono adoperati all’adeguamento delle aree destinate all’ubicazione dei mezzi di soccorso.

Il presidio pertanto è attivo nel periodo estivo, ovvero dal 15 Giugno al 15 Settembre, garantendo una copertura h 24 grazie alla locazione di un immobile situato dirimpetto alla sede della Sezione, che consente l’alloggio degli operanti quando svincolati dalle emergenze.

Si tratta pertanto di un importantissimo progresso per le nostre marine, che prima d’ora non avevano mai avuto questo genere di copertura e che ben si sposa che con le già notorie intese con la Capitaneria di Porto, sotto il coordinamento della quale abbiamo operato in innumerevoli soccorsi in mare, così come per la recente adesione alla campagna A.I.B.(avvistamento incendi boschivi) promossa da Riserve Naturali LTO.

Èattualmente al vaglio da parte del Collegio Direttivo e dei vertici Asl Taranto la possibilità di potenziare il servizio in oggetto, tramite l’ausilio dei mezzi nautici di proprietà del 118 Regione Puglia, il cui eventuale conseguimento potrà offrire massimo supporto negli svariati scenari di emergenza marittima.

Il 10 giugno 2022, in occasione della festa della Marina Militare, alla presenza dell’ Ammiraglio di Divisione Pierpaolo Ribuffo, Comandante Marittimo Nord; Ammiraglio Ispettore Capo (r) Marco Manfredini, delegato regionale ANMI; Ammiraglio Ispettore Capo (r) Claudio Morellato, presidente LNI sez. La Spezia è stato reso onore ad un eroe italiano, Nazario Sauro,  con la deposizione della corona presso il monumento che lo ricorda.

Nazario Sauro, irredento istriano, allo scoppio della prima guerra mondiale si arruolò  nella Regia Marina, dopo aver partecipato a numerose azioni , in seguito all’incaglio sullo scoglio della Galiola, in acque nemiche, del nostro sommergibile Giacinto Pullino, fu catturato e identificato dagli austriaci, il 10 Agosto 1916, venne impiccato per tradimento.

Alla Sua memoria fu decretata la Medaglia d’Oro al valore

Nell’anno 1923 la Sezione spezzina della Lega Navale Italiana propose di far erigere una statua a Suo ricordo  che fu realizzata nel 1925, ad opera dello scultore Enrico Cerami.

Il monumento  posto ai giardini a filo di Viale Italia, nelle aiuole di fronte all’attuale palazzo Croce di Malta, è un’erma, con un clipeo in bronzo rotondo raffigurante il viso di Sauro, sovrastata dalla statua di un marinaio in atto di lanciare una gomena,

Durante la seconda guerra mondiale, nel 1943 in occasione di un bombardamento aereo, la statua bronzea del marinaio, fu danneggiata e quindi rimossa allo scopo di recuperare il prezioso metallo.

L’erma rimase a lungo in quello stato, e finalmente il 10 Giugno 1982, sempre per iniziativa della sezione della Spezia della  L.N.I., col concorso della Marina Militare , fu restaurata , pur restando privo della statua e furono poste ai lati due targhe bronzee, una con la motivazione della M.O. e l’altra a cura della Sezione, che così recita.

“La Lega Navale Italiana, nel segno della sua tradizione e nel ricordo di un grande sacrificio, ripropone”.

Alla cerimonia parteciparono le Autorità cittadine e militari, e da Roma il Presidente Nazionale della Lega Navale, Ammiraglio Filippo  Ferrari Aggradi.

Nel 2017 il clipeo con il volto di Sauro sparì, non si sa se per gesto vandalico, o per furto e l’erma si ritrovò sfigurata.

Un primo tentativo della Sezione L.N.I volto a ripristinare l’opera, risultò vano, ma successivamente riuscì quello promosso dall’Associazione  “Amici del Museo Navale e della Storia” che, con la collaborazione congiunta dell’Architetto Paolo Camaiora e del laboratorio di Franco Del Chiaro di Pietrasanta ,  ha portato alla realizzazione del tondo in bronzo raffigurante il volto dell’Eroe.

Il 25 Febbraio 2021 nel corso di una cerimonia, ha avuto luogo il ripristino dell’erma così restaurata, presenti il Sindaco Pierluigi Peracchini, l’assessore Oscar Teja, tra i promotori dell’iniziativa,  l’amm. Roberto Liberi, presidente degli Amici del Museo Navale, nonché  Romano Sauro, nipote dell’Eroe.