Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Green Color

Un grande gesto di solidarietà a Fiumicino. Maurizio Schepici – pilota di motonautica del team Tommy Offshore e titolare del record del mondo di altura, massima categoria, monocarena V1 e Medaglia d’Oro al Valore Atletico – ha infatti donato alla Polizia e ad i Carabinieri di stanza a Fiumicino una dotazione di mascherine protettive FFP2, sufficiente a coprire l’intero organico di entrambe le forze.

«Abbiamo pensato – ha dichiarato Schepici – a chi ogni giorno lavora per la nostra sicurezza, in partciolar modo ai nostri carabinieri e poliziotti che devono intervenire su più fronti in questo periodo: dal controllo di chi non rispetta le norme vigenti per il coronavirus, alle liti in casa, alla delinquenza che approfitta della chiusura generale per colpire. Tutti fronti dove spesso i nostri rappresentanti delle forze dell’ordine vanno sprovvisti delle dotazioni di sicurezza personale anti-contagio, esponendosi a rischi oltre misura. Il loro è un lavoro che va tutelato e riconosciuto».

L’edizione 2020 degli UIM Awards si terrà oggi presso il Museo Olimpico di Losanna. Per la prima volta, quindi, la cerimonia che premia i migliori 50 Campioni UIM non si svolgerà a Montecarlo.

Raffaele Chiulli (Presidente UIM) ha elogiato la location che ospiterà l’evento: «Siamo onorati e felici di riunire la comunità internazionale UIM nella capitale olimpica e di celebrare il successo dei concorrenti di tutto il mondo nel Museo Olimpico. Qui, attraverso mostre tematiche e cimeli unici, i visitatori si immergono nel cuore del movimento olimpico, che rende omaggio ai meriti degli eroi dello sport che hanno segnato la nostra storia».

All’evento, che prenderà il via alle ore 18:00 presso l’Auditorium del Museo, sono attesi  Campioni del Mondo UIM provenienti da più di 15 paesi diversi. Questi rappresenteranno il meglio del 2019 nelle cinque differenti discipline targate UIM: Offshore, Circuit, Pleasure Navigation, Aquabike e Motosurf.

Con cinque piloti campioni del mondo, il team Abu Dhabi sarà la delegazione più corposa presente a Losanna. «Siamo molto orgogliosi di aver vinto entrambi i titoli piloti e team nel Campionato mondiale UIM F1H2O per il secondo anno consecutivo» ha dichiarato il direttore generale di Abu Dhabi, Salem Al Remeithi.

L’Associazione Internazionale di Classe Hansa (AICH) ha reso noto che ad ospitare il prossimo Mondiale 2021 della Classe Paralimpica Hansa sarà la città di Palermo.

La scelta di questo evento è frutto dell’intenso lavoro operato dalla classe italiana che, in questi ultimi anni, in collaborazione con Lega Navale Italiana e Federazione Italiana Vela ha moltiplicato il numero delle imbarcazioni e degli atleti che gareggiano in questa categoria. Si tratta di imbarcazioni che hanno cambiato il mondo della vela paralimpica grazie alla propria facilità di trasporto ed utilizzo. Grazie ad una serie di servomeccanismi, infatti, è possibile navigare a vela anche agli atleti affetti da gravi condizioni di disabilità, con grande meraviglia di chi non avrebbe mai potuto solo immaginare di solcare le acque di mari e laghi in totale autonomia. Ma ciò che distingue la classe Hansa in termini di integrazione è il fatto che sono ammessi a partecipare, non solo atleti paralimpici ma anche equipaggi misti o interamente normodotati e «consentiranno di vivere nuove esperienze e avventure a tutti coloro che avranno voglia di farci un giro» – come dice il Presidente Internazionale della classe Bob Schahinger.

Fondamentale per la scelta siciliana è stata anche la fiducia che la Classe ha potuto riporre in due Circoli di comprovata esperienza: la Lega Navale Italiana, sezione Palermo centro e il Circolo della Vela Sicilia. In particolare, la Sezione Palermo Centro della Lega Navale Italiana, da oltre 15 anni, porta avanti progetti per disabili e vanta all’attivo otto edizioni di “Una Vela Senza Esclusi” evento che, nel giugno scorso, ha fatto da contenitore al Campionato Italiano di Vela Paralimpica Hansa 303 organizzato, per la prima volta nel Meridione. E’ stato proprio il successo di questa manifestazione, la grande partecipazione e l’entusiasmo che ha generato a sancire e cementare la fiducia nei Circoli palermitani. «Noi della Lega Navale Italiana Sezione Palermo-Centro, dopo il successo ottenuto con  l’organizzazione del Campionato Italiano, siamo onorati di accogliere a Palermo nel nostro pontile “oltre le barriere”, ricevere a Palermo atleti paralimpici di tutto il mondo e felici di poter organizzare questo importante evento con il Circolo della Vela Sicilia» ha dichiarato il Presidente Lega Navale Italiana-Vincenzo Autolitano».

Partner ideale non poteva che essere il Circolo della Vela Sicilia, noto a livello internazionale per l’esperienza organizzativa dimostrata in ben 16 edizioni della Palermo-Montecarlo oltre che in Campionati Europei delle classi Star e J24 e i Campionati Italiani Assoluti delle classi olimpiche e per essere il Challenger of Record della XXXVI America’s Cup con il Team Luna Rossa Prada Pirelli. Stesso slancio, infatti, manifesta il Presidente del Circolo della Vela Sicilia Agostino Randazzo per il quale «sarà entusiasmante organizzare insieme alla Lega Navale Italiana il Campionato Mondiale paralimpico nella nostra Palermo. Da sempre siamo stati al loro fianco nelle attività sociali-paralimpiche, anche in occasione della loro partecipazione a dieci edizioni della Palermo-Montecarlo».

Fondamentale è, inoltre, il supporto della Federazione Italiana Vela, il cui Presidente Francesco Ettorre dichiara che «la FIV quest’anno ha deciso di inserire per la prima volta questa classe al CICO (Campionato Italiano delle Classi Olimpiche) proprio per cercare di tracciare un nuovo solco, nel quale credere con forza e determinazione. Il mondiale Hansa 2021 che si volgerà a Palermo si innesta in questo percorso di crescita e supporto al parasailing che la nostra Federazione ha intrapreso e continua a seguire ormai da parecchi anni».

Infine, ma non ultimo, sono tutti sicuri di ben figurare grazie alla collaborazione con l’amministrazione comunale e regionale che sosterranno la Sicilia e Palermo in questo mondiale. E’ indubbio che un evento di tale richiamo potrà costituire un volano turistico molto significativo, grazie al coinvolgimento di tutto l’indotto che vi ruota intorno.

 

Sono continuati per tutto l’inverno gli allenamenti dei giovani canottieri, che si svolgono in prevalenza sui remoergomentri e con la corsa sul lungomare, ma anche ai remi in porto ed in mare aperto ogni volta che il tempo lo permette.  Ormai gli atleti sono alla rifinitura della preparazione, in vista della prima gara del calendario del Gruppo Sportivo Canottaggio della Lega Navale savonese, prevista per la metà di marzo: proprio per questo si è deciso di aggiungere al programma la partecipazione  ai Campionati di Canottaggio Indoor validi per i titoli regionali di Piemonte e Liguria che si sono svolti il 23 febbraio a Casale Monferrato presso la Soc. Canottieri Casale.

Alla manifestazione hanno preso parte due atleti biancorossi, portacolori del Gruppo Canottaggio della Lega Navale di Savona che hanno conquistato il titolo di Campione Regionale Ligure 2020.

Il primo titolo è stato ottenuto dall'esordiente Paola Malinconico nella gara Allievi B1 sui 500 metri, con un  percorso regolare. Paola ha iniziato con una partenza prudente ma col passare dei colpi, e dei metri segnati dai cursori sullo schermo per il pubblico, ha raggiunto e sorpassato l'avversaria della Can. Esperia di Torino, infliggendole all'arrivo un distacco di nove secondi e, a seguire, le altre avversarie della Lega Navale di Genova Sestri Ponente ed il secondo equipaggio dell'Esperia. Nonostante fosse alla sua prima gara, la giovanissima Paola (10 anni) ha dato dimostrazione di saper gestire l'impegno anche sul piano emotivo.

Il secondo titolo è stato conquistato da Michele Loffredo nella categoria Master A sui 500 metri, dove ha ottenuto un brillante terzo posto ma, essendo il primo atleta della Liguria, ha acquisito il titolo di Campione Regionale 2020.

Buona quindi la prima e speriamo che sia di buon auspicio per la stagione 2020.

Si è tenuta a Losanna – presso l’Auditorium del Museo Olimpico – la cerimonia dell’edizione 2020 degli UIM Awards, che ha visto la partecipazione di Campioni del Mondo UIM provenienti da più di 15 paesi diversi.

A fare gli onori di casa è stato il Presidente UIM (Federazione Internazionale di Motonautica), Raffaele Chiulli: «Per la prima volta ospitiamo questo evento lontani da Monaco, che resta comunque la casa della motonautica. Quest'anno, però, ci sembrava giusto celebrare i grandissimi successi dei campioni UIM nella storica cornice del Museo Olimpico di Losanna. Gli UIM Awards – ha proseguito il Presidente UIM – sono sempre un’occasione speciale per riunire la grande famiglia internazionale della motonautica. Quest’anno abbiamo deciso di farlo in un luogo che rappresenta gli ideali olimpici: gli stessi dell’ UIM.
Lo sport è una scuola di vita, che permette di valorizzare le qualità del corpo e della mente. Il rispetto, l'educazione, l’amicizia, l'onore sono alcuni dei principi fondamentali del movimento olimpico e sono anche gli stessi ideali che – ha concluso Chiulli – vedo qui stasera nella celebrazione dei valori sia umani che sportivi».

Gradito ospite, tra gli altri, Francesco Ricci Bitti (Presidente ASOIF) che si è complimentato con la UIM: «La cosa che mi ha colpito di più durante questa manifestazione, è il gran numero di giovani premiati nelle varie discipline, oltre alle tante donne che partecipano agli sport motoristici. Questo è un segno di grande vitalità per la motonautica a livello mondiale». Parlando poi delle Olimpiadi in programma a Tokyo nel mese di agosto, Ricci Bitti ha dichiarato: «Rimango positivo sulla possibilità di svolgimento, nonostante l’allarme per il Covid-19. Certo è che molte nazioni sono state penalizzate in fase di qualificazione per tutto quello che sta succedendo. Posso assicurare che faremo il possibile, utilizzando tutta la nostra esperienza, affinché tutto si risolva per il meglio».

Nel corso della serata è stato inoltre reso noto che Sri Lanka Port City e Sri Lanka Tourist Board stanno negoziando con la UIM per portate una tappa del Mondiale UIM X-CAT in Sri Lanka.

 

IN FOTO: Ander-Hubert Lauri (Estonia) premiato come Junior Drive Aquabike da Raffaele Chiulli (Presidente UIM)

Conclusa la 30^ edizione del Campionato Invernale del Ponente Ligure, promosso da LNI Savona, CV Celle, Varazze CN e LNI Genova Sestri, con l’organizzazione coordinata dal Varazze CN.

La 9^ ed ultima prova del campionato si è svolta domenica 16 febbraio, davanti a Varazze, in una nuvolosa giornata di brezza leggera da scirocco, dopo la bonaccia senza regata del sabato, che era trascorso nell’attesa del vento, risultata vana ma comunque piacevolissima sotto un gran bel sole primaverile.

Con la brezza a soli 7 – 8 nodi, è sfumata la possbilità di giocarsi il tutto per tutto nelle volate finali da parte delle barche inseguitrici nelle sfide ancora aperte per le posizioni di testa di tutte tre le divisioni, mentre alle barche al comando è bastato controllare le avversarie ed evitare di commettere errori.

Nella Divisione ORC, la barca più veloce sulle 6 miglia del circuito a bastone è stata Voscià (Comet 45 S) che, alla media di quasi 5 nodi, ha preceduto di un minuto la combattiva campionessa in carica Spirit of Nerina (X-35 OD), a proprio agio nell’aria leggera, e di due minuti Horatio (X-41) ma, a conti fatti, nelle prime tre posizioni in tempo corretto della classifica generale troviamo la leader N2O (Dufour 36 P), seguita da Spirit of Nerina (X-35 OD) e da Escape (Mescal 31 Mod).

Nella classifica IRC si è imposta, sia in tempo reale sia in corretto, Spirit of Nerina (X-35 OD), che ha preceduto Horatio (X-41) e Controcorrente (XP 33), con quest’ultima che in compensato ha rimontato 7 minuti a Roby&14 (Farr 40), superando la potente avversaria di altri 2’.

Stesso copione nella Divisione Gran Crociera, dove la prima barca sulla linea di arrivo, Fiore Blu (First 47.7), ha conquistato il primato anche in corretto,  seguita da Mediterranea (X-362) e da Lullaby (Elan 37).

Dopo 9 prove (8 per la Gran Crociera), questo il podio delle classifiche generali, con scarto dei due risultati peggiori, che hanno assegnato il Trofeo Marina di Varazze alle Campionesse invernali del Ponente 2019/2020:

ORC: 1° N2O, Dufour 36P di Emanuele Chiabrera – YC Sanremo 13 punti (4-3-6-4-1-1-2-1-1); 2° Spirit of Nerina, X-35 OD di Paolo Sena - Varazze CN, 16 punti (1-2-4-1-2-4-5-7-2); 3° Controcorrente, XP 33 di Luigi Buzzi – CN Celle, 21 punti (2-OCS-2-3-5-2-3-4-8).

IRC: 1° Spirit of Nerina, X-35 OD di Paolo Sena - Varazze CN, 12 punti (1-1-4-2-1-3-4-3-1); 2° Controcorrente, XP 33 di Luigi Buzzi – CN Celle, 15 punti (2-OCS-3-3-3-1-2-1-3); Just a Joke, A-35 di Dino Tosi e Guido Arnone – LNI Genova S.P., 19 punti (3-2-5-1-2-2-6-4-DNC).

GRAN CROCIERA: 1° Mediterranea, X-362 di Marco Pierucci – CV Canottieri Domaso, 9 punti (5-1-2-2-1-1-2-2); 2° Parthenope, Dufour 350 GL di Vincenzo Pallonetto – LNI Varazze, 16 punti (1-3-1-6-2-7-4); 3° Bilbo, Oceanis 331 di Mario Scolari – Varazze CN, 18 punti (2-4-7-1-3-8-1-DNC).

Gloria, ovviamente, anche per le altre barche che sono salite sul podio delle varie classi costituite nelle tre divisioni della flotta di 46 unità.