Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Green Color

Si è concluso il 26 giugno il 'Trofeo città di Venezia - La vela senza barriere', la regata interzonale di classe Hansa organizzata dalla Lega Navale Italiana sezione di Venezia, il Circolo della vela di Mestre e la onlus "Vela Mestre per tutti" nello specchio d’acqua compreso tra il Lido e Malamocco.

In gara 20 imbarcazioni Hansa 303 provenienti da varie regioni d'Italia si sono sfidate nel corso di due giornate portando a casa cinque prove disputate nonostante i venti leggeri da sud est e i continui salti e rotazioni. Gli equipaggi composti per la maggior parte da atleti disabili misti ad atleti normodotati.

Dopo una serie di imprevisti nel primo giorno di regate, il palermitano Carmelo Forastieri, ha trovato il suo “passo” nella seconda giornata di regate del 1’ Trofeo città di Venezia e concluso la trasferta veneta sul gradino più alto del podio. Mentre Giuseppe Di Salvo, anche lui rappresentante della Lega navale Italiana Palermo, dopo uno strepitoso sabato di regate piazzatosi primo nella classifica provvisoria della giornata, domenica alla fine ha chiuso al quarto posto. Sempre nella categoria singolo, la medaglia d’argento è andata a Gino Bigai della LNI Brescia Desenzano ASD e il terzo posto a Stefano Maurizio, Compagnia della Vela Venezia.

Ancora medaglie per i soci LNI anche in doppio: al primo posto Alex Ferjani e Silvia Ranini della LNI Trieste, seguiti da Gianni Garulli e Elena Gallina della LNI Brescia Desenzano ASD e terzo posto per Paolo Bianchin e Carlo Vianello del Circolo della Vela Mestre.

Da segnalare anche Serena Zampardi che ha esordito come timoniera, insieme al prodiere Fabio Aiovalasit, entrambi della LNI Palermo, piazzandosi primi tra gli equipaggi dei siciliani e settimi nella classifica generale nella regata di Venezia.

Si accendono i motori del Campionato del Mondo di Offshore Classe 3D/5000 a Rodi Garganico, unica tappa italiana della competizione per le 5 imbarcazioni in gara provenienti da Norvegia, Belgio, Olanda, Francia e Italia.

Gara 1 ha visto il successo dell’imbarcazione Assicurazioni Generali, condotta dall’equipaggio di Serafino Barlesi e Alessandro Barone. In seconda posizione la francese Expace Power di Fracois Pinelli e Roberto Lo Piano, terzo piazzamento per Sabbie di Parma della coppia Lorenzo e Andrea Bacchi.

Ritiro a causa della rottura dell’asse di trasmissione di uno dei due motori per Kristian Ghedina - al suo debutto nella motonautica – che assieme a Giampaolo Montavoci, a bordo del catamarano “Marco”, ha mantenuto la terza posizione per oltre metà gara. Appuntamento a domenica 19 giugno per Gara 2, che concluderà il weekend motonautico di Rodi Garganico.

Soddisfatto dei giorni di sport e divertimento il Sindaco di Rodi Garganico Carmine D’Anelli: «“Questi sono gli eventi che qualificano la nostra città, il Gargano, la Puglia e l’Italia intera. A settembre avremo anche il Campionato del Mondo di Jet Surf e così candideremo Rodi Garganico a “Capitale degli sport motonautici”».

Grande soddisfazione anche del Vice Presidente di Assonautica Italiana, Marino Masiero: «La motonautica e gli sport acquatici sono attività che avvicinano i giovani alla nautica e al nostro mare. E’ tempo che l’intero settore del turismo costiero italiano unisca gli sforzi per alzare il livello di qualità dei servizi e delle attività di svago a favore di un pubblico che deve essere incentivato a spendere il proprio denaro restando in Italia. Ne va del futuro delle nostre imprese e del Paese intero».

Fitto il calendario degli eventi collaterali a Rodi Garganico alle gare. Si va dal convegno sul futuro dei porti turistici in vista della transizione ecologica di Assonautica Gargano, ai 12 spettacoli di Jet Ski, Jet Surf e Fly Board dei campioni Roberto Mariani, Massimo Nardis e Mattia Lancia.

In scena anche la cucina pugliese. Allo Yacht Club Viva si terrà la Cena di Gala curata dagli Chef dell’Associazione Cuochi Gargano e Capitanata, oltre ad una cena sociale aperta al pubblico a base di “paposcia”. In arrivo alla manifestazione anche le 20 barche a vela della 34a edizione di “Appuntamento in Adriatico”, la regata non competitiva di Assonautica curata da Paolo Del Buono.

Il Centro Federale di Castel Gandolfo ritorna ad essere palcoscenico delle gare di canoa velocità. Nel fine settimana del 4 e 5 giugno il Lago Albano ha infatti ospitato la Gara Nazionale valida anche come selezione per le categorie giovanili e utile a definire la rosa azzurra J/U23 che prenderà parte al Campionato Europeo di Belgrado e i giovanissimi di categoria ragazzi che vestiranno la maglia azzurra all’International Sprint Race di Auronzo di Cadore, dall’8 al 10 luglio.

Ottimo risultato sportivo per la LNI nelle selezioni U23. Francesco Lanciotti, della Sezione di San Benedetto del Tronto, è infatti entrato nell'Olimpo nazionale della canoa velocità. Con un exploit eccezionale il giovane atleta della Lega Navale Italiana ha vinto la selezione nazionale, conquistando un oro nel K1 500m.

Con questo incredibile risultato Lanciotti si è guadagnato il diritto di rappresentare l'Italia ai campionati europei che si terranno tra qualche settimana a Belgrado. La Lega Navale Italiana tutta esprime grande soddisfazione per il risultato raggiunto. La Sezione LNI di San Benedetto - tecnici, dirigenti e soci - si stringe attorno al suo giovane campione per spingerlo in questa fantastica avventura.

 

CLICCA QUI PER TUTTI I RISULTATI

 

FONTE e FOTO: Federcanoa

La motonautica internazionale torna a Rodi Garganico. Dal 16 al 19 giugno, infatti, la cittadina pugliese sarà lo scenario della prima e unica tappa italiana del Campionato del Mondo di OffShore Classe 3D 2022. Un grande successo per il Porto Turistico di Rodi Garganico (gestito dalla Meridiana Orientale srl), che per il secondo anno consecutivo, grazie anche all’Assessorato allo sport della Regione Puglia, si è assicurato lo spettacolo delle gare tra i catamarani da 5.000 cc.

Una decina i bolidi che sfrecceranno a tutta velocità davanti alle due spiagge di Rodi, con grande fermento e attesa da parte del pubblico. Tra i piloti e i trottelman anche l’ex sciatore Kristian Ghedina, in equipaggio con il campione della motonautica mondiale Giampaolo Montavoci. Una “prima discesa in acqua” della medaglia d’oro olimpionica di sci alpino, che si prefigge di dare battaglia fino all’ultima boa.

L’ASD Motonautica Gargano, braccio operativo motonautico del porto, ha organizzato una serie di eventi collaterali che permetteranno al pubblico di assistere, nelle giornate di sabato 18 e domenica 19 giugno, ad esibizioni di moto d’acqua nelle specialità Free Style e Flyboard. Si esibiranno anche alcuni campioni di Jet Surf, la specialità che vedrà sempre la spiaggia di levante di Rodi Garganico quale teatro del Campionato del Mondo in programma dal 9 all’11 settembre 2022.

La manifestazione è patrocinata dalla Regione Puglia, Comune di Rodi Garganico, Assonautica Italiana, Assonat, Assonautica Venezia e Assonautica Gargano. 

Grande successo di spettacolo e di pubblico per la motonautica a Rodi Garganico, con il Campionato del Mondo Offshore Classe 3D che ha visto in gara imbarcazioni provenienti da Norvegia, Belgio, Olanda, Francia e Italia.

Dopo il successo in Gara 1 di Assicurazioni Generali condotta dall’equipaggio composto da Serafino Barlesi e Alessandro Barone, in Gara 2 ha avuto la meglio Sabbie di Parma condotta da Andrea e Lorenzo Bacchi. Dopo una grande battaglia in acqua, con continui sorpassi e traiettorie incrociate, Assicurazioni Generali (Barlesi/Barone) si è piazzata in seconda posizione. La francese Expace Power, condotta da Francois Pinelli e Roberto Lo Piano, ha completato il podio.

Kristian Ghedina e Giampaolo Montavoci, a bordo dell’imbarcazione Marco, hanno chiuso con un’onorevole quarta posizione, tenuto conto anche del fatto che il campione di sci alpino era al debutto nel mondo della motonautica. «Oltre ad un discreto piazzamento, mi sono divertito molto con un mare veramente impegnativo».

Fitto il calendario degli eventi correlati che si sono tenuti in porto. Si è andati dal convegno sul futuro dei porti turistici, ai 12 spettacoli di Jet Ski, Jet Surf e Fly Board dei Campioni Roberto Mariani, Massimo Nardis e Mattia Lancia. In scena anche la cucina pugliese allo Yacht Club Viva, con una cena di gala curata dagli Chef dell’Associazione Cuochi Gargano e Capitanata. Presenti in porto anche le 20 barche a vela della 34ª edizione di “Appuntamento in Adriatico”, la regata non competitiva di Assonautica curata da Paolo del Buono.

È stata presentata mercoledì 18 maggio a Palazzo Marina la seconda edizione del Nastro Rosa Tour, organizzato da Difesa Servizi, in collaborazione con SSi Sports & Events e la Marina Militare. Il giro d’Italia a vela si presenta come un format sportivo innovativo, con una serie di eventi velici multidisciplinari che faranno tappa in alcune delle più belle località costiere italiane e mediterranee.

Il Nostro Rosa Tour 2022, patrocinato dal CONI e supportato dalla Lega Navale Italiana, partirà da Genova il 12 giugno e si concluderà a Venezia l’8 luglio, con una serie di eventi velici che toccheranno diverse località in cui sono presenti Sezioni della LNI: Genova, La Maddalena, Formia, Crotone, Brindisi, Vieste, Ancona e Venezia.

Il Tour mira a promuovere anche progetti ecologici, di beneficenza e di solidarietà, temi su cui la Lega Navale è da sempre impegnata. Tra questi, quello portato avanti da Andrea Stella, presidente de “Lo Spirito di Stella ONLUS”, che, grazie al supporto del Ministero della Difesa, realizzerà con il suo catamarano - la prima imbarcazione al mondo completamente priva di barriere architettoniche - un periplo equatoriale intorno al mondo con partenza nell’estate 2023, di durata di circa 18/24 mesi. Andrea Stella e il suo catamarano saranno presenti nelle tappe adriatiche del Nastro Rosa Tour fino all’arrivo a Venezia.

 

FOTO: Marina Militare Nastro Rosa Tour