Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Green Color

L'edizione 2019 del Campionato Mondiale della Classe Laser standard per la categoria Under 21 si è svolta nelle acque antistanti la città di Spalato e ha visto la presenza di 217 velisti provenienti da 45 nazioni, tra i quali 9 ragazzi e 9 ragazze in rappresentanza dell'Italia.

Il programma prevedeva due regate al giorno con una prima serie di qualificazioni fino a mercoledì 30, seguite dalle final series con l'ultimo giorno di regata sabato 2 novembre, per un totale di 12 prove. In palio i titoli di Campione del Mondo Laser Standard Men's U21, Laser Standard Men's U19 e Laser Radial Women's U21.

Nelle prove maschili ben 144 atleti sulla linea di partenza e fra questi anche Rodolfo "Dodo" Silvestrini, atleta del Gruppo Vela L.N.I. di Porto S. Giorgio.

Il campionato è stato a dir poco travagliato, perché è mancato il protagonista più atteso: il vento. Nei primi due giorni, infatti, gli atleti hanno trascorso ore in attesa che il vento si distendesse sui campi di regata e solamente il terzo giorno è entrata una leggera brezza intorno ai 5/6 nodi che ha permesso alle due flotte maschili di portare a termine la prima prova del campionato, chiusa con riduzione del percorso a causa del (solito) calo del vento.

Nei due giorni successivi si è disputata solo una prova e si è arrivati alla fine della manifestazione con solo 2 prove disputate sulle 10 previste dal bando e poche erano le speranze di assegnare il titolo. Fortunatamente, per l’ultima giornata finalmente è arrivato il vento (12/15 nodi) che ha permesso a tutte le flotte di riuscire a concludere 3 regate rendendo il campionato valido grazie alle 5 prove complessive portate a termine.

Nei Laser Standard, vittoria per l'argentino Juan Pablo Cardozo, che vince anche nella categoria U19, argento per il cileno Clemente Seguel Lacamara e bronzo per l'indiano Vishnu Saravanan. E il nostro "Dodo"?

Silvestrini chiude il mondiale in nona posizione, miglior classificato della squadra azzurra, con 35 punti per i seguenti piazzamenti: (14), 4, 3, 14, 14, confermando così la 4^ posizione ottenuta lo scorso agosto nel Campionato di Distretto 2019, valido come 1^ posizione Under 21.

Il risultato di Rodolfo, nato e cresciuto sportivamente nella Sezione di Porto San Giorgio è un grande risultato per la Sezione sangiorgese e per tutta la Lega Navale Italiana che ha fra i suoi obiettivi la promozione della vela come disciplina sportiva, in particolare tra i giovani. Un percorso formativo importante che si basa su:

  • amore per il mare e la natura al fine di imparare a rispettare il luogo in cui lo sport viene vissuto e praticato;
  • spirito marinaro e fair sail, solidarietà e rispetto per gli altri:
  • spirito di sacrificio comune, come fare squadra e vivere in gruppo.

Questo modello costituisce un mezzo per il raggiungimento degli obiettivi statuari di diffusione dello spirito e della cultura marinara propri dell’istituzione Lega Navale e che la Sezione di Porto San Giorgio ha deciso di intraprendere da molto tempo, costituendo all’interno del proprio Gruppo Vela una squadra Optimist e una squadra Laser, nonché una scuola vela autorizzata dalla Federazione Italiana Vela.

Grande successo per il Campionato Europeo Hansa che si è disputato dal 9 al 12 Ottobre a Portimao, in Portogallo e che ha attirato 113 atleti in rappresentanza di 10 paesi.

L’Italia è stata rappresentata da ben 16 atleti (4 equipaggi singoli e 6 in doppio provenienti da Sicilia, Liguria, Calabria, Sardegna) accompagnati dal tecnico Filippo Maretti e hanno dovuto affrontare condizioni molto variabili: da venti rafficati oltre i 20 nodi a un vento leggerissimo o a tratti assente con rotazioni continue.

Ben sette prove disputate ed un livello tecnico alto hanno condito il bel campionato portoghese.

Il team della Lega Navale Italiana, sezione Palermo formato da Claudia Di Miceli e Simona Pasqua conquista il podio portando a casa il terzo posto nella classifica femminile in doppio.

Il consigliere federale Fabio Colella presente a Portimao si dice contento dei costanti e positivi progressi  sportivi degli atleti della classe Hansa Italia confermando il supporto della Fiv.

Al termine del Campionato, si è svolto un importante incontro tra il Delegato allo sport della Classe Hansa Italia Beppe Tisci ed il Consigliere Fiv Colella con Bob Schahinger, Presidente Internazionale classe Hansa per l'organizzazione di importanti regate internazionali in Italia.

A livello nazionale, inoltre, la classe Hansa Italia sta dimostrando costante e continua crescita e sta già pensando al calendario delle attività veliche per il 2020 e, in particolare, si sta lavorando sull'inserimento della classe all’interno del Campionato Italiano delle Classi Olimpiche (CICO).

Ottima regata di Michele Loffredo, portacolori del Gruppo Canottaggio della Lega Navale savonese, nella specialità del Canoino Master A sulla distanza dei 1.000 metri, ai Campionati Italiani sulle barche di "tipo regolamentare" (gli scafi, ormai classici, più larghi dei moderni skiff e costruiti in fasciame sovrapposto, anche se ora molte unità sono in vetroresina), che si sono svolti nei sabato 12 e domenica 13 ottobre a Bardolino, sul Lago di Garda.

Michele si è esibito in una prova eccellente, combattuta per tutti i mille metri del percorso contro avversari di livello nazionale, cedendo solo agli atleti della Ginnastica Triestina e della Canottieri Padova (entrambe alti “il doppio” del nostro), ma superando gli avversari della Can. La Sportiva di Lezzeno e della Can. Flora di Cremona, con distacchi tra il secondo ed il quarto posto di soli tre secondi: un arrivo quindi al cardiopalma vissuto con emozione dal gruppo della L.N.I. savonese che ha dovuto attendere il responso della Giuria per conoscere l'ordine d'arrivo ufficiale.

Al Campionato ha partecipato anche l'atleta Marcella Sabatelli che ha remato nel Canoino Junior metri mille contro avversarie appartenenti al giro delle atlete della nazionale, ottenendo un sesto posto assoluto.

Grande soddisfazione quindi del Gruppo Canottaggio della Lega Navale di Savona che ha praticamente concluso l'anno agonistico 2019 con un'altra medaglia importante.

E' Jacopo Pasini il campione italiano di match race 2019. Il portacolori del Circolo Velico Ravennate ha conquistato il suo ottavo titolo tricolore nelle acque di Marina di Ravenna, superando in finale Ettore Botticini, già campione del mondo giovanile di specialità.

Coadiuvato da Federico Pasini, Manuel Pasotti e Michele Mazzotti, Pasini ha superato l'ultima insidia con il punteggio di due a zero, dopo aver battuto in semifinale Pietro Corbucci con analogo parziale.

A completare il podio è stato Rocco Attili che, persa la semifinale con il punteggio di due a uno contro Botticini, si è imposto su Corbucci cavandosi la soddisfazione di aggiungere al titolo europeo giovanile, conquistato recentemente, anche quello italiano Under 23.

Tanto la finale per il titolo, quanto quella di consolazione si sono disputate al fronte di condizioni di vento teso e mare formato, ideali per esaltare le doti marine dei TOM 28 del Circolo Velico Ravennate.

Prima della fase finale, l'evento, abilmente gestito dal Presidente del Comitato di Regata Fabio Barrasso e dal Chief Umpire Luigi Bertini, aveva visto il completamento del Round Robin che aveva impegnato ben dodici team.

Raffaele Chiulli è stato riconfermato a Qingdao (Cina),  durante i lavori della 92^ Assemblea Generale della UIM, Presidente della Federazione Mondiale di Motonautica (UIM). Raffaele Chiulli è al suo quarto mandato ed è stato eletto con il 95% dei consensi.

Appena eletto Raffaele Chiulli ha voluto condividere la grande rinnovata fiducia con il mondo della motonautica presente in Cina: “Con la mia elezione è stata premiata la forte volontà espressa in questi anni di rinnovare la motonautica, oggi abbiamo moltissime discipline che operano con successo in tutto il mondo, abbiamo moltissimi giovani che partecipano alle nostre gare ed alla vita attiva della UIM, abbiamo dato un forte impulso alle energie rinnovabili nelle nostre competizioni e possiamo dire che il tema dell’ambiente ed il rispetto per il mare è stata davvero una delle priorità della UIM, in tema di sicurezza possiamo dire, inoltre, che siamo davvero a livelli di grande efficienza e professionalità.”

Raffaele Chiulli, manager e personalità di spicco del settore energetico, è inoltre Presidente di GAISF (Global Association of International Sports Federations) e Presidente di SportAccord  che rappresenta 125 organizzazioni sportive mondiali, tra cui tutte le federazioni internazionali olimpiche estive e invernali, e organizza grandi eventi sportivi internazionali. Raffaele Chiulli è anche membro di Commissioni del Comitato Olimpico Internazionale (CIO).

WindFestival 2019, il più grande Expo d’Italia dedicato agli action sport di mare e di vento, si è concluso oggi a Diano Marina offrendo anche quest’anno ai partecipanti e agli spettatori grandi emozioni e un successo senza precedenti.

Pienamente soddisfatti gli organizzatori Valter Scotto e Andrea Ippolito: “Quest’anno, oltre agli action sport acquatici come windsurf, surf, stand up paddle e kitesurf,abbiamo voluto sviluppare un’area più vasta all’interno del centro cittadino dedicata anche agli sport urbani come skate, bmx, parkour e mountain bike e inoltre, grazie alla collaborazione delle associazioni locali,abbiamo aggiunto discipline più classiche come vela, calcio, arti marziali e pallavolo. È stata una scelta indovinata che ha arricchito la manifestazione con nuovi contenuti particolarmente apprezzati dal pubblico. Siamo felici per i risultati, ogni anno arriva a Diano Marina un numero sempre crescente di appassionati anche in virtù del sostegno di molti espositori e sponsor che sono parte integrante per la buona riuscita dell’evento.”

Risultati WindFestival 2019

SUP Challenge Sprint Race: 1º Martino Rogai

SUP Challenge Long Distance Beach 9 km: Race 1º Reza Nasiri (49’ 58”), 2º Martino Rogai (52’ 35”)

SUP Maschile Overall: 1º Martino Rogai, 2º Reza Nasiri, 3º pari merito Oscar Violet e Diego Rogai

Windrun 7 km. Maschile: 1º Daniele Carlini (25’ 53”), 2º Michele Chiefari, 3º Davide Oriolo

Windrun 7 km. Femminile: 1ª Francesca Baronchelli, 2ª Giusi Testini, 3ª Marina Antelli

Windsurfer Class Regatta Maschile: 1º Berry Donkersloot

Windsurfer Class Regatta Femminile: 1ª Marta Monge

Sabato pomeriggio si è svolta la gara di corsa con tacchi a spillo che ha visto prima al traguardo Mari La Scotto mentre nella serata di sabato l’attesissimo Bikini Contest ha decretato la vittoria di Nicole Vio, sedicenne di Albenga, premiata con un voucher valido per tre notti in un resort siciliano.

Adaptive Windsurf e Surf

Fin dalla prima edizione il WindFestival ha sostenuto i ragazzi amputati che hanno potuto scegliere fra diverse discipline. Quest’anno sono state inserite in calendario le giornate paralimpiche con esibizioni e gare dedicate agli atleti adaptive in collaborazione con il CIP (Comitato Italiano Paralimpico) Liguria. Molte le realtà presenti in questa edizione a partire dal progetto Corri sull’acqua Windsurf4Amputees di Francesco Favettini, titolare del “2 Sides Watersports Center Porto Pollo”. Favettini fa parte del gruppo di lavoro Paralimpico Sardegna FIV ed è l’ideatore dell’Adaptive Windsurf, il primo progetto al mondo che avvicina i portatori di protesi allo sport del windsurf e recentemente ampliato a tutte le disabilità fisiche.

L’atleta livornese Massimiliano Mattei, vincitore in Portogallo della medaglia d’oro ai Campionati Europei di Adaptive Surf lo scorso maggio, era presente con Surf4All, la prima scuola di Adaptive Surf in Italia che insegna alle persone con ridotta mobilità fisica la pratica del Sup e del Surf grazie a particolari tavole adattate. Simone Capelli, Personal Trainer Master Sport Specialist per la Federazione Italiana Pesistica Circuit Training Adaptive, ha fatto scoprire, e soprattutto provare, come si allena l'atleta disabile, con esercizi funzionali, aperti a tutti. Alto gradimento per le mini lezioni gratuite da 30 minuti per adulti e bambini, pensate per avvicinare tutti i neofiti agli sport d’acqua e di vento.

Durante l’evento la sicurezza è stata garantita dal dispositivo di galleggiamento personale Kingii, Water Safety Partner dell’evento.

Il WindFestival 2019, organizzato da TF7 Open Sport Asd in collaborazione con il Comune di Diano Marina, Assessorato allo Sport e Gestioni Municipali Spa, ringrazia per il supporto Csen e FIV.