Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Green Color

Dal 16 al 20 settembre oltre 300 atlete e atleti saranno in regata, con numerose presenze anche dall'estero di equipaggi di grande valore tecnico per la “piccola Olimpiade” della vela azzurra che regaterà nel Golfo di Follonica.

All'edizione del CICO di Follonica 2020, assegnata dalla FIV all'organizzazione della  Sezione di Follonica della Lega Navale Italiana, con la collaborazione del Club Nautico Follonica e del Club Nautico Scarlino, sono iscritti oltre 300 regatanti suddivisi nelle 10 discipline olimpiche della vela (più le novità del Kiteboard e del nuovo windsurf IQ Foil già qualificati ai Giochi del 2024) e nelle due classi "parasailing" i classici 2.4 mR e per la prima volta la nuova barca Hansa 303 che la Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana ha fortemente contribuito ad introdurre in Italia. Saranno anche presenti i velisti azzurri in preparazione dei Giochi di Tokyo.

Il CICO, nella sua versione unificata con tutte le classi in unica località e stessa data, giunge quest'anno alla XXVII (ventisettesima) edizione, dall'esordio del 1994 sul lago di Garda. Follonica ospita per la seconda volta il CICO, dopo l'edizione del 2012, nell'anno dei Giochi di Londra, e si presenta col nuovo volto dopo i lavori alle dighe che consentono l'uscita e il rientro delle barche con qualsiasi condizione meteorologica.

A conferma della considerazione della vela italiana, sono già presenti a Follonica numerosi equipaggi internazionali, alcuni da mesi in Italia per allenarsi con gli azzurri, altri provenienti da numerosi pesi europei e non solo. Ben 20 nazioni sono già registrate tra i partecipanti e tutti i concorrenti provenienti dall’estero sono stati controllati per essere conformi alle regole nazionali di sicurezza sanitaria COVID-19. Presente al gran completo la squadra nazionale della vela italiana, con le atlete e gli atleti in preparazione per le prossime Olimpiadi di Tokyo 2020, slittate al 2021. Tra italiani e stranieri, saranno in gara equipaggi campioni del mondo ed europei, e ci sarà l'eccezionale presenza di alcune medaglie della vela agli ultimi Giochi di Rio 2016.

L'apertura del CICO 2020, con il tradizionale alzabandiera e con una presenza ridotta e distanziata di atleti, è prevista al Marina di Scarlino mercoledì 16 settembre alle 19:00. Le regate si svolgeranno da giovedì 17 a domenica 20 con partenza alle 12. Cinque i campi di regata predisposti, da Torremozza al Puntone di Scarlino: da Nord a Sud ci saranno il campo dei doppi 470 maschili e femminili insieme al singolo Finn; prosegue il campo dei Kite e dei windsurf; davanti alla spiaggia che ospita la sede della LNI il campo delle classi più numerose, Laser Standard maschile e Laser Radial femminile; più a Sud il campo delle classi in doppio acrobatico 49er maschile e 49er FX femminile; infine verso il porto del Puntone il campo delle due classi Parasailing 2.4 mR e Hansa 303.

La cerimonia di premiazione è prevista domenica 20 con un palco allestito alla LNI Follonica e sempre con percorsi e logistica che garantirà protocolli e distanziamenti.

Saranno coinvolti nella manifestazione oltre 30 Ufficiali di Regata. Imponente anche il dispiegamento dei mezzi di assistenza: saranno in mare quasi 40 mezzi con un centinaio di volontari, cui si aggiunge la gestione a terra che prevede altri 20 volontari per le operazioni di varo e alaggio, e gli addetti alla Segreteria del campionato.

Giovedì 21 maggio alle 21.15 diretta su Facebook con i protagonisti della Venice Hospitality Challenge. La diretta, organizzata dallo Yacht Club Venezia e dal Circolo Velico Portodimare, vedrà la partecipazione di grandi nomi della vela che hanno gareggiato in molte edizioni dell’unica regata al mondo che si corre in un circuito cittadino.

Gli skipper Mauro Pelaschier, Furio Benussi, Tommaso Chieffi e Gasper Vincec affiancati dal presidente dello Yacht Club Venezia Mirko Sguario, ideatore e organizzatore della Venice Hospitality Challenge e da Giancarlo Frizzarin, presidente del comitato di regata, assieme ad alcuni rappresentanti degli hotel e delle aziende che hanno legato il loro nome a questa manifestazione, parleranno della grande vela e dell’alta hotellerie veneziana coinvolta in questo evento che di anno in anno riscuote un crescente successo e fa giungere nella Serenissima i più importanti esponenti della vela mondiale.

Per tutti gli appassionati velisti sarà un’occasione unica per conoscere gli aspetti nascosti di questa regata per soli Maxi Yacht che presenta molte peculiarità: dall’organizzazione, costretta a confrontarsi con una realtà che ogni anno presenta nuove sfide alle complesse manovre che, come nella scorsa edizione, hanno comportato la conduzione di ben quattordici Maxi nel Canale della Giudecca, largo meno di 250 metri nel punto più stretto.

Con l’emergenza sanitaria legata al Covid-19 alle spalle, la Lega Navale di Monopoli torna in acqua ed è pronta ad organizzare le prime sei prove del campionato zonale Laser 2019.

Sabato 25 e domenica 26 luglio sono infatti attesi circa 40 atleti da tutta la Puglia per uno spettacolo che tingerà di bianco lo specchio d’acqua del lungomare Sud della città, per un weekend all’insegna del sano sport e dell’agonismo. L’obiettivo comune è quello di mettere quanto prima le barche in acqua e godersi mare, vento e sole in piena sicurezza, inseguendo il sogno del podio in una classe velica – quella del Laser – che permette a chiunque di regatare.

Un altro bel riconoscimento per la Lega Navale, che durante quest’estate ha messo la sua infrastruttura a disposizione del territorio per un tanto auspicato ritorno all’aria aperta dopo questi mesi difficili.

Appuntamento da non perdere per tutti i supporter di Arkanoé by Montura: questa sera alle 21 il sailing team capitanato da Sergio Caramel sarà infatti ospite di Zerogradinord nel corso di un'intervista live che verrà diffusa tramite la pagina Facebook della nota testata giornalistica, considerata punto di riferimento per tutti coloro che sono appassionati di vela e regate.

Nel corso della diretta interverranno non solo gli attuali componenti dell'equipaggio campione europeo Sportboats 2019, ma anche quelli che, a vario titolo, ne hanno fatto parte nel corso delle passate stagioni. Oltre allo skipper Sergio Caramel, che è tra i dieci atleti rimasti in corsa per il titolo di Velista dell'Anno TAG Heur, contest promosso da Il Giornale della Vela, saranno presenti Margherita Zanuso, Filippo Orvieto, Federico Gomiero, Riccardo Gomiero, Mario Bonsembiante e Michele Meotto. Guest star della serata sarà il due volte olimpionico sloveno Karlo Hmelijak (Pechino 2008 e Londra 2012) coach del Melges 24 dell'Arkanoé Sailing Team, scafo portacolori del circolo Il Portodimare.

Nel corso della diretta, oltre a ricordare i traguardi sportivi raggiunti dal team nato dalla passione di Claudio Caramel e legati al competitivo mondo del Melges 24, monotipo tra i più diffusi a livello mondiale, si parlerà del forte legame di amicizia che lega un gruppo di giovani velisti e di come questi siano riusciti a bilanciare i pressanti impegni agonistici con i rispettivi studi universitari che, per tutti, sono proseguiti senza ritardo alcuno. 

Appuntamento quindi fissato per questa sera, alle ore 21, sulla pagina Facebook di Zerogradinord.

Si inizia a respirare aria di ripartenza in casa Fraglia Vela Riva e a portare questa sferzata di positività dopo i lunghi mesi di stop è l’evento che da anni più caratterizza la stagione agonistica del Club dell’alto Benaco, il Meeting del Garda Optimist, che dal 19 al 23 agosto si stima richiamerà a Riva del Garda tanti giovani velisti da tutta Europa.

Una scelta ben ponderata, quella del direttivo della Fraglia Vela Riva, che dopo la decisione di annullare l’edizione 2020 del Campionato del Mondo Optimist, scommette sulla ripartenza e sceglie di farlo con la Classe che forse più di tutte ha reso celebre il circolo gardesano nel mondo.

“Abbiamo valutato a lungo questa decisione, anche perché tutelare la salute dei nostri piccoli atleti e dell’entourage che si muove con loro è sempre stata una nostra priorità. Poi ci siamo detti che le regate sarebbero dovute ripartire, anche quelle giovanili, e tanto valeva iniziare dall’evento a cui siamo tutti più affezionati, il Meeting del Garda Optimist” ha dichiarato il Presidente della Fraglia Vela Riva, Alfredo Vivaldelli.

Ora toccherà alla giuria scelta dal Giornale della Vela scegliere il vincitore del titolo di Velista dell'Anno Tag Heur, ma non vi è dubbio che l'entrata nella top ten di Sergio Caramel rappresenta un traguardo di prestigio assoluto.

Con la chiusura della fase riservata al voto del pubblico, infatti, il giovanissimo skipper del Melges 24 Arkanoé by Montura si è ritrovato a superare brillantemente il primo sbarramento, che ha sfoltito notevolmente i cento aspiranti al titolo selezionati dalla nota testata dedicata al mondo della vela e delle regate.

Sergio Caramel si è quindi segnalato tra i dieci velisti che nel corso del 2019 si sono distinti tra gli appassionati e gli addetti ai lavori in virtù di risultati e imprese degne di nota. Nel caso dello skipper padovano, da sempre in equipaggio con un gruppo di coetanei con i quali ha condiviso contestualmente la scuola superiore prima e l'esperienza universitaria poi, vanno ricordati il successo ottenuto al Campionato Europeo Sportboats e le notevoli performance prodotte tra le boe della classe Melges 24, culminante con la vittoria in una delle prove del Mondiale di Villasimius e con l'ottenimento del podio in due tappe del circuito 2019.

Più in generale è la consacrazione di un lungo percorso di crescita e di vita, iniziato ormai da oltre un lustro. Stagioni che hanno visto i ragazzi di Arkanoé by Montura, instradati da Claudio Caramel, padre di Sergio e grande appassionato di vela e navigazione, diventare indipendenti e competitivi nell'ambito di un cammino improntato al rispetto dell'avversario, alla cura del dettaglio, alla costante ricerca della performance e a una dedizione nei confronti dello studio che ha permesso a tutto l'equipaggio di ottenere voti elevati senza accumulare ritardi 'accademici'.

L'appuntamento per scoprire il nome del vincitore è fissato per il prossimo 9 maggio, quando il Giornale della Vela renderà nota la classifica finale e i vincitori dei numerosi premi speciali.