Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Orange Color

Il wingfoil, il nuovo sport che sta conquistando gli amanti del mare, arriva nel golfo di Napoli. Il 4 e 5 giugno, infatti, a Castellammare di Stabia si terrà il Wingfoil National Grand Prix con la presenza di tanti campioni mondiali.

Utilizzando una vela gonfiabile e una semplice tavola, gli istruttori della nuova disciplina conquistano sempre più giovani. La manifestazione nazionale è stata presentata nella sede della Lega Navale stabiese. È stata la presidente Patrizia Chierchia a spiegare l'iniziativa ad una platea di giovanissimi velisti.

Alla presentazione presente anche l'ex campionessa olimpionica di windsurf Alessandra Sensini: "È uno sport per chi ama la libertà. Il mio traguardo più importante è stata la medaglia d’oro olimpica in Australia".

Hanno spiegato gli organizzatori: "Si tratta di un appuntamento da non perdere per l’emergente disciplina sportiva del  WingFoil, fortemente attrattiva per tutte le fasce d’età e che per la prima volta arriverà , con un evento agonistico,  anche in Campania con la sezione della Lega Navale di Castellammare sempre pronta con nuove sfide organizzative che contribuiscono a rafforzare il sistema velico campano".

Tra gli atleti partecipanti ci sarà anche Ernesto De Amicis, giovane astro nascente di questo e il campione stabiese Vincenzo  Cotticelli, che già da tempo si allena nelle acque stabiesi.

L’ A.N.D.O.S. (Associazione Nazionale Donne Operate Al Seno) organizza e promuove ogni anno eventi solidali, coinvolgenti e emozionanti come quello in programma domenica 29 maggio 2022 (meteo permettendo, altrimenti domenica 5 giugno), che prevede una veleggiata sportiva solidale nelle acque antistanti il litorale di San Felice Circeo, denominata la Regata delle Rondini.

La veleggiata – organizzata grazie alla disponibilità di diversi diportisti, al Circeo Yacht Vela Club, alla Cooperativa Circeo 1°, alla Autorità Marittima ed al Patrocinio del Comune di San Felice Circeo – prevede di raggiungere una boa a poche miglia dalla linea di partenza ed il rientro in porto.  Alle ospiti non verranno ovviamente chiesti compiti tecnico/velistici, verrà altresì offerta la possibilità di passare qualche ora di serenità a bordo di una barca a vela e comprendere in modo semplice e diretto come un’imbarcazione a vela si muove con il vento e può raggiungere qualsiasi meta a prescindere dalla direzione del vento. Tutte le imbarcazioni in mare saranno invitate ad esporre un drappo arancione (colore sociale della A.N.D.O.S.) che sventolerà come segno di partecipazione e solidarietà. Vari velisti metteranno dunque a disposizione le loro imbarcazioni e un minimo del loro equipaggio per accogliere le donne associate, abbinate con sorteggio a ciascuna delle barche iscritte. 

La Regata delle Rondini avrà inizio alle ore 10 e dovrà concludersi in un tempo limite di tre ore, dopodiché seguirà un momento conviviale negli spazi antistanti il porto, realizzato dai Volontari dell’Accademia della Cucina Mediterranea con il contributo dei prodotti alimentari messi a disposizione da alcuni sponsor. Nell’area portuale, sarà presente un gazebo della A.N.D.O.S. ove le sue volontarie accoglieranno il pubblico che desideri essere informato sia sulle attività della A.N.D.O.S. che sui programmi di screening oncologici della ASL di Latina.  

L’Associazione A.N.D.O.S. è presente in Italia con circa 50 Comitati e la mission dell’Associazione è prendersi cura delle donne operate di tumore della mammella attraverso varie attività: sostegno psicologico, linfodrenaggio del braccio coinvolto, percorso nutrizionale e attività motoria di gruppo, attività occupazionale di gruppo, fornitura gratuita delle parrucche, attività culturali e ricreative.

A.N.D.O.S. si impegna, inoltre, ad aumentare la consapevolezza dei cittadini nei confronti dell'anticipazione diagnostica favorendo l'adesione ai programmi di screening oncologici regionali, anche a promuovere tra le donne il percorso multidisciplinare di cura del tumore della mammella presso le Breast Unit. Le volontarie, donne già coinvolte nella malattia e non, si adoperano giornalmente con entusiasmo per garantire le attività su riportate, in completa gratuità. 

Un giro intorno alla Penisola italiana nel segno dello sport inclusivo. Parte il 15 maggio dal Molo Audace di Trieste la Bull Days Inclusive Sailing Cup. La circumnavigazione toccherà i porti di Porto Cesareo (Lecce), Palermo, Napoli, Pisa, Genova e arriverà, dopo 1400 miglia e 45 giorni di navigazione, il 24 giugno nel principato di Monaco.

Un evento storico che riporterà in mare il leggendario ketch classe ’92 “New Zealand Endeavour”, già vincitrice dell’edizione 1993-94 del Whitbread Round the World Race. Al timone una squadra di 15 atleti paralimpici della Fai Sport, società sportiva paralimpica da 27 anni protagonista della scena sportiva nazionale.

Bull Days Inclusive Sailing Cup si propone di unire più mondi e attraverso lo sport di parlare un linguaggio universale puntando, tramite l’inclusione della disabilità nell’attività sportiva, a dare il proprio apporto al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu (Sustainable Development Goals).

Un appuntamento che ha trovato l’immediata condivisione della Lega Navale italiana, partner della Cup e da sempre impegnata sui temi della nautica solidale e dello sport per tutti. L’iniziativa vedrà coinvolte diverse Sezioni LNI presenti nei porti di approdo.

Per seguire in diretta la circumnavigazione, è previsto il lancio di una piattaforma di streaming, il “Live Sailing”.

 

Per saperne di più https://www.bulldays.net/bull-days-inclusive-sailing-cup/

 

La Lega Navale Italiana è orgogliosa di essere tra gli enti patrocinatori del progetto M.A.R.E., che coinvolgerà attivamente diverse Sezioni della LNI nel corso delle 12 settimane di navigazione nel Mar Tirreno.

M.A.R.E. (Marine Adventure for Research & Education) è un’iniziativa del Centro Velico Caprera, sviluppata in collaborazione con ONE Ocean Foundation, che unisce una serie di partner accomunati dalla sensibilità verso gli ecosistemi marini in un progetto di studio e divulgazione sullo stato di salute del Mar Mediterraneo.

L’attenzione alla conoscenza delle tematiche del mare e al rispetto dell’ambiente marino fanno parte della missione che la Lega Navale porta avanti da 125 anni.

Buon vento all’equipaggio di ONE!

 

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU

Con una rattristata cerimonia di premiazione, sul piazzale del Brigantino, in Accademia Navale, si è conclusa anticipatamente la Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno, edizione 2022.

Nella serata del 30 aprile era stata adottata l’opportuna decisione di interrompere le regate ancora previste per il giorno 1 maggio, e di far contemporaneamente cessare gli eventi a sostegno chiudendo anticipatamente il Villaggio Vela, in conseguenza del tristissimo evento in cui l’atleta cinquantunenne  Massimo Patelli è purtroppo deceduto, per cause da accertare, nel corso della regata ILCA Laser Master. Ad apertura della cerimonia un commosso minuto di silenzio.

Tra le varie categorie premiate nella giornata (la precedente cerimonia si era svolta in data 25 Aprile allorquando vennero premiati gli atleti della classe J 24, regata organizzata dalla Sezione LNI di Livorno) anche quella della classe Hansa le cui regate sono state organizzate da Assonautica Livorno. A premiare il primo classificato singolo, il giovane atleta Vincenzo Gulino di Crotone l’Ammiraglio Piero Vatteroni che gli ha consegnato la coppa del Presidente Nazionale della Lega Navale Italiana, Ammiraglio Donato Marzano.

Nel programma anche la premiazione della regata Vele d’Epoca,  con le sue varie classi.

Inizialmente prevista su due prove, la regata è stata poi disputata sull’unica  prova del 30 Aprile, nelle acque di Rosignano Marittimo. Ad organizzarla la Sezione LNI di Livorno insieme al Marina Cala de’ Medici.

L’edizione di questo anno ha visto un notevole incremento dei partecipanti: 11 le barche in acqua, di cui 3 della M. M. I. (Chaplin, Artica II e Grifone) che si sono cimentate su un percorso a bastone di 9 miglia.

Le categorie: Classe 5.50 S. I., Vele Epoca, barche Classiche e Vele Storiche (Overall).

I premi sono andati a:

  • Classe 5,50 S. I. a Grifone (M. M. I.), prima classificata ed a Twins X°
  • Vele Epoca: Margaret, Ilda, Barbara
  • Vele Classiche: prima Ojala’ II e poi nell’ordine Grifone e Kerkyra
  • Vele Storiche (Overall): prima Ojalà II seguita da  Grifone e Margaret

A rappresentare la LNI nella consegna dei premi l’Ammiraglio Piero Vatteroni, Delegato Regionale Toscana, ed il Col. Fabrizio Monacci, Presidente della Sezione di Livorno

Con le regate del 25 Aprile si è concluso il primo lungo week end  della Settimana Velica Internazionale, il classico evento sportivo velico livornese curato dal Comitato Circoli Velici Livornesi, l’Accademia Navale ed il Comune.

A scendere in acqua per prime le barche delle classi Optimist, Tridente 16, Laser IlcA e J24, regata questa organizzata dalla locale Sezione LNI, prova valida per il campionato italiano. 13 le barche iscritte, provenienti da Lazio, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana con la significativa partecipazione di una barca tedesca, proveniente da Amburgo.

Al via, Sabato 23, 11 gli equipaggi per la necessaria defezione di due barche iscritte, causa Covid, a ricordarci che l’emergenza sanitaria non è ancora conclusa. Il primo giorno di regate sono state disputate 3 prove, con vento robusto da Scirocco e mare formato, con “La Superba” (M.M.) a dettare il passo, inseguita da vicino da “United 5” (la barca tedesca) e da Jamaica, del Presidente di Classe Pietro Diamanti.

Il giorno successivo, il Comitato di Regata, presieduto da Giorgio Friso e con segretario Marco Malacarne, in accordo con gli organizzatori ed il Presidente di Classe, si vedeva costretto ad annullare le prove previste per il peggiorare della situazione meteo, come ribadito anche dall’allerta emesso dalla Autorità Marittima. La serata vedeva comunque gli equipaggi riuniti per il crew dinner, come da tradizione della Sezione.

La mattina del 25, con condizioni meteo decisamente migliorate (vento da SW di media intensità e mare lungo) alle 10 la prima partenza, ed in rapida successione le altre prove (4 quelle disputate).

La classifica finale ribadiva in sostanza il risultato del primo giorno di regate.

Alla premiazione, effettuata sulla bellissima terrazza Mascagni, orgoglio del lungomare livornese, presso il villaggio “Tutto Vela” (il 2022 è l’anno del rilancio, voluto dal Comune, di questa attrazione precedentemente interrotta) si sono succeduti sul palco:

“La Superba”, ITA 416 della M. M. (equipaggio Bonanno Ignazio, Scontrino Simone, Vano Vincenzo, Picaro Francesco, Branciforte Alfredo) cui è andato il premio destinato al primo equipaggio militare (in acqua erano scese anche due imbarcazioni della Accademia Navale), premio consegnato dall’Ammiraglio di Divisione Flavio Biaggi, comandante dell’Accademia,) ed ovviamente il premio per il vincitore della prova nazionale. A consegnarlo, in rappresentanza del Presidente Nazionale Amm. Sq. Donato Marzano, l’Amm. Piero Vatteroni,  Delegato Regionale.
“United 5”, Ger 5281 (equipaggio Jan kahler, Olaf Zietz, Tina Lulfink, Ino Petesen, Chlistian Evers  ) cui è andato il secondo premio, consegnato dal Presidente di Sezione, Col. Fabrizio Monacci.
“Jamaica”, ITA 212 (equipaggio Pietro Diamanti, Errani Alberto, Errani Lorenzo, Lupo Anton, Tronfi Matteo) a cui il terzo premio è stato consegnato dal dr. Giorgio Friso, presidente del CdR.

L’appuntamento per questa classe è per il 2023, mentre le regate della Settimana Velica proseguiranno nel prossimo we, con al momento in acqua le barche impegnate nella Regata dell’Accademia Navale (RAN), sulla lunga rotta (630 le miglia) da Livorno alla boa di Porto Cervo, quindi alla successiva a Capri, per poi dirigere sull’arrivo a Livorno; la regata è organizzata dallo Yacht Club Livorno, in sinergia con lo Yacht Club Costa Smeralda.

Il prossimo impegno della Sezione LNI di Livorno sarà la Regata delle Vele d’Epoca che, per l’organizzazione, sarà affiancata dallo Yacht Club Cala de’ Medici. Le prove (30 Aprile e 1° Maggio) saranno disputate a Rosignano nel cui marina le barche saranno ospitate.

I più letti