Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Orange Color

Concluso con successo il Campionato Mondiale Rs Venture Open valevole per l’assegnazione del titolo mondiale para sailing 2021. I due equipaggi italiani infatti concludono al secondo e terzo posto la competizione iridata all’interno della storica regata Travemunde Woche 2021. Tra loro anche Fabrizio Olmi (LNI Milano), che conquista il terzo gradino del podio in coppia con Davide Di Maria (CG Salò). Nuovo risultato importante, quindi, per Olmi, che qualche settimana fa si era imposto nel singolo nel Campionato Italiano 2021 della classe hansa 303, tenutosi a Porto San Giorgio.

L’equipaggio composto da Gianluca Raggi e Emiliano Giampietro, entrambi dello YC Punta Ala, ha concluso il campionato al secondo posto sfiorando l’oro ( 7-ocs-4-3-4-6), serie identica agli avversari gli svizzeri Moerch-Amiguet che conquistano il gradino più alto  grazie alla migliore prestazione nell’ultima prova.

Fabrizio Olmi e Davide Di Maria, invece, chiudono l’esperienza tedesca al terzo posto (6-4-7-5-8-10) cedendo il titolo conquistato a Cadiz nel 2019. Un campionato mondiale sui generis visti i soli tre giorni di regate in programma oltre alla poca attenzione dimostrata dagli organizzatori tedeschi  in termini di logistica e facilities per regatanti e accompagnatori. I tecnici presenti a Travemunde erano Filippo Maretti e Fabio Barbieri.

"Ulteriore importante risultato di un nostro atleta ed in un settore strategico come quello del para sailing, dove notevoli sono gli sforzi quotidiani di tante Sezioni e Delegazioni impegnate nell'avvicinare tutti, incluso le persone con disabilità, al mare e all'attività agonistica. Per il para sailing il 2021 è un anno determinante che culminerà con il campionato mondiale della classe hansa 303 a Palermo nel prossimo mese di ottobre" ha commentato il Presidente Nazionale della LNI, l'ammiraglio Donato Marzano.Il tecnico Maretti dichiara: "Ottimo il rientro di Raggi dopo 3 anni di assenza che trova un ottimo feeling con il compagno di equipaggio Giampietro. L’equipaggio ha regatato bene mantenendo alta la concentrazione nei tre giorni. Peccato per l’OCS che ha compromesso il risultato finale. Un po’ di rammarico  per l’equipaggio Olmi- Di Maria che partivano da favoriti ma non sono riusciti a esprimere il loro potenziale in particolare nelle fasi di partenza".

Il responsabile del settore Para Sailing FIV, Fabio Colella, dichiara: "Dopo un periodo veramente difficile per il settore e per questa classe, per le ovvie problematiche sanitarie e per quelle tecniche accorse durante la stagione degli  allenamenti, chiudiamo con ottimi risultati la stagione Rs Venture. Questo dimostra l’impegno e le capacità degli atleti selezionati per le squadre, con i quali mi congratulo. Un ringraziamento va inoltre ai tecnici federali e ai circoli coinvolti per l’attenzione nelle attività e per i risultati conseguiti".

Altri appuntamenti agonistici internazionali attendono le squadre parasailing FIV: il Campionato Mondiale 2.4 e il Mondiale Hansa 303, quest'ultimo organizzato presso la sezione LNI di Palermo.

 

 

FONTE e FOTO: FIV

La TV che detiene di diritti olimpici, Discovery, ha fatto un accordo con la FIV, per il ramite di World Sailing: come in altri paesi, anche in Italia si possono seguire tutte le regate olimpiche attraverso il sistema tracking di SAP Sailing

Una straordinaria occasione per seguire le regate e tifare i nostri velisti olimpici. Guardare le regate col tracking garantisce l'aggiornamento real-time del risultato (attenzione: nel corso di una regata i piazzamenti possono cambiare molto spesso) e l'osservazione di molti parametri tecnici. Si puo' usare come strumento aggiuntivo alle regate viste in tv, oppure da solo.

Si entra nel link (CLICCA QUI). Si apre una pagina speciale con i bottoni di tutte le prove in programma per tutte le classi. I bottoni gialli sono le regate disputate (che si possono rivedere) o in corso. Il sitema SAP Sailing fornisce oltre la posizione delle barche anche la classifica aggiornata in tempo reale, l'intensità del vento, le sue oscillazioni, la velocità delle barche in gara, i grafici di ogni singolo concorrente, e altro ancora.

 

FONTE e FOTO: FIV

L’Associazione Vele Storiche Viareggio e il Club Nautico Versilia annunciano l’apertura ufficiale delle iscrizioni al XVI Raduno Vele Storiche Viareggio, in programma presso la città toscana dal 14 al 17 ottobre 2021. In quella occasione una flotta di barche d’epoca, classiche e tradizionali si affronteranno in occasione di tre appassionanti regate e contemporaneamente daranno vita al primo museo galleggiante della Versilia. Le imbarcazioni potranno essere infatti ammirate gratuitamente dal pubblico, che avrà l’opportunità di informarsi sulla loro storia e caratteristiche indicate su appositi pannelli posti di fronte ad ogni scafo. Da oltre tre lustri l’evento è considerato l’ultimo appuntamento della stagione in Mediterraneo riservato alle barche storiche, prima che ritornino presso i rispettivi porti di stazionamento per la pausa invernale. L’evento è patrocinato dall’AIVE, l’Associazione Italiana Vele d’Epoca fondata nel 1982 e dalla FIV, Federazione Italiana Vela. Come da tradizione, anche quest’anno il raduno sarà dedicato a un’imbarcazione socia di Vele Storiche e la prescelta per il 2021 non a caso è Lo Spray, motorsailer in mogano armato a ketch Marconi che festeggerà 60 anni dal varo. Costruito dal cantiere Picchiotti su un progetto derivato dalle navette scozzesi degli Anni Trenta di Franco Anselmi Boretti, questo motorsailer è stato oggetto di un profondo restauro realizzato nel corso degli ultimi tre anni dal cantiere viareggino Francesco Del Carlo.    

ISCRIZIONI APERTE ANCHE AI “NON ISCRITTI” VSV 

Le barche d’epoca, classiche, storiche e tradizionali, anche se non iscritte alle Vele Storiche Viareggio, possono iscriversi al link https://velestoricheviareggio.org/iscrizione-imbarcazioni-xvi-raduno-vsv/. La flotta verrà suddivisa in una serie di raggruppamenti in base alle loro caratteristiche, che comprenderanno anche imbarcazioni in vetroresina secondo un criterio riconosciuto da Vele Storiche https://velestoricheviareggio.org/come-valutiamo-il-valore-storico-delle-imbarcazioni/. Tre le regate previste nelle giornate di venerdì, sabato e domenica, al termine delle quali verrà stilata una classifica in tempo reale per tutti i raggruppamenti e una classifica in tempo compensato per le imbarcazioni in regola con il certificato di stazza CIM, curata dall’AIVE. Tutte le iscritte concorreranno all’assegnazione del Trofeo Vele Storiche Viareggio, mentre gli scafi costruiti dal noto cantiere ligure Sangermani si contenderanno il prestigioso Trofeo Challenge a loro riservato. Domenica pomeriggio 17 ottobre si svolgerà la cerimonia di premiazione.

CONFERMATA LA PARTECIPAZIONE DELLA CLASSE 5.5 E PER LA PRIMA VOLTA DEI DINGHY 12’ CLASSICI

Come nelle ultime passate edizioni, anche quest’anno è confermata la presenza di una flotta della storica classe dei 5.5 Metri S.I. (Stazza Internazionale), che regateranno separatamente su un percorso e con una giuria a loro dedicati. Ma l’assoluta novità del 2021 sarà la presenza, seppure limitata a pochi scafi, dei Dinghy 12’ classici, deriva nata nel 1913. Le barche, trainate dalla vicina Torre del Lago, giungeranno a Viareggio attraverso il canale che unisce il lago di Massaciuccoli.

IL “PUNTO PIÙ ALTO” DEL COMANDANTE DEL VESPUCCI E LE RICETTE DI DAVIDE BESANA

Tra le iniziative collaterali organizzate in occasione del raduno, la presentazione di due libri: “Il punto più alto” e “Prezzemolo e vecchi nervetti”. Il primo è il racconto del percorso professionale e di vita del Capitano di Vascello della Marina Militare Gianfranco Bacchi; un viaggio che lo ha portato dagli anni della formazione in Accademia Navale a Livorno al comando dell’Amerigo Vespucci, la più bella nave a vela al mondo. Il secondo descrive con allegria e ironia 108 ricette illustrate con la tecnica dell’acquerello dal cartoonist Davide Besana, autore e disegnatore milanese di origine, ma ligure d’adozione, con un amore sconfinato per il mare, la vela e la cucina. Entrambi i volumi sono editi dalla Edizioni Cinque Terre, piccola casa editrice indipendente ligure con una storia ventennale di pubblicazioni locali. Ogni momento conviviale a terra si svolgerà sempre e comunque nel pieno rispetto delle normative vigenti in quel momento riguardanti l’emergenza sanitaria in corso.

E’ il vento da maestrale, a dominare la prima giornata del Campionato Mondiale di vela classe O’pen Skiff, di scena nelle acque di Calasetta.

L’avvio dell’evento, inserito nella Sail Week, è stato frenato dal forte maestrale, che durante la giornata ha raggiunto i 36 nodi. L’organizzazione ha inizialmente ridotto il programma a due regate per ciascuna flotta, sul classico percorso a bastone più traverso, e previsto l’uscita a turno delle flotte Yellow e Blue degli Under 17, per finire con gli Under 13.

Invece, di fronte alla crescente intensità del maestrale e al mare sempre più formato, ha posticipato per due volte l’uscita delle barche, fino al definitivo annullamento nel primo pomeriggio.

Nulla di fatto quindi per i giovanissimi ed entusiasti concorrenti, che sin dal primo mattino si erano radunati nel villaggio regate, equipaggiati con mute lunghe, lycra colorate e le immancabili mascherine, per armare le loro barche in vista della prima battaglia iridata.

All’edizione sarda del campionato – la terza, in acque italiane - partecipano 205 timonieri, di cui 131 Under 17 e 74 Under 13, in rappresentanza di Italia, Francia, Germania, Polonia, Stati Uniti, Ungheria.

L’ASSEMBLEA DI CLASSE. Durante la presentazione del Campionato Mondiale O’pen Skiff, si è svolta l’assemblea della classe internazionale cui sono intervenuti i rappresentanti delle flotte di Ungheria, Polonia, Germania, Francia, Italia, Stati Uniti e Giappone.

Nel corso dell’incontro, è stata deliberato la modifica dei raggruppamenti, che dal 1° gennaio 2022 saranno: Under 12 (ragazzi dai 9 fino agli 11 anni compiuti) e Under 16 (dai 12 anni ai 15 anni compiuti).

La novità più rilevante è l’adozione, da parte della classe internazionale, di una nuova vela di 3.5 metri quadrati per la categoria Under 12, mentre viene confermata l’attuale vela 4.5 per l’Under 16.

“Siamo di fronte a un cambiamento molto importante per la classe O’pen Skiff”, ha sottolineato il presidente della classe internazionale, Guido Sirolli, “con la nuova vela da 3.5 mq, con albero più corto di quello in uso da 4.5, consentiremo ai ragazzi più leggeri - anche sotto i 30 kg di peso - , di regatare in sicurezza con venti sostenuti. In questi anni, l’attuale vela da 4.5 si era mostrata indicata per ragazzi sopra i 40, 45 kg e aveva creato una difficoltà oggettiva per i ragazzi più leggeri e giovani. Come tutti i cambiamenti”, ha concluso Sirolli, “dovrà essere assestato nel prossimo anno, per consentire alle squadre di conoscere meglio la nuova vela e apprezzarne le sue caratteristiche”.

L’assemblea ha ufficializzato inoltre l’assegnazione del prossimo Mondiale alla Francia. Il campionato si terrà sul Lago di Carcans - Maubuisson, vicino a Bordeaux e sul versante atlantico, dal 17 al 23 luglio 2022.

 

FONTE e FOTO: Open Skiff Italia

Una bella iniziativa a difesa dell’ambiente, quella che vede coinvolta la Lega Navale di Napoli che ha deciso di ospitare, presso il porticciolo del Molosiglio, la famosa imbarcazione di Legambiente Goletta Verde, per l’unica tappa in Campania del suo tour.

Quella della Goletta Verde è una campagna che l’associazione ambientalista porta avanti, da oltre trenta anni, per difendere la bellezza del nostro Paese, promuovendo buone pratiche e comportamenti sostenibili. Una missione contro illegalità, cementificazione, fonti fossili, mala depurazione e rifiuti, che vede l’imbarcazione impegnata a percorrere i nostri mari per effettuare monitoraggi scientifici sulla qualità delle acque e denunciarne l’inquinamento.

E proprio il capoluogo campano sarà la prossima tappa di questo straordinario viaggio,  che prevede quasi 2.000 miglia di navigazione e più di 15 approdi in oltre un mese di navigazione (la Goletta è partita il 3 luglio da Genova e concluderà il suo viaggio il 12 agosto a Trieste).

Oltre a comunicare i dati rilevati nel corso delle attività di monitoraggio, i volontari di Legambiente realizzeranno dei percorsi didattici con i ragazzi. Saranno coinvolte sia le giovani leve che svolgono attività velistica presso la Lega Navale di Napoli che quelle in forza a Mascalzone Latino. Inoltre, anche alcuni dei partecipanti al progetto “Una vela per sperare”, che la Lega Navale di Napoli porta avanti ormai da diversi anni nei quartieri a rischio della Sanità e di San Giovanni a Teduccio verranno reclutati per le attività in programma.

In particolare, venerdì 16 luglio, dalle ore 15:30 alle ore 17:30, i giovani  saranno impegnati nei  laboratori "Mettiamoci in Gioco”, una serie di attività improntate principalmente ai temi della plastica in mare, della raccolta differenziata, del riciclo e riuso. Un piccolo percorso di sensibilizzazione che passerà attraverso il coinvolgimento visivo, l'interazione e la manipolazione dei materiali e che prevede, anche, una visita guidata della Goletta Verde.

“ Siamo sempre disponibili quando si tratta di lavorare in sinergia con Enti ed Associazioni che difendono il mare e promuovono la tutela dell’ambiente – sottolinea l’avv. Alfredo Vaglieco, Presidente della Lega Navale di Navale – Da sempre è uno degli obiettivi principali della Lega Navale e dare l’opportunità, ai nostri giovani, di essere “educati” alla cultura della sostenibilità e del rispetto della natura che ci circonda è una occasione che non vogliamo e non possiamo lasciarci sfuggire. Ben vengano, quindi, queste iniziative che troveranno, sempre, nella Lega Navale di Napoli un partner attento, sensibile e disponibile alla collaborazione”.

 

FOTO: Legambiente

l maestrale cede il passo ai 205 timonieri partecipanti al Campionato Mondiale di vela classe O’pen Skiff, protagonisti a Calasetta delle prime regate della serie che sabato eleggerà i nuovi campioni Under 13 e Under 17 di classe.

Regolare e costante, con una media di 10 nodi d’intensità, il maestrale ha accompagnato l’avvio delle ostilità iridate fino al primo pomeriggio: quattro, le prove corse da ciascuna flotta (il massimo consentito per ogni giornata di gara). Per le famiglie e gli spettatori che hanno potuto assistere da terra, un magnifico colpo d’occhio di vele rosse e bianche, con lo sfondo dell’isola di San Pietro.

A scendere in acqua per primi, i 131 concorrenti delle due flotte Yellow e Blue Under 17. Per loro, un percorso bolina – poppa, con lasco e bastone esterno in chiusura.

Di poco più corto, il percorso riservato ai 74 Under 13, con bastone ma nel primo lato per evitare sovrapposizioni con l’altra flotta.

Alla disputa della quarta prova, tutti i concorrenti hanno potuto eliminare in automatico il peggior risultato.

Under 17

Con tre primi posti e un terzo scartato, Manuel De Felice (CN Monte di Procida), conduce nella flotta Under 17, davanti al polacco Piotr Trella (Miejski Klub Zeglarsky Arka Gdynia, 1-3-1-5). Quest’ultimo precede di misura Alessandro Guernieri (Circolo della Vela Arco, 2-2-2-4). Continua quindi il duello tra questi ultimi due, che avevano già vinto a pari merito l’International Calasetta Cup, il warm up del Mondiale disputato domenica.

Under 13

E’ invece il polacco Josef Krasowski (Sail & Ski Klub Warszawa, 3-2-1-1) a guidare con 4 punti netti il gruppo degli Under 13. Segue Matteo Attolico (Lega Navale Italiana Procida, 10-3-5-2) tallonato da Juan De Nardo (CN Monte di Procida, 15-1-2-9) 

“E’ la mia prima regata in Italia, sono davvero felice di essere qui”, ha commentato lo statunitense Benjamin Mohram, “ieri il vento era davvero troppo forte, oggi molto meglio e anche il mare mi è piaciuto, è molto diverso rispetto a quello cui sono abituato, carico di onde. Anche il confronto con tanti ragazzi di paesi diversi rende questa esperienza molto interessante”.

“Le condizioni oggi erano ottime per me, il vento perfetto per regatare” , ha dichiarato al rientro in porto Alix Briane, tra le migliori classificate della corposa squadra francese, “è stato davvero emozionante arrivare sulla linea dello start e trovare così tanti regatanti. Non ho particolari ambizioni di classifica, il mio obiettivo principale è divertirmi”.

 

 

FONTE: Open Skiff Italia

FOTO: Martina Orsini-O’pen Skiff