Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Green Color

Dopo aver archiviato Il Campionato Italiano di flotta 2021 eccoci di nuovo a parlare di eSailing. Da qualche giorno si sono aperte le iscrizioni al Campionato Match Racing eFIV previsto dal 15 al 28 Novembre p.v. Le iscrizioni si chiuderanno il 13 Novembre (ore 16:00).

Nicolò Gatti (comitato organizzatore): «Per il Campionato di Flotta eravamo fiduciosi e i numeri sono stati particolarmente interessanti, oggi sono felicemente sorpreso dall’adesione riscontrata anche per questo evento di match racing. Dal momento della pubblicazione del Bando di Regata abbiamo registrato 46 iscritti segno che la disciplina piace. A questo punto, a circa cinque giorni dalla chiusura auspico si possa aggiungere qualche giocatore dell’ultimo minuto».

Il comitato organizzatore, sulla base del numero finale di iscritti, deciderà quale formato adottare, diverse sono le opzioni disponibili. Lo svolgimento della manifestazione sarà oggetto dell’Appendice Z (formato dettagliato dell’evento ndr) che, sarà pubblicata appena possibile dopo la chiusura delle iscrizioni tra sabato 13 e domenica 14 Novembre.

Per quel che riguarda la barca, qualcuno chiedeva di utilizzare una barca veloce, qualcun altro una lenta; si è deciso invece di usare il J70, una barca "all round", in linea con lo spirito di questa disciplina, il match racing appunto, è nel “manico” non nel mezzo utilizzato. Operativi lunedì 15 Novembre dalle ore 2200 per l’inizio della Manifestazione sui canali social della FIV (Facebook, Instagram) e sul server eFIV di discord dove la community italiana si riunisce da oltre un anno.

Come per le precedenti manifestazioni contiamo di continuare ad avere illustri ospiti e seguiranno aggiornamenti in tempo reale sullo svolgimento della regata.

 

 

BANDO E ISTRUZIONI DI REGATA

Per iscrivervi usate questo link: https://forms.gle/j3pQkzWsRb4QuVFN6

Per accedere al Server Discord e-Fiv questo: https://discord.gg/GDejj4Kk

Come per le precedenti manifestazioni contiamo di continuare ad avere illustri ospiti e vi aggiorneremo in tempo reale sullo svolgimento della regata.

Altri appuntamenti del eSailing:

- Dicembre (a breve le date): Campionato Italiano a Squadre di Club eFIV

 

 

FONTE e FOTO: FIV

Primo grande successo per il Raid Motonautico Internazionale Pavia-Venezia 2022, che a distanza di più di 6 mesi dal suo svolgimento ha già raggiunto il numero massimo di partecipanti, chiudendo le iscrizioni in appena 60 ore per l’esaurimento dei 133 posti disponibili. Un evento mai successo nella quasi secolare storia del raid più lungo (413 km) e antico del mondo, che ha visto la sua prima edizione nel 1929!

La 70ª edizione del Raid Pavia-Venezia si terrà il 5 giugno 2022 sotto l’egida della FIM (Federazione Italiana Motonautica) e per la sua storia sarà l’evento finale del Salone Nautico di Venezia 2022. La mitica competizione nasce, quindi, sotto le più rosee aspettative, come confermato dagli organizzatori Giampaolo Montavoci (Presidente dell'Associazione Motonautica Venezia) e Angelo Poma dell'Associazione Motonautica Pavia.

Proprio per la straordinaria partecipazione si conferma, anche quest’anno, il richiamo internazionale del raid, con iscrizioni già pervenute da ben 13 nazioni diverse (con ancora 50 tra moto e barche in waiting list): Italia, Inghilterra (con 9 equipaggi), Francia (7 equipaggi), Belgio, Olanda, Spagna, Malta, Svizzera, Austria, USA, Repubblica Dominicana, Svezia ed Emirati Arabi.

Tra i partecipanti spicca il nome del 10 volte campione del mondo di motonautica Guido Cappellini, che tenterà di vincere l'unica gara che manca al suo palmares. In gara anche l'emiratino di Abu Dhabi Rashed Al-Qemzi, campione mondiale in carica di Formula 2, Drew Langdon, l’ex campione di sci Kristian Ghedina (in coppia con Giampaolo Montavoci), il Presidente di Assonautica Venezia Marino Masiero, Tullio Abbate Jr e tanti altri fuoriclasse.

Presso la Sala Giunta del CONI la Federazione Italiana Vela ha presentato il piano sportivo in vista delle Olimpiadi di Parigi 2024, strizzando anche l’occhio a quelle successive di Los Angeles. Un programma complesso e strutturato che vede a stretto contatto la Preparazione Olimpica insieme alle squadre giovanili; percorso parallelo e di grande suggestione quello Para Sailing che prevede l’impegno - di concerto con World Sailing - di reintrodurre a Los Angeles 2028 anche la vela nelle Paralimpiadi.

Il commento in apertura del Presidente Francesco Ettorre: ““Credo che questo Piano Sportivo sia la logica trasposizione di un modus operandi che ha contraddistinto la nostra Federazione negli ultimi anni: un unico grande percorso che costituisce la naturale filiera che parte dal Settore Giovanile – inesauribile fucina di talenti e soddisfazioni sportive – per arrivare a quello di Alto Livello. Ringrazio per questo tutto il comparto tecnico che in questo quadriennio - appena trascorso - ha contribuito in maniera determinate al raggiungimento di risultati sportivi di prim’ordine. Nel percorso che ci porterà a Parigi abbiamo l’onere e l’onore di difendere una medaglia e cercare di raggiungerne altre attraverso un piano che convogli in un’unica direzione tutte le nostre risorse. Un pensiero particolare per il comparto Para Sailing: abbiamo un grande sogno che è quello di riportare la vela alle Paralimpiadi. Un dovere verso tutti quegli atleti e simpatizzanti che ci rendono orgogliosi di far parte della grande famiglia della Vela.”

 

PREPARAZIONE OLIMPICA E ALTO LIVELLO

Solidità – Obiettivo del nuovo quadriennio è quello di consolidare i risultati raggiunti negli anni precedenti e il conseguente raggiungimento di nuove medaglie Olimpiche. Per poter puntare a tali traguardi il lavoro sarà suddiviso in due differenti livelli: uno che guarda a Parigi 2024 e uno che a più ampio respiro si spinge verso Los Angeles 2028.

  • Verso Parigi 2024 prevede un lavoro specifico che identifichi i potenziali podi, una strategia sulla squadra di alto livello e parallelamente lo sviluppo e il coinvolgimento di atleti promettenti e già di buon livello.
  • Verso Los Angeles 2028 prevede sempre lo sviluppo e il coinvolgimento degli under con un occhio particolare per il cammino delle squadre giovanili U19 e U16.

Questo percorso deve passare necessariamente da risultati che veicolano una performance sportiva attraverso un investimento specifico sui giovani emergenti del Settore Giovanile per arrivare a un vero e proprio Team Performance.

Il lavoro prevede tre fasi: la fase zero, ossia il momento di ripartenza, con le prime individualità selezionate su scelta tecnica, poi integrate con i rodati accessi sulla base dei risultati; la fase uno co obiettivo la qualifica per Nazioni nel 2023,  che sfocerà nella fase due che prevede la preparazione alle Olimpiadi del 2024.

La struttura per attuare questo progetto prevede un organigramma che vede al suo vertice la Presidenza e i Consiglieri Federali di riferimento per quanto attiene la parte politica, mentre il comparto tecnico ha al suo vertice la Direzione Tecnica Nazionale con Michele Marchesini che si avvarrà del supporto della nuova figura del Coordinatore dei Tecnici Luca De Pedrini (che continuerà a occuparsi anche della gestione performance) e del Team Manager Guglielmo Vatteroni; la Direzione Giovanile è affidata ad Alessandra Sensini.

Per quanto riguarda il coinvolgimento degli Atleti si partirà da un azzeramento delle categorie di merito e dall’identificazione degli Atleti in base a valutazioni tecniche, dal prossimo anno avverrà l’accesso al Team Performance e a Sviluppo e Under secondo il sistema già utilizzato in precedenza; dal 2022 per gli Atleti di livello A e B ci sarà la possibilità di avere programmi autonomi. I benefit per gli Atleti coinvolti prevederanno contributi per l’acquisto di materiale e bonus per preparazione atletica e spese mediche in base al livello e all’eventuale appartenenza ai Gruppi Sportivi Militari. Rimangono in essere le borse di studio a supporto degli Atleti non appartenenti ai GSM.

 

SETTORE GIOVANILE

Di concerto con l’Alto Livello viene programmato e integrato il Piano Sportivo Giovanile che prevede:

  • Diffondere ed uniformare metodologie di allenamento
  • Avviare all’attività agonistica e indirizzare gli atleti
  • Promuovere percorsi al cambio classe
  • Campionati Internazionali di Classe
  • Youth World Sailing Championship

Gli atleti U19 avranno la possibilità di accedere a benefit quali borse di studio (attraverso i Circoli) e il consueto Piano Sviluppo Territorio che annualmente stanzia fondi per l’acquisto di nuove imbarcazioni per la classi giovanili. Gli atleti del team U19 saranno convocati agli allenamenti, usufruiranno di un programma sportivo coordinato e avranno un supporto alla preparazione atletica. Per gli U16 sono previsti altri benefit che verranno erogati attraverso i Comitati di Zona che potranno avere a disposizione un Tecnico federale per gli allenamenti, potranno partecipare a raduni nazionali con i migliori Atleti osservati e la presenza ai Campionati Italiani Giovanili.

Continua il progetto Foil Academy già introdotto quest’anno che prevede l’avviamento alla navigazione su Foil coinvolgendo il Team U19 e gli Atleti individuati in collaborazione con i Comitati di Zona.

Questo il commento del Direttore Tecnico Michele Marchesini a margine della conferenza: “Abbiamo di fronte una sfida doppia e incrociata: il ciclo Olimpico verso Parigi 2024 di soli tre anni al quale, da subito, si sovrappone quello verso Los Angeles 2028. Di fronte abbiamo un’asticella, quella delle qualifiche, che si sposta sempre più in alto, l’evoluzione tecnica dei materiali Olimpici a dir poco impressionante e, soprattutto abbiamo la volontà ferma di ripeterci sul podio a cinque cerchi.

Uno scenario che impone di ragionare, ripartire senza dare nulla per scontato. Sono convinto dell’importanza di avere una struttura solida, compatta ed efficace, ho chiesto alla Presidenza un periodo per lavorare su questo assieme a Sensini, il Presidente per parte sua ci ha illustrato chiaramente la sua visione.

Il Piano Sportivo presentato oggi è semplicemente l’evoluzione della linea tecnica che in questi anni ha portato a una progressione di risultati unica, con l’introduzione di alcuni aggiustamenti e migliorie; al di là di correggere alcune criticità si rendeva necessario potenziare alcuni settori, in primis lo sviluppo e la ricerca in ambito foil, che copre ora cinque discipline Olimpiche su dieci.

Quando hai una struttura solida puoi poi permetterti di lavorare sui marginal gains: come per Tokyo 2020 stiamo già concentrandoci su soluzioni che dovrebbero, al momento giusto dare quell’ “edge” che fa la differenza.”

 

Alessandra Sensini Direzione Giovanile: “Per il settore giovanile la stagione si concluderà con lo Youth World Sailing Championship in programma a Muscat (Oman) dal 10 al 18 dicembre. Tra due giorni, a conclusione del Camp. Europeo 29er, avremo gli ultimi nomi dei 16 atleti nelle 11 classi previste dal programma.

Riguardo il prossimo quadriennio la programmazione del settore giovanile continua con il progetto già avviato nel quadriennio di Rio 2016, che ha l’obiettivo di diffondere un metodo di lavoro fornito attraverso delle linee guida nazionali per la crescita di giovani agonisti; aumentare i numeri di atleti nelle classi agonistiche U19 ed infine preparare i giovani atleti al passaggio nelle Classi Olimpiche Juniores. Nel 2022 rafforzeremo la presenza dello staff tecnico federale sul territorio, passando da uno a due tecnici a supporto dell’attività zonali rivolte ai giovanissimi delle classi singole e doppie insieme ai loro allenatori di circolo. La Foil Academy, nata a giugno del 2021, entrerà a pieno regime per avviare alla navigazione su foil tutti i giovani velisti delle classi U19.”

 

PARA SAILING 21-24: LINEA DI SUPPORTO TOTALE A WORLD SAILING PER IL “RESTAITMANT SAILING IN LA28”

La federazione Italiana Vela lancia il suo programma Para Sailing per il quadriennio in corso condividendo gli obiettivi e tenendo conto delle direttive di Word Sailing. La parola d’ordine è rientrare nel panorama paralimpico a Los Angeles 2028. Il Piano Strategico della Federazione Internazionale  vuole:

  • Incrementare il range delle disabilità fisiche, sensoriali e intellettive
  • Incrementare la partecipazione giovanile
  • Incrementare la partecipazione femminile

L’obiettivo è quello di raggiungere entro il 2023 il maggior numero di atleti partecipanti alle attività internazionali, rappresentare almeno 45 nazioni e i 6 continenti. È imminente il lancio del BID «Reinstaitmant para sailing LA28» (26 ottobre 2021).

Già da oggi la Federazione Italiana Vela sostiene i progetti di diffusione internazionale dell’attività velica. In questo senso strizza l’occhio alla possibilità di creare un HUB mediterranea per il supporto e lo sviluppo dell’attività Para Sailing coinvolgendo altre federazioni nazionali che si affacciano sul nostro bacino.

Si conferma l’interesse del settore FIV verso le attuali classi Para Sailing (Hansa 303,2.4 mR, RS Venture) ritenendo al contempo che particolare attenzione, visti gli obiettivi, debba essere riservata allo sviluppo delle attività sulla classe Hansa 303.

Il programma Para Sailing FIV si articola su tre livelli e settori che comprendono

  • Il mantenimento e lo sviluppo delle competenze di un gruppo denominato Alto Livello (AL) al quale, al momento, appartengono 3 equipaggi singoli e 2 doppi e che comprende gli atleti: Di Maria, Giampietro, Gualandris, Olmi, Raggi, Squizzato;
  • la promozione e lo sviluppo della Squadra Giovanile (SG) composta a oggi da Di Maria e Gulino;
  • la formazione degli istruttori, in particolare del “Tecnico Zonale Para Sailing”.

Per la stagione 2022 le attività di allenamento e i test event saranno programmati in base agli obiettivi su manifestazioni internazionali e di interesse.

Il rapporto sbilanciato tra numero di atleti di alto livello e numero componenti la Squadra Giovanile lancia un segnale certamente chiaro la cui risposta si deve basare sul reclutamento di giovani, donne nello spirito di diversità, di inclusione e di sviluppo.  La figura del Tecnico Zonale Parasailing è strettamente legata alle attività di promozione e giovanili pertanto verranno promossi gli obiettivi di  

  • Coordinare l’organizzazione delle varie fasi dei Campionati Studenteschi
  • Organizzare almeno un raduno tecnico zonale per atleti
  • Coordinare almeno un aggiornamento zonale per istruttori
  • Individuare un Centro Zonale Para Sailing (CZPS )

Il settore prevede anche una stretta collaborazione con il settore formazione FIV per la diffusione delle competenze ai tecnici FIV di vario livello

  • Corso nazionale di specializzazione/abilitazione Para Sailing
  • Aggiornamenti Para Sailing per gli istruttori FIV dal I° livello
  • Percorso formativo per i DSPZ
  • Percorso formativo per classificatori internazionali.

Il progetto internazionale da sviluppare in collaborazione con WS è la creazione di un centro italiano per lo sviluppo delle attività Para Sailing. A tal fine si sta lavorando per:  

  • Individuare il centro in base alle esigenze e alle caratteristiche logistiche
  • Reperire gli strumenti adeguati (Hansa 303)
  • Sviluppare le attività di allenamento degli atleti e di formazione degli istruttori

Il polacco Piotr Cichocki è il campione del mondo della classe paralimpica Hansa 303 di vela. Il verdetto è arrivato al termine delle regate che si sono svolte nel corso del Campionato mondiali della Classe Paralimpica che si è svolto a Palermo e che si è concluso questo pomeriggio alla Cala con la cerimonia di premiazione.

Cichocki, campione del mondo ed europeo in carica, ha preceduto la francese Cecil Venuat e il britannico Rory Mickinna. CLICCA QUI PER LE CLASSIFICHE DEL SINGOLO

Nel doppio, sempre classe Hansa 303, ha vinto il duo australiano formato da Symonds-Klinger, davanti ai polacchi Cichocki- Gournas Grudzien e ai francesi Guyon-Ducruix. CLICCA QUI PER LE CLASSIFICHE DEL DOPPIO

Nella classe Liberty si è imposta Vera Voorbach (Olanda), davanti a Gerard Eychenne (Francia) e a Paul Phillips (Gran Bretagna). CLICCA QUI PER LE CLASSIFICHE DELLA CLASSE LIBERTY

Alla cerimonia di questo pomeriggio nel Villaggio delle Nazioni allestito alla Cala di Palermo è arrivato il messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: “È con vivo piacere che porgo un caloroso saluto agli equipaggi partecipanti al campionato del mondo Hansa 303 che in questi giorni si svolge a Palermo. Oltre 180 atleti provenienti da 25 nazioni, con 118 imbarcazioni in gara: è davvero un successo straordinario per uno sport che mostra come sia possibile superare le barriere. Lo sport è un diritto di tutti, e occorre impegno da parte delle istituzioni affinché il suo esercizio possa superare ogni ostacolo, fisico e ambientale. Sullo straordinario esempio positivo dei campioni paralimpici, non posso che augurare che lo sport diventi sempre più uno strumento di inclusione, di partecipazione sociale e di affermazione personale.  Rivolgo un apprezzamento a tutti coloro che hanno reso possibile questo evento a partire dalla sezione della Lega Navale di Palermo che, nella ricorrenza del suo 120 compleanno, ospita questa bellissima manifestazione.  Buon vento a tutti”.

Intervenuta con un videomessaggio anche il ministro delle Disabilità, Erika Stefani: “Il mare – ha detto - sa eliminare le barriere perché mette tutti sullo stesso piano. Qualche settimana fa sono stata  in visita in Sicilia e mi sono resa conto ulteriormente di queste enormi potenzialità che ha questa regione sul fronte sello sport in mare”.

“Abbiamo cercato di fare del nostro meglio – ha detto Beppe Tisci, presidente della Lega Navale di Palermo, che ha organizzato la manifestazione -. Tutti i nostri soci si sono impegnati per questa splendida festa. Nonostante le cattive condizioni meteo, siamo riusciti ad assegnare i titoli di campioni del mondo. Tutti hanno fatto la loro parte, a partire dalle istituzioni: Regione Siciliana, Comune di Palermo, Sovrintendenza ai Beni culturali e ambientali. Fondamentale l’appoggio dei nostri partner: l’assessorato regionale allo Sport e la Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale presieduta dal Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele. Un grazie anche a tutti gli sponsor, alla Fiv che ci ha permesso di organizzare questo evento, all’ammiraglio Donato Marzano, presidente nazionale della LNI”.

Alla cerimonia ha preso parte anche l’ammiraglio Luciano Magnanelli, vicepresidente della Lega Navale Italiana: “Abbiamo assistito a una vera festa dello sport e del mare. Uno dei più importanti eventi dopo le paralimpiadi, avete dimostrato che le barriere si possono abbattere, non solo quelle fisiche ma anche quelle sociali e burocratiche. Siamo rimasti colpiti dal grande coinvolgimento dei soci e dei volontari della sezione di Palermo della Lni”.

Presente anche l’assessore comunale Sergio Marino: “Siete una potenza. Oggi voi siete tutti campioni del mondo, al di là delle classifiche. Nella vita si vive di emozioni e non c’è diversità nelle emozioni che voi ci avete dato in questi giorni”.

 

 

Per avere tutte le informazioni sulla competizione: www.hansaworlds2021.org

Si terrà dal 21 al 24 ottobre, a Napoli, l’Europa Cup Italy, unica tappa italiana dell’Europa Cup 2021 della classe ILCA (ex Laser). Una sorta di Champions League della vela, per un evento, l’ottavo di una stagione continentale che comprende dieci tappe, organizzato da Accademia dell’Alto Mare e Reale Yacht Club Canottieri Savoia in collaborazione con EurILCA, Associazione Italia Classi Laser e Federazione Italiana Vela – V Zona.

La tappa partenopea, valida anche come ranking nazionale 2021, vedrà impegnati i migliori velisti europeo dell’ILCA (International Laser Class Association). L’isola di Nisida ospiterà, per quattro giorni, spettacolari regate in mare, per un massimo di otto prove per ogni flotta, in contemporanea su due campi di regata. A terra, invece, si terranno eventi e attività ludiche per scoprire Napoli e i suoi luoghi più belli, per una kermesse che vuole unire sport e turismo. È la prima volta che l’Europa Cup – in Italia ogni due anni – sceglie la città di Napoli come tappa di un circuito continentale.

Circa 300 velisti prenderanno parte all’appuntamento, di età compresa tra i sedici e i trenta anni. Ad oggi, quella napoletana è la tappa con il numero più alto d’iscritti, superando anche quella di Hyères (da sempre la più partecipata) ed eguagliando il numero d’iscritti dell’Europa Cup Italy 2019 tenutasi a Torbole sul Lago di Garda in periodo pre-Covid.

Dunque, un incoming dai numeri importanti, che ha reso necessaria una macchina organizzativa imponente per garantire il perfetto svolgimento di tutte le attività.

In questo senso, fondamentale il supporto della Marina Militare che, nella base di Nisida, darà ospitalità alle imbarcazioni ed ai mezzi di trasporto (furgoni, carrelli ed auto), mentre i gommoni saranno varati ed alati presso il Comando Logistico ed ormeggiati al porticciolo dell’Accademia Aeronautica, sempre all’interno della base Militare.

I partecipanti arrivano da tutta l’Europa: Malta, Grecia, Inghilterra, Croazia, San Marino, Finlandia, Svizzera, Italia.

In più, è stato accolta l’adesione di una delegazione proveniente da Singapore, un sail team composto da sei atleti e un allenatore con i loro accompagnatori, che non hanno voluto rinunciare all’opportunità di prender parte ad un evento unico, sia per impegno agonistico che per bellezza della location.

“Napoli con la sua capacità organizzativa si conferma la capitale italiana della vela – afferma il Presidente del RYCC Savoia, Fabrizio Cattaneo della Volta – E’ dalla Olimpiade del 1960 che la città arriva puntuale e organizzata alle grandi manifestazioni sportive. D’altra parte in un miglio nautico, dal Molosiglio a Santa Lucia e Posillipo, caso unico nel mondo, vi sono ben otto Circoli che sfornano campioni negli sport nautici. Nei fatti, smentiscono la frase della Ortese, “il mare non bagna Napoli”. Questo evento, con il valore aggiunto della grande partecipazione della Marina Militare, darà sicuramente ulteriore impulso alla promozione sportiva ma anche sociale, culturale e turistica della città”.

"E' sotto gli occhi di tutti come la vela incarni la quintessenza dell'essere Marinai e di come la Città di Napoli, per le tradizioni marinare che può vantare, sia da sempre indissolubilmente legata alla Marina – sottolinea l'Ammiraglio Giuseppe Abbamonte Comandante Logistico Marina Militare - Di conseguenza la Marina, ed il Comando Logistico che la rappresenta nella Città di Napoli, ha aderito con straordinario entusiasmo a questo evento che sottolinea ed evidenzia una volta di più il legame inscindibile tra la nostra terra, la Marina Militare e la vela, che a loro volta sono sinonimi della cultura e dei valori alla base della formazione di ogni marinaio ed indice di quella vocazione marittima che accomuna tutta la nostra Nazione, il cui sviluppo e prosperità sono ineludibilmente dipendenti dal mare".

"Siamo particolarmente orgogliosi di ospitare questa tappa dell'Europa Cup ILCA – evidenzia l'Avv. Alfredo Vaglieco, Presidente della Lega Navale di Napoli – Lavorando in sinergia con la Marina Militare Italiana, con il Circolo Savoia e con la Federazione Italiana Vela – V Zona, siamo riusciti ad offrire a Napoli una splendida opportunità, quella di farsi conoscere in tutta la sua bellezza paesaggistica e ricchezza culturale. Oltre, ovviamente, a tenere viva la grande tradizione velistica della nostra Regione".

"La tappa di Europa CUP nel cuore di Nisida è un'altra grande occasione sportiva che rafforza la ripartenza dell'organizzazione velica del territorio con quella sinergia che da sempre rappresenta il punto di forza dei grandi eventi velici di Napoli e del suo Golfo, che vede insieme i Circoli e la Marina Militare - commenta Francesco Lo Schiavo, Presidente della V ZONA FIV -. Con questa regata, si rafforza il profilo internazionale di Napoli e della Campania nel panorama dei grandi eventi sportivi legati al mare e si trasmette un forte segnale per le nuove sfide del quadriennio olimpico".

 

 

FONTE e FOTO: Reale Yacht Club Canottieri Savoia

Continua il predominio polacco e australiano nel secondo giorno di regate al campionato Mondiale 2021 della Classe Paralimpica Hansa di vela in corso a Palermo fino al 9 ottobre.

Nei singoli è rimasta quasi invariata la classifica generale. Il campione europeo Piotr Cichocki, in arrivo dalla Polonia, anche oggi si è aggiudicato il gradino più alto del podio, seguito dalla francese Cecile Venuat. Terzo il campione del mondo in carica nel singolo: l’australiano Christopher Symonds.

Anche nel doppio una super Polonia ha piazzato al primo e secondo posto i propri equipaggi: Bury-Wozniak seguiti da Cichocki-Gornas Grudzien. Subito dopo ancora l’Australia con la coppia Symonds-Klinger.

Oggi si torna in acqua di mattina con le regate doppie e nel pomeriggio con i singoli.

 

CLICCA QUI PER LE CLASSIFICHE DI IERI DEL SINGOLO E DEL DOPPIO

 

 

Per avere informazioni sempre aggiornate sulla competizione: www.hansaworlds2021.org