Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Green Color

Centinaia di atleti hanno fatto da sfondo questo pomeriggio alla cerimonia di apertura del campionato Mondiale 2021 della Classe Paralimpica Hansa di vela, in corso a Palermo fino al 9 ottobre.

Un lunghissimo serpentone di bandiere ha sfilato all’interno del Village della Nazioni, lo spazio allestito alla Cala dalla Lega Navale di Palermo, in collaborazione con assessorato Turismo Sport e Spettacolo della Regione Siciliana e grazie al fondamentale contributo della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale. A fare gli onori di casa Giuseppe Tisci, presidente della Lega Navale di Palermo. Presenti oggi fra gli altri anche il presidente nazionale della Federazione Italiana Vela, Francesco Ettorre; il presidente nazionale della Lega Navale, Donato Marzano; l’assessore all’Ambiente della Regione Siciliana, Toto Cordaro.

La manifestazione ha proiettato Palermo al centro del mondo della vela a livello internazionale: in città sono arrivati i nomi più importanti della classe Hansa. Il Village delle Nazioni si è trasformato in una cittadella dello sport e dell’inclusione: affollata in questi giorni da atleti con disabilità e dai loro accompagnatori.

I numeri della manifestazione

25 Paesi: Australia, Brasile, Cile, Filippine,  Giappone, Namibia, Oman, Turchia, UK, USA, Cina, Nuova Caledonia, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Irlanda, Lituania, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna.

185 atleti partecipanti: 115 uomini, 70 donne

58 atleti in carrozzina + 4 non vedenti, 59 doppi, 73 singoli (52+21 cat. suppl.), 16 Liberty (di cui 7 Servo assistiti).

118 barche in acqua.

 

Per avere informazioni sempre aggiornate sulla competizione: www.hansaworlds2021.org

 

IL PROGRAMMA

 

Martedì 5 ottobre

Ore 10.30 – Regate singoli

Ore 14.30 – Regate doppio

Ore 18 - Klaxxon Event:  presentazione “Progetto Wow” con Andrea Stella

 

Mercoledì 6 ottobre

Ore 10.30 – Regate doppio

Ore 11 – Uscita Wow - Catamarano Spirito di Stella

Ore 14.30 – Regate singoli

 

Giovedì 7 ottobre

Ore 10.30 – Regate singoli

Ore 11 – Uscita Wow - Catamarano Spirito di Stella

Ore 14.30 – Regate doppio

 

Venerdì 8 ottobre

Ore 10.30 – Regate doppio

Ore 11 – Uscita Wow - Catamarano Spirito di Stella

Ore 14.30 – Regate singoli

 

Sabato 9 ottobre 

Ore 10.30 – Regate singoli

Ore 11 – Uscita Wow - Catamarano Spirito di Stella

Ore 13.30 – Regate doppio

Ore 16.00 - Cerimonia di chiusura e premiazione

Si è chiuso sull’alto lago di Garda il CICO 2021 Frecciarossa, il Campionato Italiano delle Classi Olimpiche della vela che ha visto in gara 324 atlete e atleti in 11 classi olimpiche e Para Sailing, compresi numerosi stranieri da un totale di ben 23 nazioni. Il campionato ha coinvolto diverse località con campi di regata a Malcesine (classi Para Sailing Hansa 303 e 2.4mR), Navene (Formula Kite), Torbole (470 Mixed, Finn, windsurf iQFOiL maschile e femminile), Arco (le acrobatiche 49er, 49er FX e Nacra 17) e Riva del Garda (i singoli ILCA 6 e ILCA 7).

La “piccola Olimpiade” della vela azzurra si è confermata un evento di successo, per la partecipazione, l’organizzazione e anche per l’aspetto sportivo, con tante regate e il rispetto quasi totale del programma agonistico, grazie alle condizioni ideali del lago.

Il CICO 2021 Frecciarossa sul Garda ha evidenziato anche nuovi standard tecnici: per la prima volta sono stati disposti in acqua ben sei campi di regata tutti equipaggiati solo con boe elettriche, sviluppate dai primi test nel post-lockdown del giugno 2020 fino a raggiungere un'affidabilità ormai vicina al 100%. Un investimento fatto dal Consorzio Garda Trentino Vela, riconosciuto dalla FIV, grazie all'unione di tutti i circoli: Circolo Vela Torbole, Circolo Surf Torbole, Circolo Vela Arco, Lega Navale di Riva del Garda e Fraglia Vela Riva, nonché dei comuni di Torbole, Arco e Riva del Garda e di istituzioni come Provincia Autonoma di Trento con Trentino Marketing e Garda Trentino. Grazie al lavoro comune, questo CICO 2021 ha raggiunto gli ambiziosi obiettivi che solo nel 2020 sembravano impossibili da realizzare.

La giornata finale, come da previsioni, si è rivelata difficile dal punto di vista meteo: cielo nuvoloso già al mattino, e quindi pioggia leggera, hanno impedito la consueta circolazione dei venti del Garda. Sono riusciti a fare una regata solo le classi Para Sailing 2.4 mR e Hansa 303 Singoli, il windsurf iQFOiL (la tavola a vela dotata di foil) e i Formula Kite. Nel pomeriggio sono usciti con aria leggera anche 470 e Finn da Torbole, e i singoli ILCA 6 e 7 da Riva. Fermi invece gli skiff acrobatici ad Arco.

L’iQFOiL, una delle new entry per Parigi 2024, ha assegnato i titoli con molte regate, nei diversi formati tecnici previsti: Race che Slalom, è stata la più numerosa tra le classi presenti al CICO 2021 Frecciarossa, e si è distinta per l'importante e qualificata partecipazione internazionale, numero record per un Campionato Italiano di Classe Olimpica. Anche il Kitefoil ha deciso i titoli con le ultime prove disputate domenica mattina presto, con un finale all’ultimo volo sempre spettacolare.

Novità interessante anche il 470 che da maschile e femminile è diventato disciplina olimpica unica con equipaggio misto, un cambiamento epocale che sta provocando grande movimento di equipaggi alla ricerca della giusta configurazione. Questo CICO 2021 Frecciarossa è stata la prima occasione di confronto vero per molti di loro.

IL TROFEO CARLO ROLANDI

In ricordo del Presidente Onorario FIV, figura storica della vela italiana, ex presidente FIV e atleta olimpico, scomparso quest’anno, la FIV ha istituito il Trofeo Challenge Carlo Rolandi da assegnare al circolo risultato primo nella classifica a punti per le prestazioni dei propri equipaggi al CICO 2021 Frecciarossa.

I primi 10 circoli ricevono premi in denaro dalla FIV, i primi tre sono saliti sul podio e il primo è stato premiato con il Trofeo Challenge consegnato dai figli di Carlo, Adele e Giggi.

Il primo vincitore del Trofeo Challenge Carlo Rolandi è la Sezione Vela Guardia di Finanza. Al secondo posto lo Yacht Club Italiano, al terzo la Fraglia Vela Malcesine.

Si è chiuso con una lunga e festosissima premiazione il CICO 2021 Frecciarossa.

I RISULTATI FINALI, I PODI TRICOLORE E GLI ALTRI PREMI

Nacra 17 (5 equipaggi) totale 12 prove, con 2 scarti

L’olimpico di Rio 2016 e campione del mondo 2019 Vittorio Bissaro (Fiamme Azzurre), e la sua prodiera in questa occasione Alice Sinno (Fiamme Azzurre), conquistano il titolo italiano con 1 punto di vantaggio sui giovani ex olimpici giovanili 2018 Andrea Spagnolli (FV Malcesine) e Alice Cialfi (CV Ventotene), che è anche il primo della classifica Under 24. Terzo posto per Carl Arto Hirsch ed Elettra Orsolini (Compagnia della Vela di Roma). Nella classifica Under 24 secondi Hirtsch e Orsolini e terzi Carlo Centrone e Martina Giusti (LNI Ostia).

49er maschile (8 equipaggi) totale 12 prove, con 2 scarti

I campioni italiani sono Simone Ferrarese (CV Bari) e Leonardo Chistè (Aeronautica Militare), un titolo sugellato da ben 8 primi su 12 regate. Al secondo posto Marco Anessi Pè e Edoardo Gamba (AN Sebina) unico altro equipaggio a vincere delle manche, e al terzo posto tra gli italiani due del team di Luna Rossa Prada Pirelli all’ultima America’s Cup: Jacopo Plazzi (CC Aniene) e Matteo Celon (Fraglia Vela Malcesine). Al terzo overall la coppia di Hong Kong formata da Akira Sakai e Russell Aylsworth. Premiati come primo equipaggio Under 23 Gianmarco Mascia e Pietro Cordini (CV Porto D’Agumu, in Sardegna). Secondi U23 Giovanni Sanfilippo e Claudio Defontes (CC Roggero di Lauria), terzi Tommaso Banfi e Martino Provinciali (CV Bellano).

49er FX femminile (11 equipaggi) totale 12 prove, con 2 scarti

Si confermano campionesse italiane per il secondo anno consecutivo Jana Germani (CNT Sirena) e Giorgia Bertuzzi (FV Malcesine), aggiungendo il titolo al recente 6° all’Europeo in Grecia, grazie a sei primi di giornata, due secondi e un terzo. Jana e Giorgia sono anche le prime della classifica Under 23. Al secondo posto, staccate di appena 4 punti, Alexandra Stalder e Silvia Speri (Marina Militare), e al terzo Carlotta Omari (Fiamme Gialle) e Sveva Carraro (Aeronautica Militare). Terze Under 23 Arianna Passamonti e Giulia Fava (NC Castelfusano). Qualche cambio di equipaggio e attenzione su questa classe acrobatica femminile chiamata a riscattare la mancata qualifica olimpica per Tokyo, in vista dei prossimi Giochi di Parigi 2024.

470 Mixed (23 equipaggi) totale 10 prove con 1 scarto

Parte bene la lunga corsa verso Parigi 2024 per la coppia formata da due ex azzurri di Tokyo 2020, Giacomo Ferrari al timone e Bianca Caruso a prua, entrambi Marina Militare: avevano già in tasca il titolo prima della giornata finale, con quattro primi, un quinto e due sesti posti che sono valsi il tricolore. Sul secondo gradino del podio Maria Vittoria Marchesini (SV Barcola Grignano) e Bruno Festo (LNI Mandello Lario), quarti overall dopo due equipaggi tedeschi. Terzi italiani Benedetta Di Salle (Marina Militare) e Francesco Padovani (LNI Mandello), settimi assoluti. Il 10° posto overall vale a Marco Gradoni (Tognazzi MV) e Alessandra Dubbini (Fiamme Gialle) il primo posto Under 23.

ILCA 7 (52 equipaggi) totale 10 prove con 1 scarto

Con una regata finale di marcamento del rivale diretto, il lecchese Nicolò Villa (CV Tivano) conquista il titolo italiano dell’ex Laser Standard maschile, grazie a una grande costanza di piazzamenti mai oltre il 4° posto. Secondo Gianmarco Planchesteiner (Fiamme Gialle), che è riuscito a contenere il ritorno del triestino Alessio Spadoni (CC Aniene), terzo sul podio. Premiato come primo Under 21 Cesare Barabino (YC Olbia), decimo overall. Secondo U21 Pietro Giacomoni (CV Portocivitanova) e terzo U21 Matteo Paulon (CV Torbole).

ILCA 6 (24 equipaggi) totale 10 prove con 1 scarto

Classifica finale overall con due straniere ai primi due posti: la francese Louise Cervera e la lituana Gintare Scheidt. La classifica delle azzurre infiamma la corsa al tricolore: terza assoluta e campionessa italiana 2021 è Carolina Albano (Fiamme Gialle) premiata per la sua regolarità. Il podio tricolore è completato dal secondo posto di Federica Cattarozzi (CV Torbole) e dal terzo di Chiara Benini Floriani (Fraglia Vela Riva), quest’ultima premiata anche per il primo posto Under 21. Le tre azzurre sul podio sono divise alla fine da appena 4 punti, a conferma di un CICO molto equilibrato. Sul podio Under 21 anche Sara Savelli (CV Torbole) seconda, e Carlotta Rizzardi (CV Torbole) terza.

iQFOiL femminile (13 equipaggi) totale 15 regate, di cui 7 race e 8 slalom, 3 scarti

Meritata vittoria dell’azzurra di Tokyo 2021 Marta Maggetti (Fiamme Gialle), che si è imposta su Giorgia Speciale (Fiamme Oro) con 13 punti di vantaggio. La Speciale ha vinto l’ultima prova di race disputata domenica mattina. Terzo posto assoluto alla tedesca Theresa Steinlein, mentre la locale Sofia Renna (Circolo Surf Torbole), conquista il bronzo tricolore, vincendo nella categoria Under 21, grazie ad un ottimo quinto assoluto. Secondo e terzo posto under 21 rispettivamente di Linda Oprandi (Windsurfing Club Caldaro) e Marta Monge (CN Finale).

iQFOiL maschile (44 equipaggi) - totale 13 regate di cui 8 race e 5 slalom, 3 scarti

Podio assoluto internazionale con netta vittoria dell’olandese Huig Jan Tak, secondo posto del brasiliano Ghannam e terzo dello svizzero Elia Colombo. Campione Italiano 2021senior e under 21 per il portacolori del Circolo Surf Torbole Nicolò Renna, che con l’ultima prova è riuscito a passare Matteo Iachino (Yacht Club Italiano), secondo e quinto assoluto; bronzo tricolore per Daniele Benedetti (Fiamme Gialle). La classifica under 21 oltre all’oro di Renna, secondo posto di Alessandro Josè Tomasi (fraglia Vela Riva) e di Manolo Modena (Circolo Surf Torbole).

KiteFoil maschile (23 equipaggi) totale 14 regate, 2 semifinali e 2 Medal Series

Il Formula Kite insieme alle tavole ha regatato la mattina, riuscendo a disputare così le Semifinali e le Medal Series secondo il format con i primi quattro atleti, che si sono giocati il podio finale nella categoria maschile. Il capoclassifica britannico Connor Bainbridge, passato di diritto in Medal con due primi dopo 14 regate, ha conquistato la terza vittoria nella seconda prova di Medal, che ha così chiuso i giochi, come previsto dal regolamento che assegna la vittoria finale al concorrente che raggiunge per primo tre primi posti. Secondo assoluto e Campione italiano 2021 Lorenzo Boschetti (Chia Wind Club), vincitore della prima Semifinale e della prima Medal. Terzo assoluto e secondo italiano Riccardo Pianosi (CV Portocivitanova), premiato anche come primo Under 19, mentre Mario Calbucci (Yacht Club Italiano) conquista il terzo gradino del podio tricolore. Sul podio Under 19 anche Angelo Soli (Hang Loose) secondo, e Felice Saturnino De Nicolò (Maselli Kite) terzo.

KiteFoil femminile (7 equipaggi) totale 14 regate e 2 Medal Series

Anche le donne del Formula Kite hanno disputato le ultime due finali domenica mattina nelle acque antistanti Navene (Malcesine), spot principe della disciplina. Appassionante testa a testa per la conquista del titolo italiano tra Maggie Pescetto (YC Italiano) e Sofia Tomasoni (WC Cagliari). Mentre la vittoria assoluta è andata alla francese Lauriane Nolot, la Pescetto grazie ad un 5-2 nelle finali si è assicurata il titolo italiano, lasciando il secondo posto alla campionessa olimpica giovanile 2018 Sofia Tomasoni (3-5 nelle finali), ribaltando il finale dello scorso anno a Follonica. Il terzo gradino del podio va a Tania Laporte (Chia Wind Club). Premiata come prima Under 19 va a Irene Tari (CV Portocivitanova), sesta overall.

CLASSE OLIMPICA DI TOKYO 2020

Finn (17 equipaggi) totale 10 prove con 1 scarto

Ultimo CICO per lo storico singolo olimpico che non sarà più disciplina a cinque cerchi.  Enrico Voltolini (CV Erix), grinder su Luna Rossa Prada Pirelli in Coppa America, aveva conquistato il titolo tricolore già ieri, grazie a 5 primi su 10 prove. Gradino d’onore per Roberto Strappati (LNI Ancona), grazie alla vittoria nella prova finale, e terzo posto per Matteo Iovenitti (CC Aniene). Marko Kolic (FV Peschiera) perde il podio a causa della squalifica per partenza anticipata con bandiera nera nella prova conclusiva.

CLASSI PARA SAILING

2.4mR (17 equipaggi) totale 10 prove con 1 scarto

Con il campione uscente Antonio Squizzato impegnato nel Mondiale a Tampa (Florida, USA) in questi giorni, il suo successore per il titolo è Davide Di Maria (SCG Salò), 6 primi su 10 prove. Al secondo posto Giancarlo Mariani (Liberi nel vento), staccato di 17 punti e con 1 solo punto di vantaggio sul terzo, Angelo Boscolo (Jesolo Yacht Club).

Hansa 303 Singolo (17 equipaggi) totale 8 prove con 1 scarto

L’esperto Marco Gualandris (CV Sarnico), due partecipazioni alle Paralimpiadi 2008 e 2012 con la classe Skud, vince il titolo italiano della classe Para Sailing Hansa 303 versione in singolo, precedendo di 5 punti il secondo classificato, Fabrizio Olmi (LNI Milano), vincitore dell’ultima prova, e di 6 punti il terzo Vincenzo Gulino (CV Crotone).

Hansa 303 Doppio (13 equipggi) totale 4 prove con 1 scarto

La particolarità di questa barca Para Sailing è quella di essere adatta sia a singoli che a coppie, questo facilita un maggiore coinvolgimento di equipaggi e spesso la stessa barca disputa più regate al giorno nelle due diverse configurazioni. Il titolo della categoria Hansa Doppio va a Silvia Ranni (CV Muggia) e Costanza Caruso (LNI Trieste), davanti a Valentina Diana e Maria Cristina Atzori (Veliamoci, in Sardergna). Terzo posto a Roxana Diana Salomon (LNI Brescia) e Stefano Ramazzotti (FV Desenzano).

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE CLASSIFICHE COMPLETE

 

 

FONTE e FOTO: Comunicato stampa FIV

Tre belle giornate di sport hanno animato lo scorso fine settimana la costa rimenese che ha ospitato la quarta tappa del Circuito nazionale Open Skiff e l'ottava tappa dell'imbarcazione RS Aero. Circa cento gli atleti al via che hanno affrontato la kermesse sportiva caratterizzata da belle giornata con vento dai 10 ai 13 nodi che ha reso le regate davvero competitive e con risultato incerto fino all'ultima prova.

Almeno, questo è quello che si è verificato nello skiff in singolo RS Aero 7 dove il cagliaritano Filippo Vincis (LNI del Sulcis) si è aggiudicato la vittoria solo a conclusione dell'ultima giornata, davanti a Giulio Sirolli (Tognazzi Marine Village). Nell'ultima giornata Vincis è riuscito a portare a casa tre primi posti che gli hanno permesso di raggiungere l'atleta romano che nella prima giornata era riuscito a portare a casa un risultato altrettanto brillante. Il "sorpasso" c'è stato all'ottava con Vincis che ha chiuso davanti a Sirolli di tre posizioni, aggiudicandosi così la vetta della classifica finale. Fra i Master vittoria di Attilio Dall'Agnola (C.V. Torbole) che ha avuto la meglio sul presidente della classe Guido Sirolli. Meno combattuta, ma altrettanto entusiasmante da vedere è stata la conquista del podio nella classe RS Aero 5 con la vittoria di Elias Nonnis davanti all'irlandese Roy Van Maamen.

Nella classe giovanile Open Skiff erano 75 in concorrenti in regata, distinti nelle tre categorie: Prime, Under 13 e Under 17. Fra i Prime ad avere la meglio è stata Irene Cozzolino del Circolo Nautico Monte di Procida che ha totalizzato dieci punti sulle otto prove disputate, davanti ad Antonio Gaetano Ugdulena della ASD Vento di Tramontana. A completare il podio è il campano Valerio Improta. Nella categoria Under 13 Matteo Attolico della LNI di Procida ha vinto senza grandi difficoltà su Edoardo Oscar dell'Associazione Nautica Sebina  e sul palermitano Pietro Passariello, rispettivamente in seconda e terza posizione. Nella categoria maggiore Under 17 Manuel De Felice del Circolo Nautico Monte di Procida si impone nuovamente sull'avversario gardesano Riccardo Michellotti che si è dovuto accontentare della medaglia d'argento. Sul terzo gradino del podio, a soli tre punti di distacco, troviamo Niccolò Giomarelli del C.V. Castiglionese.

Durante la tre giorni di regate si è tenuta l'assemblea annuale dell'associazione di classe che ha confermato alla presidenza Guido Sirolli che verrà affiancato per il quadriennio dai consiglieri Laura Pennati, Gianfranco Muolo, Carlo Pompili, Dado Cavallo, Luca Magia e Rossella Marchi. Nel collegio dei Probiviri sono stati eletti Enrico Vaccaro, Attilio Dall'Agnola e Carlo Valeri mentre Andrea Musone è stato eletto revisore dei Conti.

"Ringrazio i dirigenti che mi hanno accompagnato fino ad oggi e quelli che iniziano adesso questo nuovo percorso per lo sviluppo dello skiff in Italia - ha detto il presidente Guido Sirolli -. Durante l'assemblea abbiamo annunciato le prime novità per il futuro, con l'introduzione di una vela da 3,5 mq per la classe Open Skiff in sostituzione della vela da 3,8 mq. Questa decisione a livello internazionale ha spinto la classe italiana a prevedere dei contributi per chi dovrà effettuare la sostituzione della vela, così come abbiamo annunciato che la classe Internazionale sta rivedendo l'organizzazione dello skiff giovanile nelle tre categorie Under 12, Under 15 e Under 17 che potrebbero essere operative già dal prossimo anno".

 

FONTE: Open Skiff

FOTO: Roberto Baroncini

Il 16 ottobre la sezione di Garda ha organizzato un evento per coinvolgere il maggior numero possibile di barche a vela sui temi della salvaguardia ambientale e sviluppo sostenibile.

 

L’evento è aperto a chiunque abbia una barca a vela e sarà suddiviso su due percorsi: una regata FIV di 14 mn per gli agonisti, ed una veleggiata a vele bianche di 9 mn per tutti i diportisti.

 

Grazie al sostegno dell’azienda BTS Biogas, la Lega Navale di Garda organizza questa manifestazione con l’obiettivo di rafforzare il messaggio della sostenibilità nel mondo della vela e nelle comunità locali. L’amore per la natura e per lo sport associata alla consapevolezza della responsabilità di tutti noi nel garantire la salvaguardia del pianeta per e con le generazioni future.

 

Con il patrocinio del Comune di Garda, Kyoto Club e Plastic Free, sull’onda del concorso “Insieme Cambiamo la Rotta, No alla Plastica in mare, nei fiumi, nei laghi. Cambiamenti climatici, cause e rimedi” indetto con il Ministero dell’Istruzione, la Lega Navale Italiana sez. di Garda continua con BTS Biogas il suo l’impegno per stimolare i giovani nella riflessione sulle principali problematiche ambientali, cambiamenti climatici e inquinamento, e favorire una maggiore consapevolezza da parte di tutti sui temi della sostenibilità, della protezione dell’ambiente e della cura della “casa comune”.

 

BTS Biogas, un’azienda con oltre 230 impianti realizzati in Italia e nel mondo, presente da più di 20 anni nel settore dell’energia rinnovabile e la Lega Navale Italiana, che ha lo scopo di diffondere nella popolazione, quella giovanile in particolare, lo spirito marinaro, la conoscenza dei problemi marittimi, l'amore per il mare e l'impegno per la tutela dell'ambiente marino e delle acque interne, con questa edizione vogliono segnare l’inizio di un percorso sul lago di Garda che si propone di coinvolgere un numero crescente di sportivi giovani e adulti, di istituzioni, aziende e associazioni per contribuire alla diffusione della cultura della sostenibilità e della responsabilità.

Si è svolta sabato 2 e domenica 3 ottobre 2021 la 35ª edizione della regata velica optimist Trofeo Memorial Soggiu, organizzata dalla Lega Navale Italiana di Santa Margherita Ligure per ricordare l’ex Presidente di sezione.

Circa 90 i partecipanti all’evento, con atleti provenienti non solo dal territorio ligure. La categoria CADETTI (neti tra il 2011 ed il 2012) non ha potuto portare a termine nessuna regata a causa del poco vento di sabato e delle condizioni molto impegnative di domenica.

Tra gli JUNIORES, invece, trionfo per Nicolas Margaria del Circolo Nautico ILVA, che si era già imposto nell’edizione del 2019. Secondo gradino del podio per Edoardo Pastorino (Circolo Nautico ILVA), seguito da Giancarlo Postiglione del Circolo Velico Arenzano. Prima della Classifica femminile, Benedetta Catania dello Yacht Club Italiano.

A Taranto, sotto la regia della LNI Taranto e alla presenza del presidente federale Marco Mugnani e del presidente della commissione tecnica arbitrale Ignazio Minoli, vanno in scena nella giornata di domenica i Campionati Italiani nella specialità lance a 10 remi.

Affermazione per la LNI Molfetta con il tempo di 12.00.13 a firma di Lucia De Nichilo, Claudia Cappelluti, Vittoria Valente, Gerolama Mancini, Filomena Facchini, Antonia La Macchia, Giovanna Vista, Giuseppina De Marino, Consiglia De Nichilo e Giovanna De Pinto (tim. Mauro Bufi) davanti alla LNI Taranto (Adriana Di Cesare, Gabriela Russano, Anna Cirillo, Pamela Bruno, Domenica Crisafi, Cosima Pulpo, Mariavittoria Gatto, Marina Miceli,  Sabina De Florio, Maria Fiore, tim. Luciano Boscaino) e all’ASD Vogatori Città di Taranto (Maria Maddalena Lippo, Giulia Lupoli, Rosa Urselli, Nagima Zenzhebekkyzi, Arianna Pignatelli, Samira Ben Jebali,  Mariacarmela De Tommaso, Cosima Recchia, Lucia Prigionieri, Maria Rosaria Linciano, tim. Francesco Rusciano).

E’ la LNI Taranto a festeggiare al termine della prova maschile, vittoria con il tempo di 17.14.67 per Antonio Patronelli, Martino Bianchi, Gaetano Molinari, Salvatore Scatigna, Enrico Gatti, Gianluca Digiacomo, Antonio d’Amore, Andrea Petti, Antonio d’Elia e Flavio Buonomo (tim. Luciano Boscaino). La LNI Molfetta conquista l’argento, staccata di soli 2 secondi, con Giovanni Palmieri, Vittorio e Domenico Gagliardi, Ernesto Buoncuore, Giacinto La Forgia, Antonio Salvemini, Moustapha Danfa, Michele Amorisco, Mauro Allegretta, Antonio Marolla (tim. Mauro Bufi) e ASD Palio di Taranto termina al terzo posto con Alessandro Benefico, Daniele Cozzi, Marco Sandi, Marco Scavarziago, Cosimo Parabita, Massimiliano Nani, Mirko Peluso, Antonio La Gioia, Francesco Grattagliano e Claudio Antonicelli (tim. Angela Maria Brescia).

 

FONTE e FOTO: Comunicato stampa FICSF