Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Green Color

Si è conclusa ieri la Coppa Primavela FIV Kinder Joy of moving 2023. Hanno partecipato alla competizione che si è svolta quest’anno nelle acque di Ravenna 240 giovani veliste e velisti Optimist (nati nel 2014, 2013 e 2012), 145 della classe acrobatica O’pen Skiff, i 22 foiler Waszp e le 48 tavole a vela Techno 293.

Gli atleti della Lega Navale Italiana in gara hanno fatto registrare delle buone prestazioni.

Nella classe Optimist Cadetti (nati nel 2013) Filippo Nardocci della LNI Ostia – recentemente premiato con l’ancora d’argento al merito sportivo LNI – si è aggiudicato il primo posto. Nell’Optimist categoria Primavela (i più giovani, nati nel 2014) primo Matteo Faraoni (LNI Ostia). L’Optimist è la barca in singolo più famosa per l’avviamento alla vela, usata nelle scuole vela per l’attività preagonistica. Questo monoscafo si caratterizza per la sua forma quadrata e la straordinaria manovrabilità e sicurezza.

Nella classe O’pen Skiff Under 12 Coppa del Presidente ha ottenuto il terzo posto Fabio Serra (LNI Sulcis). Nell’O’pen Skiff Under 17 Italiani Giovanili Chiara Sussarello (LNI Sulcis) è arrivata terza. L’O’pen Skiff è una barca di recente concezione, con scafo piatto e un piano velico colorato, più acrobatica dell’Optimist.

Nel Windsurf Techno 293 CH3 (Primavela) classifica femminile ha chiuso in seconda posizione Chiara Marras (LNI Ostia) – tra i premiati 2023 con l’ancora d’argento al merito sportivo LNI – mentre in classifica maschile ha ottenuto il primo posto Niccolò Mancusi (LNI Civitavecchia). La Techno 293 è la tavola a vela giovanile per eccellenza usata nelle scuole vela-windsurf per la preagonistica e l’avviamento alle tavole maggiori.

La Presidenza Nazionale esprime le congratulazioni a tutti i giovani talenti della LNI che hanno partecipato a questa edizione della Coppa Primavela FIV, agli allenatori, ai familiari e al personale delle Sezioni della Lega Navale che seguono quotidianamente ragazze e ragazzi in un percorso di formazione e di crescita personale e valoriale, oltreché agonistica. L’impegno primario della LNI, a livello centrale e periferico, è quello di avvicinare un numero sempre maggiore di giovani al mare e alle discipline sportive acquatiche e nel contempo supportare i giovani talenti nella loro carriera sportiva.

 

FOTO: FIV

Dall’8 al 10 settembre prossimi la Lega Navale Italiana, con la Sezione di Chiavari-Lavagna, sarà protagonista di un importante evento sportivo. A Chiavari arriva infatti il Campionato nazionale di vela paralimpica con le barche della Classe Hansa 303.

L’organizzazione della regata nazionale, presentata stamani dal direttivo della Sezione LNI di Chiavari-Lavagna al Comune di Chiavari alla presenza di autorità locali, associazioni e del Delegato Regionale LNI per la Liguria, Amm. Roberto Camerini, è stata affidata dall’Associazione Italiana Classe Hansa (AICH) e dalla Federazione Italiana Vela (FIV) con il Comitato Italiano Paralimpico (CIP) alla locale Lega Navale Italiana, quale riconoscimento del grande lavoro che sta svolgendo a vantaggio di persone ed associazioni del territorio che si occupano di disabilità non solo fisiche ma anche cognitive e relazionali, dando loro l’opportunità di andare in barca. Il Campionato vede in primis il coinvolgimento dei Comuni di Chiavari e di Lavagna, della Regione Liguria, delle Sezioni della Lega Navale Italiana del territorio, dello Yacht Club di Chiavari, del Panathlon International, delle forze dell’ordine e di tutta una serie di partner tecnici e territoriali.

La regata, per la prima volta nel Tigullio, vedrà destreggiarsi, nelle acque del Golfo, gli atleti con disabilità provenienti da tutta Italia. L’equipaggio in singolo e in doppio della Lega Navale di Chiavari-Lavagna fa parte del Polo Vela e Voga, nucleo paralimpico della Sezione ideato dal consigliere Umberto Verna nella sua doppia figura di allenatore e istruttore paralimpico FIV.

Eventi di questo calibro sono il risultato di un costante lavoro di collaborazione portato avanti negli anni tra LNI, Marina Chiavari, Calata Ovest, Guardia Costiera, istituzioni territoriali, associazioni del terzo settore, operatori nautici, rappresentanze di autorità militari e civili.

Non solo sport ma accoglienza proattiva della città di Chiavari e quella di Lavagna che ospiteranno i tanti atleti e turisti attratti dalla manifestazione, cultura del mare e i giovani.

Per il Campionato nazionale infatti è stato coinvolto l’Istituto Tecnico e Professionale di Chiavari ex Caboto: gli studenti del 3°, 4° e 5° anno del Corso tecnico grafico e comunicazione sono stati invitati a realizzare il logo del Campionato durante un concorso di idee tra i ragazzi e le ragazze.
 
 
Nell' anno in cui organizza il Campionato Nazionale Hansa 303, la LNI Chiavari-Lavagna compie 115 anni di storia, sport e cultura del mare. Dal 2018 la Sezione ha un Polo Vela e Voga per la diffusione degli sport acquatici alle categorie più fragili, di stanza al Porto Turistico Ammiraglio Luigi Gatti a Chiavari dove, grazie a Marina Chiavari, ha a disposizione uno scivolo per il varo delle imbarcazioni, un pontile accessibile e un sollevatore dedicato alle persone con disabilità motoria più importante.

L’Hansa è una imbarcazione di provenienza australiana dalle vele colorate ed estremamente stabile e di semplice utilizzo in grado di assicurare a tutti, principianti ed esperti grande divertimento sia a livello ludico che agonistico. Grazie ad una serie di accorgimenti e servomeccanismi queste barche rendono possibile navigare a vela anche alle più gravi condizioni di disabilità, con grande meraviglia di chi non avrebbe mai potuto immaginare di solcare le acque di mari e laghi in totale autonomia.
 
Il programma prevede l’arrivo dei primi partecipanti nella giornata di giovedì 7 settembre, un allenamento in mare e un aperitivo nella città di Chiavari. Venerdì 8 l’inaugurazione ufficiale alle ore 10:00 al Porto Turistico di Chiavari, briefing equipaggi e regate. Sabato dopo le regate alle 20:00 di sera la cena di Campionato e domenica alle 16:00 le premiazioni alla presenza delle autorità civili e militari, delle associazioni e di tutte le realtà coinvolte.

 

 

Dopo aver inseguito il sogno per ben tredici anni, la Lega Navale Italiana di Palermo ha finalmente conquistato il primato nella regata internazionale Palermo-Montecarlo. Incontenibile la gioia a bordo di Starfly, il Rimar 44.3 dell'armatore Andrea Alaimo, socio della Sezione LNI di Palermo, che alle 12:54 del 26 agosto ha tagliato il traguardo del Principato di Monaco e in tempo compensato ha conquistato il podio al primo posto di categoria in ORC, gruppo 1. L’equipaggio palermitano si è aggiudicato anche un altro trofeo: sempre in tempo compensato è stata la prima barca di categoria ORC a tagliare il gate di Porto Cervo e a vincere anche il prestigioso Trofeo Circolo della Vela Sicilia, assegnato al primo overall della flotta ORC o IRC con minor numero di partenti.

Un momento storico per la Sezione LNI di Palermo che non poteva non essere condiviso con il presidente Beppe Tisci che, appena saputa la notizia, è volato a Montecarlo per festeggiare con l'equipaggio interamente composto da soci LNI non professionisti: Andrea Alaimo, Barbara Gambino, Tiziana Leto, Maurizio Caleca, Fabio Cosenza, Andrea Luciani, Gianluigi Artisi, Gianluca Capone, Ismail Ashtari e Leo Calabrò.

Si tratta di una vittoria sentita da parte di tutti i soci della Lega Navale Italiana che, come ogni anno, hanno seguito e tifato da casa e che dimostra come anche una barca da crociera, se condotta sapientemente, può essere vincente grazie allo spirito di squadra, all'amicizia e all’impegno, valori che contraddistinguono i soci della LNI. Non è stato facile per i dieci velisti non mollare pur avendo avuto la rottura del bompresso dopo sole dieci miglia e gran parte dell'equipaggio in difficoltà a causa di un virus intestinale che li ha tormentati per tutti i 4 giorni, 4 minuti e 40 secondi che ci sono voluti per solcare le 500 miglia di regata con venti leggeri, notti di bonaccia nel Tirreno e una notte fermi in mezzo alle bocche di Bonifacio.

“È stato grazie a tanta concentrazione e una perfetta tattica – racconta l’armatore e timoniere Andrea Alaimo - che dopo la bolla davanti Ajaccio, alzatosi il vento, abbiamo ripreso a navigare e nelle ultime trenta miglia siamo volati a 8,5 nodi verso il traguardo a poca distanza da 5 barche nostre competitor”.

La Palermo-Montecarlo è una regata d'altomare fra le più importanti e rinomate del Mar Mediterraneo, caratterizzata dalla partecipazione di skipper pluripremiati ma anche da regatanti non professionisti. Per questa ragione, la partecipazione della Lega Navale di Palermo ha sempre avuto il suo focus nelle attività di formazione e crescita dei propri soci che potendo accedere anche a questa importante esperienza hanno l'opportunità di rafforzare il proprio percorso velistico oltre a quello spirito di squadra necessario per regatare insieme per tanti giorni consecutivi e quest'anno sono arrivati anche i risultati.

 

 

FOTO: Studio Borlenghi

211 equipaggi, 16 nazioni, cinque giorni di regata, due club velici organizzatori e circa 1000 persone tra equipaggi, allenatori, famiglie e staff: sono questi i numeri del Mondiale RS Feva 2023 nel Golfo di Follonica.

Il torneo è iniziato con due giorni di qualificazioni dove i 211 equipaggi, divisi in tre flotte, si sono sfidati in condizioni meteo piuttosto impegnative, specialmente nella seconda giornata dove gli atleti sono stati spazzati da venti forti da Maestrale oltre i 20 nodi. I regatanti, divisi in Flotta bronzo, Flotta argento e Flotta oro, si sono dovuti confrontare con condizioni di mare e vento molto differenti: dal vento forte di mercoledì con onda alta fino a 2 metri fino al vento leggero di venerdì.

Alla fine l’ha spuntata l’imprendibile equipaggio britannico di Ben Greenhalgh e Tom Sinfield che salgono sul gradino più alto, ma, nelle nove regate svolte, costante azzurra che ha sempre lottato nelle prime posizioni il duo Giuseppe Bicocchi e Gemma Giovannelli della LNI Follonica che ha conquistato il 2° posto assoluto ed il 1° posto come equipaggio misto.

Bronzo per i Lituani Mazunavicyiut-Volungevicius che precedono i neozelandesi Callum Hyde-Callum Noyer. Gabriele Gesi e Davide Simoni chiudono al 5° posto.

Il duo Michele Rulli e Dario Giovanetti della Lega Navale di Follonica porta a casa la medaglia di bronzo per la categoria under 14 facendo così fruttare gli allenamenti nel Golfo e le regate a cui hanno partecipato negli ultimi mesi.

PODIO UNDER 14
1. NZL Callum Hyde e Callum Noyer
2. ITA Tommaso Franco e Emanuele Graziano Pirola
3. ITA - Michele Rulli e Dario Giovannetti

PODIO FEMMINILE
1. EST - Mia Maria Lipsmäe e Sandra Sinivee
2. CZE - Monika Krenková e Kristýna Krenková
3. ITA - Carlotta Palmarini e Aurora Emiliani

PODIO EQUIPAGGI MISTI
1. ITA - Giuseppe Bicocchi e Gemma Giovannelli
2. LTU - Ruta Mazunavicyiut e Nojus Volungevicius
3. ITA - Tommaso Revenoldi e Clarissa Vedovelli

PODIO CATEGORIA FAMIGLIA
1. NZL - David Ferris e Cameron Ferris
2. CZE - Monika Krenková e Kristýna Krenková
3. NZL - Erin Kee e Isla Kee

Grande soddisfazione per l'evento è stata espressa dal presidente del Comitato organizzatore Bruno Tamburini, dai presidenti dei due club velici, rispettivamente Fausto Meciani per la LNI di Follonica e Barbara Bicocchi del Club Nautico Follonica, sia per la buona riuscita a livello organizzativo che per i risultati conseguiti in mare. La classe RS Feva ha annunciato ufficialmente che il mondiale tornerà a Follonica nel 2027.

Sabato 12 agosto alle ore 11.00, presso il Porto Turistico di Roma al Lido di Ostia (Lungomare Duca degli Abruzzi, 84, Lido di Ostia, Roma), si terrà un incontro con I Timonieri Sbandati Marco Rossato e Igor Macera, velisti paraplegici impegnati nel "Giro d'Italia a vela - Navigare oltre i limiti". Tra gli obiettivi di questa impresa a bordo della barca a vela accessibile ed ecologica Tornavento, partita lo scorso 2 giugno da Venezia, vi sono quelli di sensibilizzare sull'accessibilità alle strutture nautiche per tutti e di promuovere le buone pratiche per la salvaguardia dell’ambiente marino.

La Lega Navale Italiana patrocina e supporta operativamente l’iniziativa attraverso le sue Sezioni e Delegazioni interessate lungo le tappe del Giro, che si concluderà a fine settembre al Salone Nautico di Genova.

Marco Rossato, socio della Sezione della Lega Navale di Padova e fondatore dell’associazione I Timonieri Sbandati, è stato il primo velista paraplegico ad aver completato il Giro d’Italia in solitaria nel 2018. A coadiuvarlo in questo nuovo viaggio c’è l’amico Igor Macera, anche lui velista paraplegico.

Saranno presenti per questo incontro in occasione della tappa romana del Giro d'Italia a vela le autorità civili e militari locali e i rappresentanti della Lega Navale Italiana, di Marevivo e dell'Associazione Nazionale Marinai d'Italia, associazioni partner dell'iniziativa.

La Lega Navale Italiana ancora una volta protagonista con i suoi atleti nelle competizioni internazionali. Il 28 luglio scorso i velisti Carmelo Forastieri (Sezione LNI Palermo) e Valia Galdi (Sezione LNI Chiavari-Lavagna) sono stati convocati dalla Federazione Italiana Vela per disputare il Campionato mondiale di parasailing 2023 che si svolgerà all’Aia, nei Paesi Bassi, dal 8 al 17 agosto prossimi.

 

I più letti

  • Week

  • Month

  • All