Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Purple Color

Tramontana, bella tesa a 12 nodi in partenza ma poi calata, mare calmo e cielo coperto, con luce che lasciava a desiderare per le foto… beninteso non è una lamentela, viste la previsioni di bonaccia circolate in settimana e soprattutto  il groppo di pioggia durato tutta la mattina a poco più di quattro miglia a levante.

Questo lo scenario, davanti ad Albisola, della Regata della Giornata nazionale di Colombo, organizzata dalla Lega Navale savonese ed abbinata, come tradizione, alla manifestazione “Navigando contro il male”, che quest’anno ha devoluto le quote di iscrizione alla sezione di Savona della Croce Rossa Italiana.

Partenza in boa con mura a sinistra per Roby-&-14, che ha coperto in 10 minuti il bordeggio di quasi un miglio del primo lato di bolina, per poi continuare ad allungare indisturbata completando in 55 minuti le quattro e miglia e mezzo dei tre giri del percorso.  Notevoli i distacchi delle avversarie della Divisione ORC, con i risultati in tempo corretto che assegnano la vittoria a Roby-&-14, Farr 40 di Massimo Scheroni, seguito da Escape, di Bisazza e Motta, entrambe barche portacolori dello Savona YC, con terzo posto per la piccola Sparviero, Fun di Alessandro Pedone del Mirage Windsurf Club di Albissola, che con il suo abbuono ha avuto la meglio su Piccola, GranSoleil 40 di Roberto Nasuti della LNI Savona.

Nella Divisione Gran Crociera, successo di Parthenope, Dufour 350-GL della LNI Varazze, che in tempo corretto ha prevalso su Gromit, Finngulf 37 di Luigi Pellini del Varazze CN, che in reale aveva preceduto l’avversaria di oltre 7 minuti.    

In Classe Libera ha vinto Fylla, Hanse 371 di Gianfranco Gaiotti del Savona YC, davanti a Fiore Blu, First 47.7 di Alfonos Sicignano del Varazze CN, con ottimo terzo posto della piccola sei metri Francy, Illimit al timone di Francesco Goinavi della LNI Savona, mentre E-andiamo, Sibma 20 di Armando Immer della LNI Savona, ha superato di 12 minuti in tempo corretto Cid, Sun 2500 di Alessandro Albertoni del SYC, che in reale l’aveva preceduta di 4 minuti.

Alla fine diventa tutto ovvio, routine, quotidianità. La tensione che all’inizio ti spacca in due si trasforma in coraggio, costanza, ritmo. Guardi la scia che ti lasci alle spalle e con lei se ne va il presente, ma rimangono a galla indelebili i ricordi le emozioni ed i volti che hai conosciuto mescolati allo sciabordio dell’oggi.

L’ovvio è sparito oggi, rimescolando le carte di un’estate agli sgoccioli, preparando DIVERSAMENTE BARCOLANA 2019 e riguardando le immagini, le foto, i racconti i volti e le parole che ti hanno conquistato.

Ed il passato ritorna presente, e perché no, futuro pensando a quanto si possa ancora vivere, crescere, fare ed imparare. E tutto si plasma  in lacrime incredule per ciò che ancora una volta ti è stato permesso di immaginare e portare al porto da dove tre mesi prima sei incoscientemente partito.

Il 6 settembre, DIS-EQUALITY – TUTTI DIVERSAMENTE UGUALI – UN GIRO DI SPERANZA è tornata a casa. Dopo una memorabile, affollatissima prima tappa accompagnata da un convoglio inclusivo di persone con disabilità di 15 barche appartenenti alla Lega Navale di Trieste e Monfalcone, conclusasi con una indimenticabile serata aperta dal un memorabile concerto dell’Accademia Lirica di Santa Croce diretta dal Maestro Alessandro Svab, Joy, ha continuato il suo viaggio lungo il periplo della penisola italica nel segno dell’inclusione.

Joy (Felice), l’omino esultante in carrozzina, appiccicato sulla randa di Justmen la barca disabilmente IN-SUPER-ABILE di Pierluigi Surace, con il suo carico di racconti e storia è tornato a casa ed il suo viaggio di speranza si è trasformato in certezza.

100 giorni di navigazione previsti, 50 le tappe del viaggio, 37 con illustrazione dell’iniziativa previste nelle sedi delle Sezioni della Lega Navale Italiana.

Oltre naturalmente alla L.N.I. di TRIESTE dalla quale tutto è partito, ringraziamo e sottolineiamo il lavoro svolto dalle Sezioni LNI di Monfalcone, Caorle, Venezia, Ancona, Brindisi, Roccella Jonica, Gaeta, Anzio,, la neonata ed entusiasta Delegazione L.N.I. dell’Isola del Giglio e ancora le Sezioni di Portoferraio, Livorno, Sanremo Villasimius e Palermo Centro.

Un grazie particolare a Pierpaolo Scubini, Davide Strukelj,  Carla Barro, Galliano Ippoliti, Roberto Galasso, Vincenzo Cappellari, Giacomo Bonelli, Luigi Ravioli, Alessandro Belardini, Fabrizio Monacci, Alessandro Di Liberto, Beppe Tisci. Un grazie particolare ai delegati Ennio Abate, Alberto Trampus e Piero Vatteroni per la cura e l’impegno profusi. Un grazie a Cristina Pavan della segreteria LNI di Trieste per il supporto logistico e contabile. Un grazie a Charme di Salvatore Russo, socio LNI Trieste che ci ha seguito a distanza ravvicinata nel nostro impegno.

Apprezzatissima ed inusuale, l’opportunità di essere graditi ospiti nel tempio della Marina dell’Accademia Navale di Livorno e dell’amministrazione comunale del capoluogo toscano.

DIS-EQUALITY ha portato sul e in mare una nutrita truppa di “inclusivi” (persone con disabilità) da Trieste a Sanremo e ritorno via Corsica, Sardegna e Sicilia, dando l’opportunità di scoprire o riscoprire le proprietà terapeutiche del mare e dell’AMARETERAPIA, dove oltre alle proprietà benefiche dell’acqua, è necessaria una buona dose di disponibilità ed umana benevolenza per riuscire nell’intento. Ma a questo daremo voce e spazio in un futuro prossimo, più che prossimo futuro: cioè a breve.

 Ogni storia è una storia a se e per ogni giornata di questo viaggio potremmo ricordare un avvenimento importante rimasto indelebilmente nel nostro futuro. Quello di sicuro da citare in virtù degli spazi in cui siamo giornalisticamente compressi, sono stati i momenti condivisi complice l’arguzia paraplegica dell’ammiraglio Raoul Calo, che accompagnato in convoglio dagli ammiragli: Filippo Maria Foffi, Claudio Gaudiosi e Giorgio Longato, colleghi del remoto, giovanile e quasi imberbe corso all’Accademia Navale di Livorno, ha riprovato l’emozione di essere non solo cullato, ma abbracciato dal suo mare gratificando il nostro impegno con un epitaffio che resterà scolpito eternamente nei meandri della memoria: “Caro Berti, fino ad oggi pensavo di avere solo un passato. Da oggi però so di avere anche un futuro”.

Speriamo sia così anche per DIS-EQUALITY ed AMARETERAPIA.

Grazie Raoul, Grazie Ammiragli, Grazie L.N.I.

Adesso è ora di DIVERSAMENTE BARCOLANA . Vi aspettiamo.

Alla prossima.

La Lega Navale Italiana e la Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso hanno sottoscritto un accordo di collaborazione per dare impulso alle attività sportive della disciplina del canottaggio con sedile fisso, con particolare riguardo al coinvolgimento degli atleti diversamente abili.

Le basi per l’accordo, teso a coordinare al meglio le attività che le due Associazioni possono svolgere insieme, sono state gettate durante l’incontro al Salone di Genova del 2018 tra il Presidente F.I.C.S.F. ed il Vice Presidente L.N.I., Amm. Piero Fabrizi e la firma del Protocollo d’Intesa è avvenuta a Roma, nella sede della Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana, da parte dei rispettivi Presidenti, il Dott. Marco Mugnani per la F.I.C.S.F. e l’Amm. Maurizio Gemignani per la L.N.I.  

L’accordo nasce quasi naturalmente, considerando le comuni finalità statutarie: da un lato, la L.N.I. ha lo scopo di diffondere la cultura del mare, con particolare riguardo alla promozione degli sport marinareschi, alla salvaguardia delle tradizioni del mare e all’avvicinamento al mare da parte dei meno fortunati e, dall’altro, la F.I.C. S.F. che, raccogliendo tutte le associazioni che praticano in Italia la voga a sedile fisso e la voga in piedi, a tutti i livelli, oltre a promuovere le attività sportive e agonistiche, custodisce il patrimonio storico-culturale costituito dalle imbarcazioni e dalle manifestazioni storiche, come, ad esempio, la Regata delle Antiche Repubbliche Marinare, il Palio del Tigullio e dell’Argentario, i lancioni a dieci remi di Taranto ed altre iniziative simili.

Tutte attività alle quali la L.N.I. partecipa già attivamente da tempo con le sue Strutture Periferiche – in qualità di organizzatori – e con i propri atleti, in veste di partecipanti.

In aggiunta, la F.I.C.S.F., fin dal 2002, ha realizzato una serie di imbarcazioni denominate “Happy”, le cui caratteristiche sono state studiate per consentire l’avvicinamento al mare e la pratica sportiva dei diversamente abili, che sono già in dotazione alle Sezioni L.N.I. di Chiavari-Lavagna e Genova Sestri. Il successo è stato tale da portare alla nascita di una nuova A.S.D. “Canottaggio per tutti”, che opera esclusivamente nell’ambito della disabilità ed è ospitata presso le strutture della Sezione L.N.I. di Genova Sestri Ponente.

Il Protocollo è quindi finalizzato a dare ulteriore impulso alla collaborazione, prevedendo che la L.N.I. metta a disposizione delle attività remiere le proprie strutture – oltre 250 in tutta Italia – e i propri soci, mentre la F.I.C.S.F. fornirà la consulenza dei propri tecnici in occasione dell’organizzazione delle manifestazioni remiere da lei patrocinate e istituirà corsi di preparazione per aspiranti istruttori nelle discipline dedicate ai diversamente abili, ai quali potranno partecipare i Soci della Lega Navale Italiana.

Nell’ambito dell’Accordo di reciproca collaborazione in vigore fra la Regione Liguria e la Lega Navale Italiana, i progetti di promozione sociale dedicati alla vela paralimpica rivestono un ruolo di primissimo piano.

Proprio per evidenziare questo aspetto, in occasione della firma del rinnovo dell’Accordo, avvenuta a latere della giornata inaugurale del Salone Nautico 2019, da parte dell’Assessore alla Comunicazione, Formazione, Politiche giovanili e Culturali della Regione Liguria, Dott.ssa Ilaria Cavo e del Presidente Nazionale della L.N.I., Amm. Maurizio Gemignani, sono stati premiati quattro velisti disabili, portacolori delle sezioni genovesi della Lega Navale, che rappresentano degnamente l’attività paralimpica avviata da oltre un quarto di secolo, con il simbolico passaggio di testimone fra vecchi e nuovi campioni, fra i quali spiccano le rappresentanti femminili e quelli delle nuove generazioni.

Questi i velisti, giovani e meno giovani, accomunati tutti dalla passione per il mare e per la vela:

  • Silvano Malagugini, della Sezione L.N.I. di Genova Centro, veterano della vela paralimpica sui singoli 2.4mR dal 1992, primo istruttore disabile di vela in Italia, timoniere anche di cabinati in regate di altura e dal 2010 operativo in doppio sulla prima Hansa 303 che ha tracciato la rotta alla attuale flottiglia di 59 di queste unità;
  • Enrico Carrea, della Sezione L.N.I. di Genova Sestri, anche lui veterano della vela paralimpica sui singoli 2.4mR, pluricampione italiano della Classe Hansa 303, dopo aver anche istituito la Classe delle barche Martin 16, a suo tempo candidate per le paralimpiadi come unità in doppio;
  • Giulio Cocconi, della Sezione L.N.I. di Genova Sestri, mascotte (classe 2005) della vela paralimpica, Campione italiano della Classe Hansa 303 nel 2018, attualmente fa parte della squadra italiana che parteciperà al Campionato Europeo Hansa 303 in Portogallo;
  • Patrizia Aytano, della Sezione L.N.I. di Genova Sestri, “timoniera” della vela paralimpica, Campionessa italiana della Classe Hansa 303 nel 2019, a Palermo. Proviene dai Martin 16 operativi alla Lega Navale di Genova Sestri ed, a sua volta, è in procinto di prendere parte al Campionato Europeo Hansa 303 in Portogallo.

Domenica 29 settembre a Milano si è tenuto "Un Miglio di Sport" : una grande festa per la vela! Lo stand di Lega Navale Italiana Milano era gremito di famiglie con bambini che hanno "provato" a veleggiare con il nostro Sailmaker!

 Una grande festa sportiva dedicata ai cittadini di Milano che desideravano conoscere tutte le realtà e associazioni sportive presenti in città. La manifestazione è durata tutta la giornata dalle ore 10.00 alle ore 18.00,  da Piazza Oberdan a Piazza Lima, in pieno centro. 

Lega Navale Italiana Milano era presente anche quest'anno con uno spazio dedicato per raccontare tutte le nostre iniziative, per divertirci e per parlare di mare e di navigazioni, avvicinandoci sempre di più al nostro mare e ai nostri laghi. Inoltre, con l'installazione del Sailmaker, abbiamo fatto "provare" l'ebbrezza della vela a centinaia di bambini, che sono diventati piccoli apprendisti velisti!  Molte sono state le famiglie che hanno già chiesto approfondimenti per iscrivere i propri piccoli ai nostri corsi di introduzione alla vela nelle nostre due Basi Idroscalo e Dervio. Gli adulti invece si sono avvicinati  per parlare di corsi e attività formative svolte da Lega navale Italiana, è stato quindi un momento molto importante per divulgare i nostri princìpi fondanti, conoscenza e amore per il nostro mare e i nostri laghi.

Anche quest'anno si è disputato il Trofeo Pier Carlo Albrici, per la classe 2.4mR, organizzato da Lega Navale Italiana, Sezione di Milano, nella sua Base di Dervio, con partecipanti provenienti da più parti d'Italia e anche dall'estero.

Le prove del Trofeo Albrici 2019 hanno avuto luogo dal 30 agosto all'1 settembre, con 24 partecipanti, di cui alcuni provenienti da Svizzera e Croazia. Le prove disputate in 3 giorni sono state ben 7.

 

Questa la classifica finale:

1-Giancarlo Mariani - Associazione Liberi nel Vento

2-Nicola Redaviv - Lega Navale Italiana Milano

3-Giorgio Curzi - Lega Navale Italiana Porto San Giorgio

4-Polo D'ambrosio - Lega Navale Italiana Milano

 

Il trofeo è  fortemente voluto e sostenuto dal fratello di Pier Carlo, Alberto Albrici. La Lega Navale Italiana Sezione di Milano è sempre stata al suo fianco, anche in virtù dell'impegno che pone nella  formazione alla vela anche in ambito di disabilità.