Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Anche per il 2017, la Lega Navale Italiana organizza i corsi estivi di vela, canottaggio e canoa presso i propri Centri Nautici Nazionali di Sabaudia, Ferrara e Taranto, in collaborazione con la Marina Militare Italiana, La Federazione Italiana Vela, la Federazione Italiana Canottaggio e la Federazione Italiana Canoa e Kayak.

Dopo i successi ottenuti nelle scorse edizioni dell’ormai noto “Giro d’Italia a vela” a bordo de “La Fedelissima”, il Socio, nonché Delegato Regionale L.N.I. per la Campania, Gen. Antonio Gagliardo, è pronto per dare vita alla quarta edizione, che quest’anno toccherà le A.M.P. della Regione Sardegna, nello specifico Sinis, Capo Caccia e Asinara.

Alla pagina "CHI SIAMO - Le nostre regole" del sito ufficiale, è stato pubblicato il Bando di esami per il riconoscimento della qualifica di Esperto Velista (ex art. 42.6 del D.M. 146/2008 - Regolamento al Codice della Navigazione da Diporto) per le Regioni Lazio e Umbria. Gli interessati possono presentare domanda entro entro sabato 18 marzo 2017 utilizzando il modulo di domanda allegato. Gli esami si svolgeranno nei giorni 1 e 2 aprile 2017 presso la Sezione L.N.I. di Roma, via Guidubaldo del Monte, 54/A 00197 Roma RM - tel. 068075250.

TRI_sail4all è un progetto dell’A.S.D. “I Timonieri Sbandati” , che prevede la circumnavigazione dell'Italia in solitaria, da parte di un velista con disabilità motoria a bordo di un trimarano. Protagonista di questa impresa è Marco Rossato, originario di Vicenza, con una ventennale esperienza velica in campo agonistico e come istruttore, con la sua "Foxy Lady", un trimarano del tipo "Dragonfly 800".

La sua autentica passione e la sua incredibile volontà lo hanno portato a spaziare dall’attività velica vera e propria – è il Segretario della Classe Hansa 303, probabile barca paralimpica - all’ingegnosità nell’ideare dispositivi per la conduzione delle barche a vela da parte dei disabili, alla sensibilizzazione delle istituzioni e degli appassionati del mare sulle facilitazioni per consentire veramente a tutti l’accesso allo sport della vela.