Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

La Lega Navale Italiana Sezione di Trieste ha presentato il programma e le iniziative 2020 di Dis-Equality – Amareterapia ed ha annunciato che l’obbiettivo è l’apertura del più importante polo inclusivo dedicato alle disabilità e della concessione d’uso della Diga Vecchia di Trieste.

L’ idea di Dis-Equality nasce nel 2012 da Berti Bruss, triestino affetto da depressione, ed Egidio Carantini pavese cieco totale, che decidono di condividere ed affrontare il disagio personale ed esistenziale di entrambi condividendo le incognite di un viaggio in mare in barca a vela, un Giro d’Italia primaverile di 3.750 miglia, durato 76 giorni. Raccontata nel libro “Io i tuoi occhi, tu l’anima mia”, l’esperienza di entrambi mette le basi di quello che alla fine del viaggio denomineranno Amareterapia.

Con il sostegno della LNI di Trieste, dal 2012 al 2017 sono stati organizzati con continuità eventi per lo studio, il sostegno e la promozione delle attività dedicate alle diverse abilità. Sono stati realizzati poi alcuni convegni su “Sport & Disabilità” in collaborazione con la Consulta Regionale delle Persone Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Gulia e sei edizioni di “Diversamente Barcolana” con equipaggi inclusivi composti originariamente da 8 velisti nel 2012 fino ad arrivare ai 72 partecipanti nel 2019, edizione in cui il Brand DIS-EQUALITY ha avuto il prestigio di presentarsi alla Coppa d’Autunno come il comune denominatore delle diverse abilità presenti.

Nel marzo del 2018 grazie al successo mediatico e di pubblico di Dis-Equality, Sport, Bullismo e Disabilità, convegno organizzato per la Consulta Provinciale degli Studenti delle Scuole Medie Superiori presso la sala convegni del Resort di PORTOPICCOLO a Sistiana, Dis-Equality-Tutti Diversamente Uguali, diventa il Brand concettuale e filosofico dell’inclusione delle persone con disabilità, senza barriere e senza esclusi, nel mondo dello sport, della musica e della cultura.

Nel settembre del 2018 dopo l’ottenimento del comodato d’uso di Justmen da parte di Pierluigi Surace, proprietario di un’imbarcazione di 12 metri concepita e allestita per l’imbarco autonomo e la movimentazione indipendente delle persone in carrozzina, Lni-Progetto Dis-Equality amplia ulteriormente le possibilità di insegnamento per la navigazione d’alto mare a supporto di tutte le patologie.

Nel 2019, in occasione della ricorrenza del  centenario della fondazione della sezione di Trieste della Lega Navale Italiana, Lni-Dis-Equality ha progettato e realizzato “Un viaggio di speranza - Giro d’Italia in cento giorni” con una  flotta di imbarcazioni composte da equipaggi inclusivi di persone con disabilità, viaggio che prevedeva cinquanta tappe con conferenze illustrative presso le sezioni della Lega Navale Italiana presenti lungo il percorso. Al termine delle 3000 miglia di mare percorse, cinquanta persone fragili ed i relativi accompagnatori hanno avuto l’opportunità di godere dei benefici fisici e psicologici del mare e della libertà della navigazione finora a loro negati.

Dis-Equality vuole dimostrare che le patologie trattate, dalle sensoriali, alle cognitive, alle psichiche, alle fisiche parziali quali la paraplegia a quelle invalidanti totali quali la tetraplegia, non rappresentano un ostacolo; a dimostrazione che il mare e le discipline ad esso legate conferiscono una caratteristica terapica assoluta in termini di benessere ed equilibrio.

Il progetto e il prestigio del Polo Inclusivo Nazionale e la specificità del progetto rappresenterà un passo significativo ed innovativo essenziale per il sostegno, la promozione e l’inclusione attiva e concreta nel mondo della disabilità.

Inoltre, per quest’anno è stato costituito il Dis-Equality Sailing Team che parteciperà in formula inshore ed offshore al calendario di regate nazionali riservate sia alle categorie paralimpiche che assolute.

Sono stati 70 i canoisti partecipanti al raduno nazionale di canoa turistica, svoltosi lo scorso 13 ottobre a Taranto, organizzato dalla sezione di Taranto della Lega Navale, dalla Federazione Italiana Canoa KayaK e dalla Marina Militare Comando di Taranto.

Tra i partecipanti erano presenti ben 15 canoisti provenienti dalla Sezione di Molfetta della Lega Navale Italia. Il gruppo più numeroso insieme agli atleti provenienti dal CKC Salento di Santa Caterina.

L’evento, inserito nel programma celebrativo degli Sport del Mare, fa parte del progetto federale "Italia in canoa-Pagaiando per l'Ambiente", ideato dalla Federazione Italiana Canoa Kayak che, con il benestare del ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del mare, promuove eventi che hanno come obiettivo quello di sostenere i valori di una vita sana tramite la canoa.

I canoisti della Sezione di Molfetta – atleti ed amatori, tutti appassionati di mare – nel giro di circumnavigazione dell'isola di Taranto vecchia, insieme a tutti gli altri partecipanti, hanno ripulito il Mar Ionio dai rifiuti di plastica e di polistirolo.
A tutti loro vanno i più vivi complimenti per la partecipazione e sensibilizzazione sui temi a tutela dell’ambiente e la salvaguardia del mare, a dimostrazione che non serve essere sportivi ma semplicemente rispettosi dell’ecosistema!

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e la Lega Navale Italiana indicono il II° Concorso Nazionale Annuale avente come tema “INSIEME CAMBIAMO ROTTA”, articolato sui due argomenti di marcata attualità: “NO ALLA PLASTICA IN MARE” e “CAMBIAMENTI CLIMATICI: CAUSE E RIMEDI”, con l’intento di divulgare e far conoscere gli effetti dell’inquinamento plastico e del riscaldamento globale.

L’iniziativa, che ben si inquadra tra gli obiettivi della L.N.I., intende diffondere l'amore per il mare,lo spirito marinaro e la conoscenza delle problematiche legate al mare (e non solo), stimolando i giovani alla tutela dell'ambiente marino, delle acque interne e sviluppando idonee iniziative culturali, naturalistiche e didattiche.

L’intento del Concorso è quello di incoraggiare gli studenti degli Istituti Primari e Secondari ad approfondire le tematiche dell’inquinamento da plastica in mare, nei laghi e nei fiumi e dei cambiamenti climatici, al fine di divulgare e adottare uno schema comportamentale come modello nelle proprie scelte di vita.

Il concorso si propone, inoltre, lo scopo di stimolare i giovani ad avvicinarsi, per la realizzazione degli elaborati richiesti, alle nuove tecniche di comunicazione.

Per qualunque informazione o chiarimento potrà essere contattato il Centro Culturale Ambientale della L.N.I. al seguente recapito email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.o la sezione ambiente della LNI all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

QUI I BANDI PER IL CONCORSO

Il tavolo tecnico – tenutosi tra il Lgt. Cosimo Di Napoli della Capitaneria di Porto di Taranto, Alessandro Mariggiò (Direttore delle Riserve Naturali Orientate del Litorale Tarantino Orientale) e Jonathan Tieni, (Presidente della Lega Navale di Torre Colimena) – sulle prospettive future per il territorio come la pianificazione di una pulizia straordinaria delle spiagge, che dopo le scorse mareggiate sono piene di rifiuti, ha dato vita alla così detta “Operazione Spiagge Pulite”.

L’evento, organizzato per il 25 gennaio alle ore 9:30 presso la sede della Lega Navale Italiana a Torre Colimena ed aperto a tutti, ha ottenuto il patrocinio dei Comuni di Manduria ed Avetrana, delle relative Associazioni Pro Loco e del Circolo Legambiente di Manduria.

Enti Pubblici e Associazioni territoriali parteciperanno all’operazione, dando un fattivo aiuto alla conservazione del nostro patrimonio naturale e, al contempo, sensibilizzando la cittadinanza sull’importante ruolo della biodiversità.

Quasi cinquanta appassionati del mare hanno preso parte, Domenica 29 Settembre 2019, alla I edizione della “Gara di pesca alla plastica in mare” organizzata dalla Sezione di Molfetta della Lega Navale Italiana.

All’iniziativa, che vuole essere un arto concreto di sensibilizzazione al rispetto dell'ambiente e della Cultura del Mare. hanno preso parte anche le associazioni Panathlon e Rotar Act di Molfetta.

Sono stati “pescati” circa 120 Kg di plastica, un risultato ampiamente positivo, come espresso dal Presidente Felice Sciancalepore, che ha ringraziato tutti i partecipanti e i Soci organizzatori che hanno fatto dell’eccellenza organizzativa una abitudine quotidiana, in una piccola, ma concreta realtà come quella della Sezione L.N.I. di Molfetta, presente fin dal 1971 non solo nella promozione sportiva, ma anche nella salvaguardia e cultura del mare.

Il prossimo 19 settembre, alle ore 15:30, presso il Breitling Theatre in occasione del 59° Salone Nautico di Genova, l’Associazione Battibaleno presenterà i risultati della 23ª edizione dell’Operazione Delphis, la tradizionale manifestazione nautica internazionale che ha preso il via quest’anno dal porto turistico di Imperia Porto Maurizio, ed ha coinvolto imbarcazioni provenienti da tutte le coste italiane e di altri paesi del Mediterraneo.

Accanto all'attività di censimento simultaneo dei cetacei, l’edizione di quest’anno ha visto gli equipaggi partecipanti impegnati nella raccolta di rifiuti galleggianti.

I risultati della manifestazione verranno commentati dalla biologa marina Sabina Airoldi, responsabile del progetto “Cetacei, FAI attenzione” dell’Istituto Tethys, a cui Battibaleno collabora fornendo i dati degli avvistamenti dell’Operazione Delphis.

Interverranno: Alberto Marco Gattoni (Presidente Associazione Battibaleno), Enrico Meini (Presidente Assonautica Imperia), Renzo Briano (Responsabile del Gruppo Pelagos della LNI) e Sabina Airoldi (Biologa marina, responsabile del progetto Cetacei FAI attenzione dell’Istituto Tethys).

L’Operazione Delphis 2019 è organizzata dall’Associazione Battibaleno, con il patrocinio del Comune di Imperia, della Regione Liguria, della Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana, di Assonautica Italiana, con il sostegno di Go Imperia, Edinet, Vetus, Start Promotion Eventi e del brand etico di cosmetici Lush.

La Lega Navale Italiana sezione Rieti-Lago del Turano si prepara ad offrire alla città di Rieti una serata di grande musica e solidarietà, a supporto del progetto “Una vela senza esclusioni”, mirato all’acquisto di una barca a vela per persone con disabilità.

Stasera (venerdì 10 gennaio) alle ore 18 al Palladio di Rieti (via Fratelli Sebastiani, 19) si terrà infatti l’evento omaggio ad Astor Piazzolla con “Euphoria Quintet” e la straordinaria partecipazione della scuola “La Musica Secondo Cecilia”.  Sarà una serata di beneficenza, con il ricavato devoluto all’acquisto della barca a vela per il progetto “Una vela senza esclusioni”.

L'Euphoria Quintet nasce nel 2018 e vede insieme Salvatore Cella (fisarmonica), Alex Cicconi (chitarra elettrica), Cecilia Cocchia (pianoforte), Amleto Matteucci (contrabbasso) e Andrea Petricca (violino). Tutti i componenti studiano al Conservatorio di Musica “Alfredo Casella” dell'Aquila e hanno al loro attivo una nutrita attività concertistica e numerose esperienze musicali nell'ambito classico, contemporaneo, orchestrale e cameristico in Italia e all'estero.

L’Associazione culturale La Musica Secondo Cecilia è da sempre attiva, a Rieti, nella diffusione della cultura musicale e punto di riferimento per i giovani e gli adulti che vogliono avvicinarsi al linguaggio artistico–musicale. Propone una offerta formativa completa: dalla propedeutica musicale ai vari corsi strumentali e corali.

Nell’ambito delle manifestazioni marinaresche, promosse dalla Lega Navale Italiana sezione di Aspra, sabato 5 ottobre 2019 è in programma l’iniziativa “TUTTI I COLORI DAL MARE”.

Nato da un’idea delle artiste Valeria Di Chiara e Maria Catena Sardella, l’evento è caratterizzato da una navigazione costiera, effettuata con imbarcazioni a vela messe a disposizione dai soci della Lega Navale Italiana di Aspra, con artisti ed appassionati di disegno a bordo. Questi dipingeranno e rappresenteranno graficamente il tratto di costa che va da Aspra, passando per Capo Mongerbino, fino al castello di Solanto, in prossimità di Porticello.

Il leitmotiv della giornata sarà “dipingiamo costeggiando” e sarà aperto a tutti gli appassionati ed amanti del mare e del proprio territorio, che vorranno osservare e rappresentare, in particolare modo con la tecnica dell’acquerello, la fascia costiera vista da un’altra prospettiva.

Un messaggio di uguaglianza e libertà viene lanciato dalla Lega Navale Rieti Lago del Turano, che con l’iniziativa “Una vela senza esclusioni” acquisterà una barca a vela per persone con disabilità.

La Lega Navale, capitanata dall’Avvocato Giovanni Vespaziani e coordinata dal vice presidente Fabio Piscicchia, organizza il 10 gennaio alle 18 al Palladio di Rieti (in via Fratelli Sebastiani 19) un evento omaggio ad Astor Piazzolla con “Euphoria Quintet” e con la straordinaria partecipazione della scuola “La Musica Secondo Cecilia”.

Sarà una serata di beneficenza e il ricavato raccolto devoluto all’acquisto della barca a vela.

“Il nostro – spiegano Vespaziani e Piscicchia- È un progetto che da anni sognavamo di realizzare. Finalmente siamo riusciti nell’obiettivo, molto importante per la provincia di Rieti.
Con il varo dell’imbarcazione, che avverrà a primavera, la barca verrà collocata sul lago del Turano, che diventerà un polo per le persone con disabilità, pronto ad offrire servizi come la possibilità di attraccare comodamente con la macchina ed accedere con la sedia a rotelle all’imbarcazione, sotto la supervisione di istruttori qualificati.

Offriremo la possibilità di andare in barca a bambini e adulti che altrimenti non potrebbero vivere questa esperienza. Sarà possibile attrarre anche turisti con diverse abilità, che potranno comandare l’imbarcazione, con il solo movimento delle mani, grazie agli opportuni ausili. Un nuovo, grande, obiettivo di eccellenza raggiunto, per il quale ringraziamo anche la presidenza nazionale della Lega Navale, che ha offerto il suo prezioso contributo. Ricordiamo che il 10 gennaio alle ore 15 si terrà, sempre al Palladio, l’assemblea annuale dei soci della sezione reatina e cogliamo l’occasione per augurare a tutti un sereno Natale e un felice 2020”.

Per maggiori informazioni sull’iniziativa è possibile contattare i numeri di telefono 331-7178581 e 333-8650360.

Si avvicina la 5ª Giornata Nazionale dell’Economia del Mare – la rassegna promossa dalla Camera di Commercio di Latina con l’Azienda speciale per l’economia del Mare e la collaborazione di Assonat, UnionCamere e Lega Navale italiana – che si terrà a Formia e Gaeta dal 24 al 26 ottobre 2019.

La manifestazione vuole essere un momento di confronto su temi estremamente importanti per le peculiarità geologiche e morfologiche del nostro Paese, con i suoi 7.500 km di costa che interessano oltre 600 Comuni in 15 regioni.

Al centro delle iniziative di quest’anno si parlerà di mare come risorsa turistica, economica ed ambientale da preservare e da valorizzare, affrontando temi come la sicurezza in mare, la difesa dell’ambiente, la nautica, la logistica, i trasporti, l’export e il turismo sportivo.

Alla luce della ormai settantennale storia e tradizione di prim’ordine della subacquea ligure, sia professionale che ricreativa, la Regione Liguria ha varato un protocollo d’intesa per la promozione del “Sistema di distretto ligure della subacqua”, con cui viene attivata una rete fra tutti i soggetti pubblici e privati operativi nel settore, dalle primarie attività produttive di attrezzature alle attività professionali e ricreative dei servizi subacquei, con indotti nei comparti del turismo, della ricerca, della innovazione, della cultura e della tutela dell’ambiente.

L’iniziativa intende valorizzare e favorire, tra l’altro, la modernizzazione, anche in chiave internazionale, del turismo in Liguria valorizzando gli aspetti ambientali e paesaggistici del territorio, nonché favorire lo sviluppo della cultura anche mediante forme di sinergia fra i soggetti pubblici e privati che vi operano e gli operatori turistici. 

Al protocollo d’intesa ha aderito anche la Lega Navale che, con il Delegato Regionale e le sezioni di Lerici e Savona, ha attivamente collaborato alla definizione del progetto del Distretto, che ha individuato le attività e le iniziative di possibile sviluppo.

Sono ben 64 i soggetti aderenti al “Sistema del distretto ligure della subacquea” con firme che, solo per fare alcuni esempi non esaustivi, spaziano dalla Marina Militare – Com.Sub.im. al Comando Legione Carabinieri Liguria, da aziende come Cressi Sub, Mares, RINa services all’ASSOSUB ed all’AISI (Assoc. Imprese Subacquee Italiane), dall’Area Marina Protetta di Portofino a quella di Bergeggi ed al Parco naturale regionale di Portovenere, dal DISTAV Università Genova (Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e della Vita) alla Sopraintendenza Archeologica belle arti e paesaggio della Liguria ed alla Società Italiana Medicina Subacquea ed Iperbarica, dalla FIPS-AS Liguria alla FIPIA (Fed. Italiana Pesca in Apnea), e dalla CIAS (Confederazione Italiana Att. Subacquee) al PADI Emea, così come dalla HSA Italia (Handicapped Scuba Association International) alla ANASEND (Ass. Naz. Attività Subacquee e Natatorie per Disabili), oltre ai comuni di Chiavari, Diano Marina, La Spezia, Portovenere e decine di diving center o associazioni sub.

Mentre la Regione Liguria coordinerà i progetti e le iniziative, che saranno condivisi nel Comitato di coordinamento costituito con il protocollo d’intesa, e si impegna a promuovere eventuali attività normative e/o regolamentari che si ritengano utili alle finalità del Distretto, i soggetti pubblici e privati aderenti si impegnano a propria volta a collaborare alla realizzazione di tali progetti ed iniziative, anche promuovendo specifiche forme e strumenti di aggregazione (quali convenzioni, consorzi, associazioni, ecc.), in particolare per la partecipazione a progetti finanziati dalla U.E., dallo Stato, dalla Regione e dagli Enti Locali.