Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Il 5 ottobre scorso, presso il Circolo Canottieri Aniene a Roma, si è svolto il convegno “Un ponte per superare insieme le barriere. Persone al servizio delle persone” organizzato da Salvatore Cimmino, attivista e nuotatore da sempre in prima fila a sostegno dei diritti delle persone con disabilità.

L’incontro, moderato dal giornalista Gianluca Semprini, si è aperto con i saluti del Presidente Nazionale della Lega Navale Italiana, Amm. Donato Marzano, del Presidente della Federazione Italiana Canoa e Kayak, Luciano Buonfiglio e di Massimo Fabbricini, Presidente del Circolo Canottieri Aniene.

Salvatore Cimmino, in apertura del suo intervento (CLICCA QUI PER LEGGERLO INTEGRALMENTE), ha ringraziato i rappresentanti di autorità, associazioni e federazioni sportive presenti che lo hanno supportato nelle attività svolte nel corso degli anni in favore dei soggetti che convivono con una disabilità e delle persone che li assistono. “Siete presidi imprescindibili di sicurezza, legalità e fratellanza”, ha affermato Cimmino, che è passato in seguito ad illustrare i diversi aspetti della sua proposta di legge sull’equiparazione degli infortuni nella vita a quelli sul lavoro, con l’obiettivo di estendere anche agli invalidi civili la possibilità di usufruire delle tecnologie e delle cure più avanzate erogate dal Servizio Sanitario Nazionale, secondo quanto stabilito dalla Convezione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità ratificata dal Parlamento italiano nel 2009. “Ridurre le disuguaglianze e potenziare la giustizia sociale non vuol dire diventare tutti uguali, ma vuol dire avere la libertà di essere diversi”, ha concluso Cimmino.

Sono intervenuti al convegno Fabrizio Marignetti, Docente di Ingegneria Elettrica e dell’Informazione all’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, Stefano De Lillo, Vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Dario Capotorto, Docente di Diritto Amministrativo all’Università La Sapienza di Roma, Laura Campanacci, Segretaria dell’Associazione Mario Campanacci di Bologna, Luigi Tarani, Docente di Pediatria e Neuropsichiatria Infantile all’Università La Sapienza di Roma, Carmen Di Penta, Direttrice generale dell’Associazione Marevivo e Vincenzo Falabella, Presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap.

Ha portato un saluto finale il Presidente del CONI, Giovanni Malagò.

Per promuovere questa iniziativa e dare visibilità alle molte problematiche affrontate ogni giorno dalle persone con disabilità in Italia, Salvatore Cimmino scenderà nuovamente in acqua per la “Roma-Ostia a nuoto”, 19ª tappa del suo progetto “A nuoto nei mari del globo senza barriere e senza frontiere”. Domenica 9 ottobre, in occasione del Tevere Day, Cimmino nuoterà dal Ponte Duca di Aosta fino alla Sezione della Lega Navale Italiana di Ostia, affrontando la discesa del Tevere in un percorso di 55 chilometri.

“Salvatore Cimmino ha il merito di mettere il tema dell’inclusione sociale al centro delle sue iniziative. Molte delle nostre Sezioni, oltre 250 presenti su tutto il territorio nazionale, hanno aderito e sostenuto con grande stima e affetto l’impresa del Giro d’Italia a nuoto da Ventimiglia a Trieste. Come fatto nel 2021, la Lega Navale Italiana è di nuovo al fianco di Salvatore e supporta a livello organizzativo, tramite la Sezione LNI di Ostia, la tappa che si svolgerà il prossimo 9 ottobre. Per portare avanti un progetto di questo tipo, in favore dell’inclusione sociale e per l’eliminazione delle barriere fisiche e culturali, è necessario fare squadra con le istituzioni, le associazioni, le federazioni sportive e il mondo accademico. Questo impegno nel mettere a sistema le diverse competenze nella realizzazione di iniziative inclusive è ancora più importante oggi. Viviamo infatti un momento storico ed economico così difficile che l’attenzione a non lasciare indietro nessuno deve essere massima da parte di tutti. Cimmino, in questo senso, rappresenta un testimonial eccellente del modo di fare inclusione sociale e della capacità di aggregare diverse realtà per produrre un cambiamento positivo”, ha affermato il Presidente Nazionale della Lega Navale Italiana, Amm. Donato Marzano.

 

CLICCA QUI PER IL VIDEO DELLA GIORNATA

Pin It