Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

La Lega Navale Italiana conferma il suo impegno nel campo della disabilità. Il sodalizio, che da sempre si batte per lo sviluppo e la diffusione della cultura marinaresca senza barriere, patrocina (insieme ad ANCI, Marina Militare, CONI, Cooperazione Italiana e Guardia Costiera)  il «Giro d’Italia a nuoto 2021, per i diritti delle persone con disabilità» ideato e realizzato da Salvatore Cimmino.

Ben 17 tappe fino al 9 ottobre, per un totale di 400 chilometri che toccheranno tutte le regioni italiane e anche il Lago d’Iseo. «L’obiettivo – ha dichiarato Cimmino – è spostare l’attenzione su 5 milioni di persone a cui si aggiungono le loro famiglie: sono bloccate dalla mancata applicazione di leggi che esistono. A queste persone è preclusa la partecipazione alla vita attiva del paese».

La prima tappa di Cimmino – 56 anni ed originario di Torre Annunziata (Napoli), ma romano di adozione – è partita dalla spiaggia del Biscione di Ventimiglia per arrivare, dopo circa cinque ore e ventidue km, alla banchina del circolo Cannottieri di Sanremo.

Durante tutto il percorso Cimmino è stato assistito e seguito dalla Lega Navale Italiana, con Alessandro Di Liberto (Presidente della sezione LNI di Sanremo) sempre presente durante la traversata.

 

CLICCA QUI PER IL SERVIZIO ANDATO IN ONDA SUL TGR LIGURIA

Pin It