Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Lo scorso 30 marzo si è tenuta a Palazzo Chigi la riunione di insediamento del Cipom, Comitato interministeriale per le politiche del mare, presieduto dal Ministro per la Protezione civile e le Politiche del mare Nello Musumeci. Undici i dicasteri che ne fanno parte e che hanno competenze nel settore marittimo.

Il Ministro Musumeci ha illustrato il metodo di lavoro attraverso sessioni monotematiche per affrontare le molte questioni che già sono all’attenzione delle Amministrazioni e segnalate dai soggetti interessati (Codice della navigazione, pesca, cantieristica, concessioni, crocierismo, zone economiche esclusive, attività subacquee, ambiente, turismo) che richiedono spesso modifiche alla legislazione vigente.

“Abbiamo anche l’occasione irripetibile - ha sottolineato il Ministro Musumeci - di una concertazione sinergica tra pubblico e privato con la redazione, entro il prossimo luglio, del primo Piano nazionale del Mare”.

Il ministro ha inoltre annunciato un ciclo di iniziative, a partire dal 11 aprile, per la celebrazione della Giornata del Mare, promosse in tutto il territorio nazionale.

Ai lavori d'insediamento hanno preso parte i ministri Calderoli, Crosetto, Pichetto Fratin e Santanché, i viceministri Rixi e Cirielli, i sottosegretari Albano, La Pietra, Mazzi e Perego di Cremnago.

La Lega Navale Italiana con il Presidente Donato Marzano esprime soddisfazione per l'insediamento del Comitato, ricordando come la costituzione di un organismo di coordinamento politico delle diverse attività che riguardano il mare fosse una richiesta portata avanti da tempo dalla Lega Navale Italiana insieme, tra gli altri, alla Marina Militare, al cluster marittimo, alle associazioni ambientaliste e come è emerso chiaramente già nel 2021 in occasione del primo convegno nazionale LNI "Mare al Centro".

 

FOTO: Presidenza del Consiglio dei Ministri

L’8 marzo si è celebrata la Giornata internazionale della donna, istituita dalle Nazioni Unite nel 1977 per porre l'attenzione sulle conquiste sociali, politiche ed economiche ottenute dalle donne nel corso di secoli di lotta per la parità dei diritti.

La Lega Navale Italiana tutta è impegnata ogni giorno al fianco delle sue Delegate Regionali, Presidenti, Dirigenti, Atlete e Socie per il pieno raggiungimento della parità di genere e per creare le condizioni affinché ogni donna possa esprimere appieno le sue potenzialità dentro e fuori l'Associazione.

“Mi auguro che venga presto il giorno in cui non sarà più necessario ricordare, durante un giorno specifico, i diritti non ancora acquisiti delle donne e festeggiare, non solo in occasione dell’8 marzo, la bravura, la professionalità e la passione delle donne in tutto quello che fanno. In Lega Navale Italiana proviamo a farlo concretamente ogni giorno, con tante iniziative e attività che vedono le donne protagoniste, sempre di più in posizioni apicali. Ringrazio tutte le nostre socie per il loro inestimabile contributo", ha dichiarato il Presidente Nazionale della LNI, Amm. Donato Marzano.

 

CLICCA QUI per il nostro video sulla Giornata internazionale della donna

Il 2 aprile celebriamo la Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo.

Questa giornata è stata istituita nel 2007 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza sull'autismo, promuovere l'inclusione sociale e porre l’attenzione sul rispetto dei diritti delle persone con disturbi dello spettro autistico (DSA).

Dalle ultime stime del Ministero della Salute, un 1 bambino su 77, nella fascia tra i 7 e i 9 anni, presenta un disturbo dello spettro autistico. Sono circa 500.000 le famiglie in Italia in cui è presente almeno una persona con disturbi dello spettro autistico.

Il colore blu simboleggia l’autismo e ha il potere di risvegliare il senso di sicurezza e il bisogno di conoscenza. Piazze e monumenti di tutto il mondo, in occasione di questa giornata, si tingono di blu.

Nel segno del colore del mare e delle tessere di un puzzle che solo unendosi restituiscono un mosaico, la Lega Navale Italiana è impegnata con le sue Sezioni e Delegazioni su tutto il territorio nazionale a portare avanti ogni giorno iniziative sociali e sportive finalizzate al supporto delle disabilità e a favorire l’inclusione sociale.

 

Tutti a bordo, nessuno escluso.

Seguici sui nostri canali per scoprire di più sulle iniziative di nautica solidale della Lega Navale Italiana.

Parte nel segno dell’innovazione digitale la campagna di tesseramento 2023 della Lega Navale Italiana.

Da quest’anno, i soci della Lega Navale saranno dotati di una tessera d’iscrizione all'Associazione e di una tessera d'iscrizione al Registro del Naviglio LNI in formato digitale. Le tessere saranno scaricabili direttamente nell’Area Soci del portale www.leganavale.it, accendendo con le proprie credenziali. La principale novità della tessera digitale LNI, una vera e propria "carta d'identità" del socio della Lega Navale, riguarda la presenza di un QR Code per verificare la validità e le modalità della propria iscrizione. Il codice presente sulla tessera plastificata in possesso del socio sarà leggibile attraverso l’app “LN Soci”, scaricabile gratuitamente e disponibile a breve negli store Android e Apple.

“Il socio della LNI rappresenta il cuore, le braccia, la mente della nostra Associazione. È fondamentale quindi diventarlo o rinnovare il proprio impegno al più presto per farne parte a pieno titolo, partecipare alle tante iniziative di mare, sport e solidarietà che le Sezioni e Delegazioni portano avanti, sentirsi a casa nelle nostre oltre 260 Basi e Strutture distribuite lungo tutto il territorio nazionale”, ha sottolineato il Presidente Nazionale della Lega Navale Italiana Donato Marzano.

Con una circolare diffusa lo scorso 30 dicembre, la Presidenza Nazionale della LNI comunica alle Sezioni e Delegazioni che anche per il tesseramento 2023 le quote di spettanza della PN dovranno essere regolate entro il 15 di ogni mese per i tesseramenti effettuati nel mese precedente. Per essere in regola con il tesseramento, il Socio deve provvedere a rinnovare la propria iscrizione entro il 31 marzo 2023. Lo stesso termine è fissato per i Soci iscritti nell’albo degli Esperti Velisti della LNI.

L’Associazione rinnova anche quest’anno, in linea con la sua missione istituzionale, l’impegno verso l’inclusione delle persone con disabilità e la partecipazione giovanile.

Per le persone con disabilità che si iscrivono presso una struttura periferica della Lega Navale Italiana per la sola partecipazione a corsi e attività ad essi dedicati, la tessera verrà rilasciata gratuitamente per il primo anno con il solo pagamento della quota assicurativa alla Presidenza Nazionale. I successivi rinnovi avverranno con il pagamento della quota associativa nella misura riportata nella circolare.

È autorizzato inoltre il rilascio gratuito, per il solo primo anno, della tessera ai nuovi Soci giovani che aderiscono ad uno o più progetti, segnalati ed approvati dalla Presidenza Nazionale, tesi a far conoscere le attività delle strutture periferiche LNI e corredati da una nota descrittiva che ne illustri le finalità e la tempistica di esecuzione, le modalità e il personale interessato, l’eventuale coinvolgimento di altre strutture ed enti sia privati che pubblici e tutte le informazioni utili per illustrare la valenza del progetto.

Maggiori informazioni sul tesseramento, sull’iscrizione al Registro del Naviglio LNI e sull’abbonamento alla rivista Lega Navale sono riportate nella circolare pubblicata sul portale:

https://www.leganavale.it/post/47783/tesseramento-2023

 

Per il TUTORIAL VIDEO è possibile cliccare sul link YouTube: https://www.youtube.com/watch?v=1AUCm-KlY1w&ab_channel=LegaNavaleItaliana

 

Per ulteriori informazioni, è possibile scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Incontro proficuo questa mattina tra il Presidente Nazionale della Lega Navale Italiana Donato Marzano e il Sindaco di Bari e Presidente dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) Antonio Decaro.

Nel colloquio si è discusso delle future attività e dei programmi della Sezione LNI di Bari, nonché dell'importanza di una fattiva collaborazione tra le Sezioni e Delegazioni della Lega Navale presenti su tutto il territorio nazionale e le autorità locali. La LNI costituisce infatti un supporto importante per i Comuni nell'ambito dello sport e dell'inclusione sociale, nella promozione della cultura del mare e nella salvaguardia ambientale.

Si è spento all’età di 91 anni Giancarlo Basile, velico di fama internazionale per la Marina Militare e autore di numerosi scritti e testi della Lega Navale Italiana.

Nato il 6 dicembre 1931 a La Maddalena, Basile ha frequentato l’Accademia Navale dal 1951 al 1955, distinguendosi nello sport della vela e ottenendo il brevetto di abilità marinaresca.

Nel 1956 fa parte dell'equipaggio di "Artica II", lo yawl della Marina Militare che vince la prima regata STA (Sail Training Association) da Torbay a Lisbona. Da Tenente di Vascello, al comando dello yacht da regata della M.M. Stella Polare, ha partecipato all'edizione 1966 della regata internazionale della Giraglia, giungendo al primo posto e stabilendo su quel celebre percorso di regata d'altura di 243 miglia, il record di velocità in 29 ore nette, rimasto imbattuto per 18 anni.

Nel 1970, con il grado di Capitano di Corvetta, lascia la Marina Militare per diventare pilota di linea dell'Alitalia su rotte nazionali, internazionali ed intercontinentali.

Dal 1991 teneva un’intensa attività pubblicistica, con contributi pubblicati, tra gli altri, sulle riviste “Lega Navale”, Bolina e sul Notiziario CSTN della LNI. Nel 1992 Basile è stato imbarcato come giornalista su Nave Vespucci per raccontare le Colombiadi, in occasione del cinquecentenario della scoperta dell'America.

Il Com.te Basile è l’autore de “Il gioco della vela con la Lega Navale Italiana”, testo adottato nei Centri Nautici Nazionali LNI su cui, negli anni, si sono formati migliaia di giovani marinai.

Il ricordo del Presidente Nazionale della Lega Navale Italiana, Ammiraglio Donato Marzano: “Ho avuto il privilegio di conoscere Giancarlo nel 1980 in quanto zio di mia moglie, di uscire in barca con lui e di parlare di mare che ha sempre amato e rispettato. È stato un formatore e divulgatore della vela anche per la LNI ma è stato soprattutto maestro di vita e di mare”.