Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Colors: Green Color

Nuovo record di velocità dei multiscafi sulla rotta di 195 miglia Monaco-Porto Cervo, con un tempo di 7 ore, 50 minuti e 44 secondi, per Giovanni Soldini e il Team di Maserati Multi 70 che sono arrivati a Porto Cervo alle 9:09 38” di domenica 21 marzo. Il nuovo record dell’equipaggio italiano è di soli 2 minuti e 47 secondi in meno rispetto al tempo fissato dal MOD70 Phaedo3 nel 2016 con lo skipper inglese Brian Thompson (7 ore, 53 minuti e 31 secondi e una velocità media di 24,71 nodi).


Soldini ha commentato: «Siamo andati spediti con 25/30 nodi di vento da nord-est raggiungendo picchi di velocità di 38 nodi, poi abbiamo incontrato un buco di vento prima delle Bocche di Bonifacio in cui siamo rimasti per un paio d’ore. Fortunatamente arrivati allo stretto abbiamo ripreso a correre. È stato davvero pazzesco, abbiamo tagliato la linea d’arrivo a 35 nodi! Sapevamo che era una finestra rischiosa per questo buco di vento ma abbiamo voluto tentare lo stesso e ce l’abbiamo messa tutta, spingendo Maserati Multi 70 al massimo, e ce l’abbiamo fatta: siamo tutti super contenti, e sfiniti!»


A bordo di Maserati Multi 70, con Giovanni Soldini, anche Vittorio Bissaro, velista olimpionico italiano e campione mondiale di Nacra17.Soldini e il suo Team avevano già tentato di battere il record lo scorso fine settimana.


Il record è in attesa di ratifica del World Sailing Speed Record Council.

 

L'immagine è di maserati.com

Prestazioni incoraggianti per il Gruppo Sportivo Vela della Lega Navale Italiana di Formia, che nella Carnival Race (I tappa del Trofeo Optisud) svoltasi a Crotone ha raccolto buoni risultati. I ragazzi seguiti da Gianfranco Colavolpe (per il team optimist), ed Emilio Civita (responsabile tecnico del Gruppo Sportivo Vela di Formia) hanno dimostrato ottime qualità.

Ludovico Quintiliani, nei cadetti, ha peccato un po’ di inesperienza nelle ultime prove, chiudendo al quarto posto dopo aver occupato a lungo la prima posizione.

Negli juniores Federico Sparagna ha chiuso al 9° posto, su oltre 110 atleti, mentre Claudio Crocco termina in 17ª posizione davanti a Niccolò Sparagna (alla prima regata di categoria). Un ottimo risultato anche per Gabriele Treglia che entra in Gold fleet dopo quasi un anno senza regate.

Davide Valerio ottiene un ottimo 4°posto In silver fleet, mentre Alice Quintiliani, alla terza regata di sempre, chiude 28° in silver davanti ad atleti con anni di esperienza.

 

Foto: Club Velico Crotone

E’ partita nel segno del vento la stagione dei Mini 650, che in questo 2021 culminerà con il grande appuntamento biennale con la Mini Transat. Lo Yacht Club Punta Ala ha ospitato la regata Arcipelago 650 alla quale hanno partecipato 24 barche, lungo un percorso di circa 180 miglia intorno alle isole toscane con arrivo a Punta Ala. Condizioni meteo perfette, con vento costante che ha spinto i Mini a completare la regata in tempo record.

I vincitori Alberto Riva e Ambrogio Beccaria su EdiliziAcrobatica ITA 993 (Yacht Club Italiano), hanno impiegato poco più di 27 ore per completare la rotta, e circa mezzora dopo sono arrivate sul traguardo le due navigatrici francesi Amelie Grassi e Anne Le Berre (FRA 1005), che hanno preceduto i connazionali Julie Simon e Gabriel Bouan (FRA 963).

Al quarto posto Davide Lusso e Emanuele Grassi su Viper ITA 859 (Assonautica Livorno), e al quinto Matteo Sericano e Michele Mortola su Gigali ITA 1011 (Yacht Club Italiano). Buono anche il sesto posto di Giovanni Mengucci e Gianmarco Sardi su Alpha Lyrae ITA 1000 (AV Civitavecchia).

Organizzatori e concorrenti hanno seguito strettamente le disposizioni in materia di contrasto e contenimento di diffusione del COVID 19 emanate dalla Federazione Italiana Vela.

Il prossimo appuntamento per la Classe Mini è il Gran Premio d’Italia a Genova, dal 10 aprile, organizzato dallo Yacht Club Italiano.

 

Fonte: Comunicato stampa FIV

Foto: Martina Orsini

Grandi risultati per la Coppa Italia classe 420 al Gruppo Vela della Sezione di Follonica della Lega Navale Italiana dove hanno partecipato 96 barche, una flotta giovane e meravigliosa.


In questa regata, la prima delle 4 nazionali che sommate formeranno la ranking list e con cui verranno assegnati i posti per il mondiale e l’europeo, ha partecipato il team della Lega Navale Italiana con Aurora Casertano, Sofia Liseli Renzi , Alice Bonotti, Alice Scifoni (prodiera RCCTR), Anita Bonotti, Maria Scifoni (rodiera RCCTR) e le più piccole Anita e Maria, anno 2007, alla loro prima regata ufficiale.

Nella gara ci sono stati 5-12 nodi direzione 150° con onda molto ripida e difficile, salti e buchi di vento impressionanti il primo giorno, 5 nodi direzione 200° e vento al limite per poter fare le regate nel secondo.

Importante sottolineare che la classe 420 vede coinvolti più circoli e ognuno contribuisce con atleti e risorse come gommoni, carrelli logistica ed altro. 

 

La fonte delle immagini è il sito www.leganavaleostia.it

E’ partita da Punta Ala (Grosseto) la flotta di 24 Mini partecipanti alla regata Arcipelago 650, prima tappa del campionato italiano di questa classe velica offshore e oceanica. L’arrivo è previsto tra venerdi e sabato prossimi.

Una stagione 2021 che per i Mini 650 come ogni anno dispari sarà contraddistinta dal grande appuntamento con la biennale Mini Transat, la grande regata oceanica in due tappe, che parte dalla Francia e arriva ai caraibi con una sosta intermedia alle Canarie. La prima regata del circuito valido per il campionato italiano della classe prevede un percorso di 180 miglia tra scenari naturali bellissimi tra le isole di Capraia, Elba, Giglio e Giannutri, con arrivo sempre a Punta Ala.

A conferma della crescita della vela offshore partecipano ad Arcipelago 650, organizzata dallo Yacht Club Punta Ala, ben 24 barche, sei delle quali arrivano dalla Francia, considerata la patria della classe e della vela oceanica. Tra gli iscritti spicca la coppia composta da Ambrogio Beccaria e Alberto Riva, su ITA 993 EdiliziAcrobatica. Beccaria ha vinto l’ultima Mini Transat ed è considerato un astro nascente tra i navigatori di livello internazionale, e ha messo nel mirino anche una possibile partecipazione al Vendée Globe 2024, il giro del mondo in solitario senza scalo al quale nell’ultima edizione ha partecipato l’italiano Giancarlo Pedote.

Sono in gara anche alcuni navigatori che hanno già fatto almeno una Mini Transat, tra questi gli italiani Matteo Sericano (con Michele Mortola su ITA 1011 Gigali), Davide Lusso e Emanuele Grassi (su ITA 859 Viper), Marco Bonanni (con Elisabetta Maffei su ITA 949 25Nodi). Tra i francesi interessante la coppia di navigatrici Anne Le Berre e Amelie Grassi, su FRA 1005 Millenium. Molte le barche nuove o rinnovate, nelle due categorie della Classe: Serie e Prototipi. Oltre a Riva e Sericano, partecipano a questa prima tappa anche alcuni degli italiani iscritti alla Mini Transat 2021, come Francesco Renella, Gianmarco Sardi e Giovanni Mengucci.

 

Fonte: Comunicato stampa FIV

Foto: Martina Orsini

Si è chiuso con una medaglia per la vela azzurra il Mondiale 2021 della classe olimpica 470 a Vilamoura in Portogallo, che ha visto assegnare i podi nelle categorie maschile e femminile, e nella nuova categoria Mixed, olimpica dal 2024.

Terzo posto finale e medaglia di bronzo mondiale nell’anno olimpico per Elena Berta e Bianca Caruso (Aeronautica Militare-Marina Militare) nel 470 femminile. Titolo alle spagnole Silvia Mas Depares e Patricia Cantero Reina, argento alle olandesi Afrodite Zegers e Lobke Berkhout.
Ottave nella Medal Race, le altre azzurre Benedetta Di Salle e Alessandra Dubbini (Marina Militare-Fiamme Gialle), chiudono nella stessa posizione anche il Mondiale.

Podio sfiorato per un soffio nella categoria mista , invece, per Maria Vittoria Marchesini e Bruno Festo (SVBG e LNI Mandello), che chiudono quarti a pari punti con i terzi classificati. Primi due posti del podio a team israeliani di Gil Cohen e Noam Homri e Tal Sade e Noa Lasry. Terzi i britannici Amy Seabright e James Taylor. L’altra coppia azzurra con Andrea Totis e Alice Linussi (LNI Mandello e SVBG) ha chiuso con un ottimo 6° posto.

Nel 470 maschile Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare), sesti nella Medal Race, archiviano il Mondiale nell’anno olimpico con un 7° posto che li conferma ai vertici della classe in tutto il quadriennio. Senza un avvio incerto avrebbero scritto una storia diversa visti i piazzamenti nella fase centrale del campionato.
Il titolo va agli svedesi Anton Dahlberg e Fredrik Bergstrom, argento ai portoghesi Diogo e Pedro Costa e bronzo agli spagnoli Jordi Xammar e Nicolas Rodriguez.

 

Fonte: Comunicato stampa FIV

Foto: Martina Orsini

I più letti