Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Da tempo, l’ambiente marino è diventato il protagonista di convegni, congressi, eventi e mostre, ma negli ultimi tempi l’attenzione è cresciuta significativamente.

Nel corso di questi ultimi decenni è cresciuta la consapevolezza che le pressioni antropiche sugli ecosistemi marini siano troppo elevate e lo sfruttamento delle risorse marine sempre più intenso, e che il loro impatto sulle acque marine debba essere contenuto ed auspicabilmente ridotto. Il mare è generalmente visto come un posto dove andare a fare il bagno in estate, un posto in cui si pesca o si va in barca, un posto dove andare a prendere il sole o a fare una passeggiata, ma in realtà il mare è molto di più: svolge un ruolo essenziale e fondamentale per la vita sul pianeta Terra e tutti noi dipendiamo direttamente o indirettamente dagli effetti legati agli oceani.

Agli oceani è infatti, attribuibile il merito di aver reso la Terra abitabile e che ne siamo consapevoli o no, la specie umana dipende dal mare per la sopravvivenza. Mari ed Oceani sono fonte di cibo, regolano il clima e la composizione chimica dell’atmosfera, ed hanno effetti determinanti sul ciclo dell’acqua e sulle condizioni metereologiche. Dal mare si raccolgono molti prodotti, comprese le alghe per il cibo e per i medicinali salvavita. Direttamente o indirettamente nutre l’intero pianeta.

Nonostante tutto questo, i mari sono perennemente minacciati. Con le sue attività, infatti, l'uomo li inquina con acque di scarico, petrolio, pesticidi e plastica.Ma questo è un discorso già ampiamente affrontato.

Un problema che forse non tutti hanno chiaro è come l’uomo possa cambiare il clima, influenzando, così, le temperature degli oceani.

Sicuramente le industrie e i grandi incendi, soprattutto quelli dolosi come quelli avvenuti recentemente in Australia, sono alla base delle emissioni di gas in atmosfera. Ma anche l’uomo, preso singolarmente, ne è la causa. Ognuno di noi, chi più e chi meno, ogni giorno utilizza automobili, impianti di climatizzazione, camini e stufe.

Le incessanti emissioni di Anidride Carbonica,immessa in atmosfera dalla combustione dei materiali fossili, provocano un aumento del livello di acidità e di temperatura degli oceani. Questi infatti, scambiano continuamente anidride carbonica con l'atmosfera, ma ogni anno ne immagazzinano più di quanta ne rilascino, provocando un abbassamento del PH delle acque degli oceani portandolo da 8,25 a 8,14. Questo processo di continua acidificazione degli oceani comporta lo scioglimento dei gusci calcarei delle conchiglie dei molluschicostituite da carbonato di calcio(CaCO3). Gli oceani ed i mari in generale, agiscono dunque da tampone per l’anidride carbonica, e svolgono un ruolo importante nella rimozione della stessa dall’atmosfera.

Tra gli ecosistemi che più risentono dell’aumento delle temperature dell’acqua, del riscaldamento globale e dell’acidificazione dei mari, vi sono le barriere coralline, hotspot (centri)di grande biodiversità marina. Basti pensare che solo nel 2016 si è perso il 30% delle barriere coralline mondiali.

Il riscaldamento globale sta inoltre causando lo scioglimento dei ghiacciai ed un innalzamento del livello marino, che nel 2100, nelle peggiori delle ipotesi, oscillerà tra i 52 e i 98centimetri e potrebbe causare la perdita di alcune tra le isole più belle del mondo, come quelle delle Maldive, dei caraibi o le isole Indonesiane, mentre la maggior parte delle coste, se non sommerse del tutto, potrebbero essere fortemente modificate. Ancora, lo scioglimento dei ghiacciai sta mettendo in crisi tutte le specie a loro strettamente legate, in particolare quelle del polo artico (Polo Nord) dove lo scioglimento sta avvenendo in modo più repentino che altrove. Gli orsi polari, per esempio, stanno vedendo il loro habitat quasi cancellato e le superfici ghiacciate sulle quali cacciare, visibilmente e notevolmente ridotte.

Secondo il WWF, il 2020 è un anno fondamentale per evitare la catastrofe climatica. Molti paesi rivedranno e presenteranno delle strategie a lungo termine, ambiziose per avvicinare il mondo all’obiettivo di limitare il riscaldamento a -1.5° e ridurre quindi le emissioni di gas in atmosfera entro il 2030, anno limite entro il quale potremmo ancora sperare e fare qualcosa per il nostro Pianeta.

Pin It

I più letti

  • Week

  • Month

  • All