Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

Nuovo appuntamento con “L’uomo e il mare” dedicato al Mondiale di vela della classe Hansa 303.

Nella puntata di giovedì 18 novembre, infatti, il programma di Rai Sport condotto da Giulio Guazzini ha mandato in onda un servizio dedicato al Mondiale per atleti con disabilità, organizzato e svolto dalla Sezione di Palermo della Lega Navale Italiana.

 

CLICCA QUI PER RIVEDERE LA PUNTATA

Il Protocollo della 37^ America's Cup è stato rilasciato oggi dal Defender, RNZYS e ETNZ e dal Challenger of Record - Royal Yacht Squadron Ltd e INEOS Britannia.

Il Protocollo stabilisce le basi e le regole di partecipazione per tutte le squadre alla 37^ America's Cup e registra gli elementi di mutuo consenso ai sensi del Deed of Gift dell'America's Cup concordato tra Defender e Challenger of Record che stabilisce le basi per un evento con più sfidanti.

Dall'ultima America's Cup è stata rilasciata una "Versione 2" aggiornata della regola di classe AC75 che specifica i più recenti requisiti di conformità alla regola di classe, inclusi i requisiti per le modifiche per le nuove squadre che acquisteranno “l’AC75 versione 1", costruite e utilizzate dalle squadre in competizione nell’ AC36.

La riduzione dei costi è stata una considerazione fondamentale nell’equazione per lo sviluppo del Protocollo dell’AC37. Alcuni di questi punti:

 

  • Le squadre possono costruire un solo AC75 nuovo.
  • Limitazioni nel numero di foil e componenti che possono essere costruiti per gli AC75.
  • Introduzione della classe multiuso One Design AC40 che i team potranno modificare e utilizzare per test, sviluppo componenti e allenamento Match Race.
  • La classe AC40 verrà quindi riconvertita nella classe One Design AC40 stazzata per regatare nei nuovi entusiasmanti eventi America's Cup Women's Regatta e America's Cup Youth. Questi eventi sono stati sviluppati per creare nuovi percorsi inclusivi accelerati nell'America's Cup per il vivaio in crescita di talenti globali di velisti donne e giovani.
  • L’equipaggio a bordo dell'AC75 per le regate sarà ridotto da 11 a 8 velisti.
  • Ci saranno ulteriori elementi di One Design.
  • Il recon (osservazione di altri team) sarà condiviso.
  • Il Software di partenza sarà fornito
  • La classe AC75 sarà mantenuta per i prossimi due eventi.

 

Il programma di osservazione condivisa degli altri team mira non solo ad una riduzione dei costi ma anche alla condivisione con i fan dell'America's Cup quello che accade dietro le quinte dei team nei test e nello sviluppo in mare. Le osservazioni saranno condivise sui canali media dell’America’s Cup in modo che i fan possano essere anche aggiornati sugli ultimi sviluppi in tempo reale per tutta la durata dell’AC37.

Al fine di aprire le porte al pubblico, e con l’intento di ampliare l’audience dell’America’s Cup e dello sport della vela a livello globale, i competitor dovranno acconsentire di far parte di un potenziale documentario dietro le quinte. L’obiettivo è di portare alla ribalta i segreti, la tensione e tutti i personaggi delle squadre.

Ci saranno fino a tre Regate Preliminari, le prime due disputate con gli AC40, l'ultima disputata con gli AC75 nella sede del Match finale. La Challenger Selection Series e l'America's Cup Match si terranno nel 2024; la sede della del Match e le date approssimative dell'evento saranno annunciate entro il 31 marzo 2022.

Il Protocollo illustra le restrizioni legate ai periodi di navigazione degli AC75. Con un vantaggio previsto per i nuovi Challenger nell'AC37, i team esistenti non potranno navigare sui loro AC75 prima del 17 settembre 2022, tuttavia i nuovi Challenger che si iscrivono all'AC37, e che hanno acquistato un "AC75 Versione 1" di seconda mano, potranno navigare con il loro AC75 per 20 giorni, a partire dal 17 giugno 2022. Ci saranno altre restrizioni relative ai periodi di navigazione e che saranno confermate una volta annunciata la sede del Match.

La regola della nazionalità dell'equipaggio richiederà che 100% dell'equipaggio di ogni team abbia un passaporto della nazione dello yacht club della squadra a partire dal 17 marzo 2021, o dovrà essere stato fisicamente presente in quel paese (oppure, agendo per conto di tale yacht club a Auckland, sede degli eventi AC36) per 18 mesi dei tre anni precedenti il 17 marzo 2021. In deroga a questo requisito, ci sarà una disposizione discrezionale che consentirà una quota di stranieri nell’equipaggio dei team di “Nazioni Emergenti”. 

Nell’ambito della ricerca costante per l'innovazione e le nuove tecnologie sostenibili nell'America's Cup, ci sarà l’obbligo per tutti i team di costruire e utilizzare due barche supporto con foil alimentate a idrogeno per la durata della loro campagna (soggetto a verifica concettuale del progetto). La speranza è che, mostrare la tecnologia dell'idrogeno, testata nel settore marino, contribuirà a creare un percorso rivoluzionario per l’industria allargata, e porterà ad una riduzione importante nelle emissioni di anidride carbonica. Queste imbarcazioni dovranno essere lunghe almeno 10 metri e i loro criteri di utilizzo e prestazioni sono descritti nel Protocollo.

L’organizzazione di Regata sarà del tutto indipendente dall'organizzazione dell'evento e sarà guidata dal Direttore di Regata. Gli arbitri e la giuria gestiranno ogni aspetto in termini di regolamenti in mare e controversie per tutti gli eventi.

 

I Comitati indipendenti di Regolamento e Stazza saranno responsabili dell'interpretazione della Regola di Classe AC75 e della stazza degli yacht.

  • Ci sarà un Arbitration Panel, composto da tre persone, che supervisionerà e tratterà tutte le controversie legate al Protocollo, con decisioni che verranno pubblicate per garantire l'integrità dell'evento.
  • Ci sarà inoltre un nuovo processo accelerato per ridurre i potenziali ritardi nelle decisioni legate alle contestazioni.

 

 

CLICCA QUI PER IL PROTOCOLLO

 

FONTE e FOTO: Lunarossachallenge.com

Stanno arrivando al Porticciolo Molosiglio di Napoli, sfidando una meteo abbastanza impegnativa, le imbarcazioni che parteciperanno alla 37ma Coppa Italia TRADER - Team Trophy ENWAY. Venerdì 29 ottobre alle ore 11.55: segnale di avviso della prima prova.

L’evento organizzato dal Circolo Canottieri Napoli in collaborazione con le locali sezioni della Lega Navale e della Sezione Velica della Marina Militare come sempre rappresenta la chiusura della stagione dell’altura tra le boe e sono molti i team di rilievo in arrivo nel golfo partenopeo per concorrere alla conquista degli ambiti trofei in palio.

Verranno premiati i primi cinque classificati Overall del Gruppo 1 (combinata ORC e IRC), ed i primi cinque classificati Overall del Gruppo 2 (combinata ORC e IRC).
Al primo classificato (somma dei punteggi ottenuti nelle due classifiche ORC e IRC) verrà assegnata la Coppa Italia (trofeo Challenger).
Al primo classificato della classifica per Circoli verrà assegnata la Coppa Italia per Club - Trofeo Challenger Enway (la classifica per Club viene stilata sommando i risultati migliori delle imbarcazioni di ogni società presenti sia in gruppo A che in gruppo B).
Il Trofeo Pippo dalla Vecchia andrà all’imbarcazione con la media età equipaggio più bassa e il Trofeo Emanuela Re andrà all’equipaggio con maggiori quote rosa a bordo.

 

Alcune squadre sono già formate:

 

  • Circolo Canottieri Napoli
  • Ulika, Swan 45 di Stefano Masi - Scugnizza, IY 11,98 di Vincenzo De Blasio
  • Club Nautico Marina di Carrara
  • Fantaghirò, Club Swan 42 di Carlandrea Simonelli - Palinuro, J99 di Gianluca Lamaro
  • Circolo della Vela di Roma
  • Meridiana, Salona41ibc di Sergio Liciani - Excalibur, X35 Mod. di Fabrizio Gagliardi
  • Centro Velico Siciliano
  • Loup Alvar, Sly 42 di Francesco Siculiana - South Kensington, First 35P di Massimo Licata D'Andrea
  • Lega Navale Pozzuoli
  • Nientemale, First 40 di Giuseppe Osci /Riccardo Calcagni - Varenne, IY 11.98 di Giovanni Toscano
  • Lega Navale Napoli
  • Blue Oyster, Dehler 60’ di Luca Scoppa - Patricia, First 34.7 di Mimmo Buonomo

 

Altre imbarcazioni presenti stanno perfezionando la formazione delle squadre:

  • Armada Nueva, Sun Fast 35 di Giulio Neri
  • Athyris & C, Grand Soleil 43 BC di Pier Giorgio Nardis
  • Balthazar, Show34 di Fabrizio Sarracino
  • Deneb, First 36.7 della Marina Militare
  • Duende Aeronautica Militare, Vismara 46 di Raffaele Giannetti
  • L'automobile Globulo Rosso, Este 31, Alessandro Burzi
  • Lancillotto, First 40 di Adriano Addobbati
  • Lea, X 372 di Massimiliano de Martino
  • Sayann, First 40 di Paolo Cavarocchi
  • Sekeles, M37 della Asd Fata Morgana

 

Il Presidente del Circolo Canottieri Napoli Achille Ventura: “Dopo i successi delle nostre imbarcazioni Ulika e Scugnizza, siamo felici e soddisfatti di ospitare quest’anno la Coppa Italia. Il nostro club è predisposto e dotato di conoscenza e strutture atte alla organizzazione di grandi eventi in mare e non sarà solo un evento sportivo ma anche di promozione e turismo per la città di Napoli”.

Alfredo Ricci, International Race Officer, Presidente del Comitato di Regata della 37ma Coppa Italia TRADER - Team Trophy ENWAY: “Sono molto felice che gli amici dell’UVAI mi abbiano voluto per il terzo anno di fila a seguire questa manifestazione. Ho sempre creduto fortemente nelle regate a squadre, dovrebbero essercene di più a mio modo di vedere. Il formato di questa sfida dai sapori antichi mi intriga molto, da Salernitano poi gioco quasi in casa e se Eolo decidesse di darci una mano certamente non mi lamenterei, meglio non dire di più”.

 

 

FONTE e FOTO: Comunicato stampa UVAI - Unione Vela Altura Italiana

Con la disputa del campionato zonale VII zona e della regata interzonale si è conclusa la prima fase di qualificazione al Campionato Italiano di flotta eSailing 2021 che ha visto al via 237 giocatori.

 

Di seguito tutti i campioni Zonali 2021:

 

  • 1° Zona MARCELLO BRIOSCHI (CN RAPALLO)
  • 2° Zona NICOLO' GATTI (CV PIOMBINESE)
  • 3° Zona ALESSANDRO SABINO (CDM FERTILIA)
  • 4° Zona TOMMASO SAMUELLI (ST BRACCIANO)
  • 5° Zona ANTONIO D'ANGELO (CN POSILLIPO)
  • 6° Zona SEBASTIANO DI PAOLA (CV REGGIO)
  • 7° Zona GIULIANO TROBIA (NIC CATANIA)
  • 8° Zona  GIUSEPPE D'AMATO (CV BARI)
  • 9° Zona Non Assegnato
  • 10° Zona TOMMASO TAMBLE' (A. ANCONA)
  • 11° Zona JACOPO PASINI (CV RAVENNATE)
  • 12° Zona CLAUDIO GIANOLI (CDV MESTRE)
  • 13° Zona  FRANCESCO PEDROTTI (SN PJETAS JULIA)
  • 14° Zona AMOS DI BENEDETTO (CN BRENZONE)
  • 15° Zona LUCA GAIERA (LNI MEINA)

 

Gli 80 timonieri qualificati  alla fase nazionale si affronteranno nei quarti di finale previsti per il giorno 24 ottobre alle ore 22.00 . Il formato dell’evento è la divisione in batterie e classifica unica sulla distanza delle 5 prove (1 scarto previsto). I migliori 37 della classifica si qualificheranno per la semifinale del 27/28 Ottobre dove raggiugeranno i 3 vincitori (Nord-Centro-Sud) del trofeo Mille per una Vela Rocco Guerra, Alberto Carraro e Marcello Brioschi.  Appuntamento per tutti Live sui canali Social della Federazione

 

CLICCA QUI PER I QUALIFICATI AI QUARTI DI FINALE

 

 

FONTE e FOTO: Comunicato stampa FIV

Puntata speciale de “L’uomo e il mare”, quella di ieri (7 ottobre 2021). All’interno del programma di Rai Sport in onda alle ore 23:00, infatti,

Giulio Guazzini ha dedicato ampio spazio al Mondiale Hansa 303 organizzato dalla Lega Navale Italiana ed in corso a Palermo fino a sabato 9 ottobre, con immagini ed interviste direttamente dal campo di gara in Sicilia.

Nel corso della puntata sono state trasmesse le interviste realizzate con il Presidente Nazionale della Lega Navale Italiana, Amm. Donato Marzano, e Beppe Tisci, Presidente della Sezione LNI di Palermo.

 

CLICCA QUI PER LA PUNTATA

Venticinque Paesi da tutto il mondo, 185 partecipanti, 118 barche, 126 team. Sono i numeri del Mondiale della Classe Paralimpica Hansa di vela, in programma a Palermo dal 2 al 9 ottobre 2021.

Alla Cala è tutto pronto per ospitare team e imbarcazioni: sono stati installati pontili mobili e una serie di sollevatori per facilitare l’accesso in barca degli atleti. Nell’area del Castello a Mare è stato realizzato un village dove si terrà la cerimonia di apertura (4 ottobre ore 16.30), la sfilata delle nazioni in stile olimpico, la cerimonia di chiusura e la premiazione (9 ottobre).

L’evento, organizzato dalla Lega Navale di Palermo, in collaborazione con assessorato Turismo Sport e Spettacolo della Regione Siciliana e grazie al fondamentale contributo della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale presieduta dal Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele, è stato presentato oggi al Loggiato San Bartolomeo alla presenza di Giuseppe Tisci - presidente della Lega Navale Italiana, sezione Palermo; Manlio Messina - assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana; Alberto Samonà, assessore dei Beni culturali e dell’identità Siciliana della Regione Siciliana; Leoluca Orlando – sindaco di Palermo; Paolo Petralia – assessore allo Sport del Comune di Palermo; Salvatore Mussoni - presidente del Cip Sicilia; Carlo Bruno - delegato Regione Sicilia Lni; Francesco Zappulla - presidente del Comitato della VII Zona della Federazione Italiana.

“Questo campionato è il campionato dei record. Maggior numero di atleti di sempre, maggior numero di imbarcazioni, maggior numero di nazioni un incredibile risultato al di là di ogni più rosea previsione – ha detto Giuseppe Tisci -. Nel 2019 abbiamo partecipato in Portogallo agli Europei di questa classe e lì abbiamo presentato la nostra candidatura. Inizialmente voleva essere una occasione per farci conoscere:   l’assegnazione dell’organizzazione alla LNI di Palermo è stata inizialmente una sorpresa poi ci siamo rimboccate le maniche per far si che sia un trampolino di lancio per contribuire al reinserimento della vela tra gli sport delle prossime Paralimpiadi. Un evento del genere, tra l’altro, genera ricadute in termini economici da non sottovalutare per il territorio che li ospita”.

Ha commentato il Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele, presidente della Fondazione Terzo Pilastro: «Sono davvero molto lieto che la Lega Navale Italiana, sezione di Palermo Centro, sia risultata aggiudicataria dell’organizzazione del Campionato del Mondo di Vela Hansa, grazie anche al sostegno – come il Presidente Tisci non ha mancato di riconoscere – della Fondazione Terzo Pilastro - Internazionale, che ha stanziato su mio impulso un importante contributo per l’installazione di un pontile attrezzato per il passaggio di carrozzine nella Cala di Palermo e per l’installazione, nella stessa Cala, di una casa galleggiante da parte dell’International Panathlon Club. Le due strutture sono state fondamentali nell’assegnazione alla Lega Navale dell’organizzazione del Campionato del Mondo di Vela Hansa, a riprova che la nostra costante attenzione nei confronti dell’inclusione degli atleti diversamente abili e del miglioramento della loro qualità di vita non va soltanto a favore della loro realizzazione in qualità di sportivi, ma costituisce anche un volano per l’affermazione a livello internazionale dello sport paralimpico nazionale».

“Voglio ringraziare la Lega Navale – ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando – per l’organizzazione di una edizione dei record: record di adesioni ma anche di presenze turistiche. Ma il vero record è lo spirito di collaborazione che si è consolidato attorno a questo evento. Un grande momento di vita della città: dal punto di vista sociale, economico, sociale”.

“La Lega Navale Italiana – dice l’ammiraglio Donato Marzano, presidente della Lega Navale nazionale - da 124 anni diffonde la cultura marittima nella popolazione, avvicina tutti al mare ed alla natura, anche attraverso le discipline sportive come la vela, senza barriere, limiti di età, di categoria sociale e di abilità fisiche o mentali. Il Campionato Mondiale organizzato dalla Sezione di Palermo, grazie alla volontà ed all’impegno del presidente e dei soci, rappresenta un esempio concreto di quanto forte sia la sinergia tra Lega Navale e le varie Istituzioni, enti e federazioni che assieme contribuiscono allo sport senza barriere, simbolo dell’Italia che sta ripartendo con il “mare al centro”.

“Un importante momento di sport e inclusione – ha detto Manlio Messina, assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana – che ci consente di allungare ulteriormente la stagione turistica che quest’anno è andata già molto bene. E lanciare la grande fiera internazionale del turismo che si terrà nel giugno 2022 al Foro Italico di Palermo. Palermo e la Sicilia continua a vivere un momento strepitoso grazie al binomio sport-cultura, non ci dimentichiamo che in queste ore stanno girando per le strade siciliane anche le biciclette del Giro di Sicilia. Solo in questo modo la nostra Isola esce dal guado, tornando ad essere protagonista”.

“Questa manifestazione internazionale che coinvolge 185 atleti provenienti da tutto il mondo è, non solo un’importante occasione che genera un buon indotto in termini di accoglienza, ma anche una straordinaria opportunità per far conoscere l’ineguagliabile patrimonio storico-culturale di Palermo, una città unica al mondo che merita di essere conosciuta da tutti per la propria bellezza. Sin dall’inizio del mio mandato - ha sottolineato l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà - ho voluto sensibilizzare le strutture culturali della Sicilia circa la necessità di effettuare gli interventi necessari a ridurre e abbattere le barriere che impediscono una corretta fruizione dei luoghi. È per questo che oggi i musei e i parchi archeologici della Sicilia, grazie ad un importante lavoro di riqualificazione e ammodernamento, sono pronti ad incontrare l’energia vitale degli atleti e dei loro accompagnatori con un appeal che li ha resi più dinamici, innovativi e attrezzati ad accogliere visitatori con esigenze diverse”.

Carmelo Forastieri, presidente nazionale Classe Hansa 303, ha parlato della sicurezza di queste barche: “che possono essere condotte anche da un equipaggio doppio, così anche un timoniere con gravi disabilità potrà essere aiutato da un accompagnatore. È una barca particolarmente stabile, essendo dotata di un bulbo che sostanzialmente non le permette di scuffiare. Una regata internazionale di questo tipo ci rilancia dopo l’emergenza Covid. La presenza di così tanti equipaggi è un messaggio per sottolineare l’importanza della vela per disabili, purtroppo dal 2016 la vela paralimpica non esiste più. Gli equipaggi da battere? Sono quelli francesi, portoghesi e australiani ma anche l’Italia saprà difendersi bene”.

 

IL PROGRAMMA

 

Venerdì 1 ottobre

Ore 9 - Accoglienza e registrazione team

Ore 16.30 - Convegno dal tema: “La bellezza dello sport, limiti da superare o rispettare”. In collaborazione con UPMC - Ospedale Civico Arnas Palermo - Associazione Medici Cattolici.

 

Sabato 2 ottobre

Ore 9 - Controllo di stazza imbarcazioni

 

Domenica 3 ottobre

Ore 9 – Accoglienza, registrazione team e controllo di stazza imbarcazioni

 

Lunedì 4 ottobre

Ore 9 - Accoglienza, registrazione team e controllo di stazza imbarcazioni

Ore 12 - Practice Race

Ore 16.30 - Cerimonia di apertura:

- Alzabandiera (inno di Mameli a cura Orchestra Kids Teatro Massimo)

- Sfilata delle nazioni

- Presentazione Hansa World Championship

- Saluto autorità 

- Brindisi benvenuto

 

Martedì 5 ottobre

Ore 10.30 – Regate singoli

Ore 14.30 – Regate doppio

Ore 18 - Klaxxon Event:  presentazione “Progetto Wow” con Andrea Stella

 

Mercoledì 6 ottobre

Ore 10.30 – Regate doppio

Ore 11 – Uscita Wow - Catamarano Spirito di Stella

Ore 14.30 – Regate singoli

 

Giovedì 7 ottobre

Ore 10.30 – Regate singoli

Ore 11 – Uscita Wow - Catamarano Spirito di Stella

Ore 14.30 – Regate doppio

Ore 18 - Show event

 

Venerdì 8 ottobre

Ore 10.30 – Regate doppio

Ore 11 – Uscita Wow - Catamarano Spirito di Stella

Ore 14.30 – Regate singoli

 

Sabato 9 ottobre 

Ore 10.30 – Regate singoli

Ore 11 – Uscita Wow - Catamarano Spirito di Stella

Ore 13.30 – Regate doppio

Ore 17.00 - Cerimonia di chiusura e premiazione

 

 

Per avere informazioni sempre aggiornate sulla competizione: www.hansaworlds2021.org