Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. 

È stato un fine settimana diverso dalla solita "gita al mare", quello vissuto dai ragazzi della Lega Navale di Rimini e dagli utenti seguiti dal Servizio Territoriale di Modena della Fondazione Lega del Filo d'Oro Onlus. Ragazze e ragazzi con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale sono stati ospitati lo scorso weekend a bordo delle imbarcazioni, sia a motore che a vela, messe a disposizione dai soci della Lega Navale di Rimini, dove si sono potuti dedicare ad attività come la pesca e l'uscita in barca una vela.

 

Per quasi tutti i partecipanti è stata la prima occasione di vivere il mare come non scopo mai fatto prima, "oltre la battigia", e le emozioni provate sono state intense ed emozionanti: si sono cimentati con la pesca in alto mare, rimanendo in “ascolto” delle vibrazioni della canna, hanno aiutato l'equipaggio nell'issare le vele per poi gonfiarle e “filare via sull'acqua”, sono stati coinvolti alla guida del timone e farsi cullare dalle, rinfrescati dagli schizzi del mare. L'esperienza proposta nel corso dello scorso fine settimana rappresenta la prima di tante altre opportunità di collaborazione tra i due Enti.

 

La Lega Navale Italiana, che quest'anno festeggia i suoi 125 anni di attività, ha tra i suoi scopi statutari anche quello di avvicinare le persone al mare, offrendo l'opportunità di prendere il largo a bordo di imbarcazioni che gli stessi soci pongono a disposizione. Consente inoltre di fare esperienza della navigazione a giovani e persone che, per i più diversi motivi, non vogliono possibilità di farla.

 

La Fondazione Lega del Filo d'Oro Onlus è, dal 1964, il più importante punto di riferimento in Italia per l'assistenza, l'educazione, la riabilitazione, il recupero e la valorizzazione delle potenzialità residue e il sostegno alla ricerca della maggiore autonomia possibile delle persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale. Un percorso di oltre 57 anni, che ha portato l'Ente a dare voce ai bisogni di chi non vede e non sente e delle loro famiglie, a migliorare la loro qualità di vita, offrendo servizi con uno standard qualitativo idoneo alle loro esigenze specifiche e promuovendo un approccio inclusivo nella società. Oggi la Fondazione è presente in dieci regioni, con i Centri principali e i Servizi Territoriali di Osimo (AN), sede dell'Ente, Lesmo (MB), Modena, Molfetta (BA) e Termini Imerese (PA) e con i Sedi Territoriali di Novara, Padova, Pisa, Roma e Napoli. Segue ogni anno oltre 950 utenti provenienti da tutta Italia e giorno dopo giorno affrontano insieme a loro la sfida di andare oltre il buio e il silenzio.

 

Un ringraziamento va anche alla Marina di Rimini, che ha messo a disposizione gratuitamente i propri spazi, facilitando l'imbarco a bordo per lo svolgimento delle uscite in mare.

 

 

Pin It